Scritto: Mercoledì, 12 Settembre 2018 19:04 Ultima modifica: Giovedì, 13 Settembre 2018 18:05

Discesa parzialmente riuscita per Hayabusa-2


La prima prova generale di touchdown non è andata come previsto perchè l'altimetro laser non è stato in grado di misurare efficacemente la distanza da Ryugu.

Rate this item
(0 votes)
Mosaico di alcune delle immagini riprese dalla camera grandangolare ONC-W1 durante l'avvicinamento, nell'arco di 23 ore.
Mosaico di alcune delle immagini riprese dalla camera grandangolare ONC-W1 durante l'avvicinamento, nell'arco di 23 ore.
Credit: JAXA - Processing: M. Di Lorenzo

 Ieri c'è stato il primo tentativo di discesa sull'asteroide da parte della sonda giapponese, il cosiddatto "Rehearsal 1 for Touchdown 1" (TD1-R1). Secondo i piani della Jaxa, la manovra sarebbe iniziata la mattina di lunedi partendo dal "Box-A" a 20 km dall'asteroide; dopo 10,5 ore di discesa a 0,4 m/s, Hayabusa-2 ha raggiunto 5 km di distanza, rallentando a soli 0,1 m/s. Alla fine, la sonda avrebbe dovuto raggiungere una altezza minima inferiore ai 40 metri intorno alle 7:25 (ora italiana) per poi riaccendere i motori e allontanarsi a 0,7 m/s verso una posizione di osservazione (home position) a 6 km da Ryugu.

 Purtroppo, però, non è andata così e, arrivata a 600 metri d'altezza, la navicella spaziale si è fermata autonomamente per poi risalire. La causa della prematura interruzione nella discesa è da imputare al dispositivo LIDAR, che dovrebbe misurare la distanza dalla superficie dell'asteroide tramite la riflessione (o meglio, la diffusione) di impulsi laser. Una probabile ragione per cui questa misura è stata impossibile è la bassa riflettanza (albedo) della superficie di Ryugu.

 La condizione della navicella è normale e oggi è tornanta alla posizione di partenza (Box-A). A partire da domani, il team a Terra prevede di rivedere la procedura di discesa, compresa una revisione delle impostazioni LIDAR. Si spera che il problema venga risolto perchè in caso contrario Hayabusa non potrebbe effettuare una discesa sicura su Ryugu e prelevarne campioni a fine Ottobre. Nel frattempo, godiamoci questo filmato realizzato dal sottoscritto a partire da 23 fotogrammi scattati dalla fotocamera grandangolare ONC-W nella fase finale della discesa, tra le 13:16 di ieri e le 5:58 di stamattina.

Rearshal1a

 Credit: JAXA - Processing: M. Di Lorenzo

 Gli osservatori più attenti noteranno, negli ultimi fotogrammi, la zona luminosa sulla sinistra dovuta al "backscattering" da parte dello strato di regolite superficiale, che diffonde la luce solare soprattutto verso la direzione da cui è venuta. Al centro di questo alone luminoso, fa capolino l'ombra di Hayabusa-2, ben visibile nell'immagine di apertura opportunamente processata. In effetti, sulla base delle dimensioni apparenti di Ryugu, nell'ultima immagine la scala dovrebbe essere 3,1 m/pixel e quindi la sonda dovrebbe sottendere circa 1 pixel, pannelli solari compresi. Tra l'altro, la scala indica anche la distanza da cui è stata scattata l'immagine, sapendo che il campo abbracciato da ONC-W è circa 60°: il risultato è circa 3 km, dunque ben prima che venisse raggiunta la distanza minima! E' possibile che altre immagini, ancora più ravvicinate, vengano rilasciate a breve... non è chiaro se anche la camera telescopica abbia scattato immagini in prossimità del massimo avvicinamento; in caso affermativo, dovrebbe essere possibile vedere dettagi dell'ordine di 10 cm, cosa peraltro già avvenuta il 6 agosto, quando la sonda scese a 850 metri dalla superficie di Ryugu.

 

Riferimenti:
https://aliveuniverse.today/speciale-missioni/sistema-solare/hayabusa-2/3613-hayabusa-2-pronta-al-touchdown
http://www.hayabusa2.jaxa.jp/en/topics/20180912e/
http://www.hayabusa2.jaxa.jp/en/galleries/onc/nav20180911/

 

Letto: 1107 volta/e Ultima modifica Giovedì, 13 Settembre 2018 18:05

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 28 settembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 28 settembre. Statistiche ...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora