Scritto: Martedì, 30 Settembre 2014 06:44 Ultima modifica: Martedì, 30 Settembre 2014 07:12

Cassini studia l'Isola Magica di Titano


Era stata notata per la prima a giugno di quest'anno tra le immagini radar della sonda della NASA Cassini riprese a luglio 2013, sul Ligeia Mare, a 78° N, 123° E, sulla luna di Saturno, Titano.
Era stata subito battezzata l'"Isola Magica": è un curioso elemento apparso e poi scomparso di nuovo, che si estende per 160 chilometri quadrati nel grande mare di idrocarburi, nell'emisfero settentrionale della luna.

Ora, l'Isola Magica è stata osservata una seconda volta ma il suo aspetto è cambiato dalla prima apparizione.

Rate this item
(0 votes)

NASA Cassini: isola magica

Credit: NASA/JPL-Caltech/ASI/Cornell

Era stata notata per la prima a giugno di quest'anno tra le immagini radar della sonda della NASA Cassini riprese a luglio 2013, sul Ligeia Mare, a 78° N, 123° E, sulla luna di Saturno, Titano.
Era stata subito battezzata l'"Isola Magica": è un curioso elemento apparso e poi scomparso di nuovo, che si estende per 160 chilometri quadrati nel grande mare di idrocarburi, nell'emisfero settentrionale della luna.

Ora, L'Isola Magica è stata osservata una seconda volta ma il suo aspetto è cambiato dalla prima apparizione.

Questo elemento appare luminoso nelle immagini SAR rispetto allo sfondo scuro del mare.
Osservazioni precedenti al 2013 non avevano mostrato alcuna caratteristica in quel punto e, in ogni caso le foto mostrano che era di nuovo scomparsa qualche giorno più tardi, tanto che gli scienziati ritenevano si trattasse di un fenomeno transitorio come onde ed increspature causate dai venti sulla superficie del mare, bolle di gas provenienti dal sottosuolo, o blocchi congelati risaliti in superficie con le temperature più alte, oppure una sorta di limo addensato. Ma durante il flyby della Cassini del 21 agosto 2014, l'Isola Magica era di nuovo lì ed era anche diversa rispetto al 2013, raddoppiando le sue dimensioni da circa 75 chilometri quadrati a circa 160 chilometri quadrati.

Per i ricercatori, l'unica cosa certa è che non si tratta di un artefatto (che sarebbe stata anche la spiegazione più semplice!).
Questo sembra essere l'unico elemento a mutare considerevolmente: non c'è infatti, alcuna prova di evaporazione nel Ligeia Mare e il resto del litorale non ha subito modifiche sostanziali.
In ogni caso, c'è il sospetto che la curiosa caratteristica sia legata in qualche modo alle stagioni di Titano, ora che si sta avvicinando l'estate nell'emisfero settentrionale della luna.

"La scienza ama i misteri e con questa caratteristica enigmatica abbiamo un esempio emozionante di cambiamenti in atto su Titano", ha detto Stephen Muro, vice ricercatore principale della squadra radar della Cassini, al Jet Propulsion Laboratory della NASA a Pasadena, in California.
"Siamo fiduciosi che saremo in grado di continuare a guardare i cambiamenti acquisendo conoscenza su cosa sta succedendo in quel mare alieno".

Letto: 1389 volta/e Ultima modifica Martedì, 30 Settembre 2014 07:12
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista