Print this page
Scritto: Mercoledì, 21 Maggio 2014 11:07 Ultima modifica: Mercoledì, 21 Maggio 2014 16:44

Titano occulta Eta Ursae Majoris durante ultimo flyby della Cassini


Tra il 16 e il 17 maggio, la sonda della NASA Cassini ha eseguito il flyby T-101 intorno alla grande luna di Saturno, Titano.

In questo sorvolo le fotocamere della Cassini hanno potuto assistere all'occultazione della stella Eta Ursae Majoris, nota come Alkaid, la terza stella più brillante della costellazione dell'Orsa Maggiore.

Rate this item
(0 votes)

Titano occulta Eta Ursae Majoris

Titano occulta Eta Ursae Majoris - flyby T-101
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Tra il 16 e il 17 maggio, la sonda della NASA Cassini ha eseguito il flyby T-101 intorno alla grande luna di Saturno, Titano.

Costellazione Ursa Major - source WikipediaIn questo sorvolo le fotocamere della sonda hanno potuto assistere all'occultazione della stella Eta Ursae Majoris, nota come Alkaid, la terza stella più brillante della costellazione dell'Orsa Maggiore.

L'evento è stato osservato dalla Narrow Angle Camera dell'Imaging Science Subsystem (ISS) e dall'Ultraviolet Imaging Spectrometer (UVIS), che sfrutta le occultazioni stellari per fornire un profilo ad alta risoluzione degli idrocarburi e della foschia nell'atmosfera di Titano, nonché un profilo di temperatura e pressione.

UVIS può sondare in profondità l'atmosfera, fino a un'altitudine di 200 chilometri, ben al di sotto della quota minima che può raggiungere la Cassini quando sorvola Titano.

Eta Ursae Major - Processing: 2di7 & titanio44La sequenza, formata da sei immagini, è stata scattata il 16 maggio, solo con i filtri BL1 e CL2.

La Narrow Angle Camera era puntata su Eta Ursae Majoris e ha continuato a tenere agganciato il target mentre Titano si avvicinava (da sinistra) approssimativamente da 322.416 chilometri a 295.713 chilometri.

L'immagine in apertura è una rielaborazione dell'evento, composta da quattro frame:
il primo, la foto completa di sfondo, è l'ultima della serie ottenuta dalla Cassini (N00224048);
ad essa, è stata sovrapposta un'immagine composita di tre scatti per la stella, dove le variazioni di luminosità tra un frame e l'altro hanno permesso di ottenere il colore nonostante utilizzassero tutti lo stesso filtro.

Altre immagini del flyby T-101 sono disponibili sul nostro album di flickr: 2di7 & titanio44.

Letto: 1188 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 21 Maggio 2014 16:44

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.