Scritto: Mercoledì, 13 Gennaio 2016 13:34 Ultima modifica: Mercoledì, 27 Gennaio 2016 07:05

Nuove immagini ad alta risoluzione da Cerere


Pubblicate quattro nuove spettacolari foto scattate dalla quota LAMO, intanto Dawn ha affinato ulteriormente l'orbita.

Rate this item
(0 votes)
Collage di dettagli tratti dalle 4 nuove immagini Collage di dettagli tratti dalle 4 nuove immagini credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

 La sonda Dawn, come si ricorderà, è entrata nella orbita più bassa attorno a Cerere il 7 Dicembre scorso. Poco prima di Natale, erano state pubblicate le prime 4 immagini scattate dalla nuova quota di 385 km, con una risoluzione di 35 m/pixel. In seguito, la sonda ha effettuato un paio di aggiustamenti di orbita per sincronizzare le osservazioni con la rotazione del pianeta nano: il primo nella notte di San Silvestro, quando ha acceso i suoi motori a ioni per 11 ore e ha poi dedicato un giorno intero a trasmettere i dati raccolti in precedenza; un'altra sequenza di correzione di orbita e trasmissione dati si è ripetuta nello scorso weekend e la successiva dovrebbe iniziare oggi. Come ha raccontato il direttore della missione Marc Rayman nel suo ultimo "Journal", al 31 Dicembre Dawn aveva già scattato 16000 immagini di Cerere e, di queste, 2000 erano state riprese dall'orbita LAMO. Adesso, la Nasa ha pubblicato quattro di queste nuove immagini, tutte effettuate intorno al 20 Dicembre scorso, durante il primo ciclo di osservazioni.

 La prima immagine mostra il cratere Dantu, 125 km di diametro, nell'emisfero settentrionale. Una fitta rete di fratture attravera sul pavimento di 78 miglia a livello (126 chilometri di larghezza) Dantu Crater. Uno dei più giovani grandi crateri sulla Luna della Terra, Tycho, ha fratture simili. Questa fessurazione può essere il risultato di raffreddamento del materiale subito dopo l'impatto oppure conseguenza di un successivo sollevamento del pavimento del cratere.

PIA20193

Il fondo del cratere Dantu, PIA20193 - credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

 Andando 32 Km a Ovest di Dantu, Dawn ha fotografato questo interessante cratere con profonde scarpate ed affascinanti creste sul bordo; la cosa più affascinante è la struttura a spirale dei rilievi sul fondo del cratere, reminiscenti di quelle osservate nel più grande cratere Rheasilvia, al polo sud di Vesta.

PIA20194

Il cratere a ovest di Dantu, PIA20194 - credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

 Il Kupalo Crater, uno dei più giovani di Cerere, mette in mostra molti aspetti affascinanti alla risoluzione di 35 metri per pixel. Il cratere esibisce un materiale chiaro esposto sul suo bordo, che potrebbe essere costituito da sali in analogia a quanto osservato nel "bright spot" di Occator; il pavimento al suo interno mostra depositi di detriti e fratture ricurve da materiale solidificato. Kupalo, che misura 16 miglia (26 chilometri) di diametro e si trova alle medie latitudini meridionali, prende il nome dal dio slavo della vegetazione e del raccolto; ed era già stato fotografato in precedenza da Dawn ma non così in dettaglio (si vedano le immagini PIA19624 e PIA20124). "Questo cratere e dei suoi depositi di recente formazione sarà un obiettivo primario di studio per la squadra Dawn nella fase di mappatura finale", ha detto Paul Schenk, un membro del team scientifico.

PIA20192

Il cratere Kupalo, PIA20192 - credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

 Infine, Dawn ci ha regalato questa vista ravvicinata del cratere Messor, grande 40 chilometri e localizzato a medie latitudini settentrionali. Anche in questo caso l'interno dell'antico cratere ha una topografia tormentata e, sul bordo settentrionale, si intravede un flusso di materiale a forma di lobo che copre in parte il fondo del cratere, proveniente dalla formazione di un cratere recente più a Nord.

PIA20191

Il cratere Messor, PIA20191 - credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

 La fine della missione primaria è prevista per il 30 giugno 2016. "Quando siamo salpati per Cerere dopo aver completato la nostra esplorazione di Vesta, ci aspettavamo di rimanere sorpresi da ciò che avremmo trovato; Cerere non ci ha delusi!", ha dichiarato Chris Russell, ricercatore principale della missione. "Ovunque guardiamo durante questa nuova mappatura a bassa quota, vediamo morfologie incredibili che raccontano del carattere unico di questo mondo incredibile."

 

Fonti utilizzate:
http://www.nasa.gov/feature/jpl/new-details-on-ceres-seen-in-dawn-images
http://dawn.jpl.nasa.gov/mission/status.html
http://dawnblog.jpl.nasa.gov/2015/12/31/dawn-journal-december-31/

Altre informazioni su questo articolo

Read 1684 times Ultima modifica Mercoledì, 27 Gennaio 2016 07:05
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

 Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/9 - Sol 645] - Meteoro...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 18/9/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista