Scritto: Venerdì, 17 Febbraio 2017 05:44 Ultima modifica: Venerdì, 17 Febbraio 2017 07:02

Ci sono molecole organiche su Cerere!


Secondo un nuovo studio appena pubblicato sulla rivista Science, i dati inviati a Terra dalla sonda della NASA Dawn suggeriscono che all'interno di Cerere si può formare materiale organico.

Rate this item
(0 votes)
Concentrazioni di materiali organici attorno al cratere Ernutet: i colori caldi indicano le concetrazioni maggiori. Concentrazioni di materiali organici attorno al cratere Ernutet: i colori caldi indicano le concetrazioni maggiori. Crediti: NASA/JPL-Caltech/UCLA/ASI/INAF/MPS/DLR/IDA

"Vediamo un sacco di chimica interessante su Cerere e questa è la prima volta in cui abbiamo rilevato la firma inequivocabile di molecole organiche su un corpo extraterrestre", ha dichiarato Maria Cristina De Sanctis dell''Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF). che ha guidato lo studio.

"Dato che Cerere conserva ancora del calore interno dal periodo della sua formazione e potrebbe anche avere un oceano sotto la superficie, questo risultato apre la strada alla possibilità che la vita primitiva si sarebbe potuta sviluppare sul pianeta nano", ha commentato Michael Küppers dell'European Space Astronomy Centre di Madrid.

La scoperta è avvenuta grazie allo spettrometro italiano VIR a bordo della sonda, durante i sorvoli a quote comprese tra i 4.300 e 385 chilometri dalla superficie.
In un'area di circa 1.000 chilometri quadrati dell'emisfero settentrionale, nei pressi del cratere Ernutet, lo strumento ha rilevato tracce di materiale organico, formate prevalentemente di composti alifatici simili a sostanze bituminose. Ma queste patch di terreno potrebbero non essere le uniche perché al momento sono state analizzate solo le medie latitudini tra i 60 gradi nord e 60 gradi sud.

Anche se le molecole organiche sono state trovate nei pressi di un bacino da impatto, il team è convito che non siano arrivate dallo spazio a seguito di urti con altri corpi celesti perché appartengono ad una classe molto delicata che verrebbe distrutta dal calore generato durante una collisione. Sarebbero, invece, native del pianeta nano e potrebbero essersi formate attraverso reazioni che coinvolgono l'attività idrotermale, di cui Cerere mostra tracce piuttosto evidenti in superficie. Il famoso "Bright Spot", al centro del cratere Occator, potrebbe esserne la prova.

Se così fosse, la scoperta avvalorerebbe l'ipotesi che la vita sulla Terra si è evoluta a seguito del bombardamento di asteroidi e comete, che avrebbero consegnato i "mattoni della vita".
Il risultato, inoltre, pone Cerere nell'élite dei corpi potenzialmente abitabili del nostro Sistema Solare, al pari della luna di Saturno, Encelato, o della luna di Giove, Europa.

Localized aliphatic organic material on the surface of Ceres [abstract]

Organic compounds occur in some chondritic meteorites, and their signatures on solar system bodies have been sought for decades. Spectral signatures of organics have not been unambiguously identified on the surfaces of asteroids, whereas they have been detected on cometary nuclei. Data returned by the Visible and InfraRed Mapping Spectrometer on board the Dawn spacecraft show a clear detection of an organic absorption feature at 3.4 micrometers on dwarf planet Ceres. This signature is characteristic of aliphatic organic matter and is mainly localized on a broad region of ~1000 square kilometers close to the ~50-kilometer Ernutet crater. The combined presence on Ceres of ammonia-bearing hydrated minerals, water ice, carbonates, salts, and organic material indicates a very complex chemical environment, suggesting favorable environments to prebiotic chemistry.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1486 times Ultima modifica Venerdì, 17 Febbraio 2017 07:02
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista