Scritto: Giovedì, 01 Maggio 2014 07:33 Ultima modifica: Giovedì, 01 Maggio 2014 08:15

NASA Cassini spia un altro punto blu ma non è la Terra


La nostra Terra, comunemente chiamata nelle diverse immagini spaziali inviate dalle sonde "Pale Blue Dot", dalla famosa citazione di Carl Sagan ispirata alla famosa immagine del 1990 inviata dalla Voyager 1 da oltre l'orbita di Plutone, è stata ripresa diverse volte, dal 2004 ad oggi, dalla sonda della NASA Cassini.
L'ultimo scatto risale al 19 luglio 2013, quando con un evento mediatico seguito da tutto il mondo, Wave at Saturn, la sonda aveva ripreso una vista completa di Saturno e i suoi anelli in uno spettacolare mosaico.

Rate this item
(0 votes)

NASA Cassini: Urano 11 aprile 2014

Credit: NASA / JPL-Caltech / SSI / Ian Regan / Val Klavans

La nostra Terra, comunemente chiamata nelle diverse immagini spaziali inviate dalle sonde "Pale Blue Dot", dalla famosa citazione di Carl Sagan ispirata alla famosa immagine del 1990 inviata dalla Voyager 1 da oltre l'orbita di Plutone, è stata ripresa diverse volte, dal 2004 ad oggi, dalla sonda della NASA Cassini.
L'ultimo scatto risale al 19 luglio 2013, quando con un evento mediatico seguito da tutto il mondo, Wave at Saturn, la sonda aveva ripreso una vista completa di Saturno e i suoi anelli in uno spettacolare mosaico.

La Cassini durante il suo decennale soggiorno nel sistema di Saturno ha ripreso molti pianeti del nostro Sistema Solare: oltre alla Terra (e alla Luna), anche Venere, Marte e Giove.
L'11 aprile 2014 ne ha aggiunto un altro alla lista: Urano.

Tra tutte le immagini raw pubblicate quasi quotidianamente nel catalogo della missione, quella giusta è stata scovata, dopo aver letto l'annuncio sul sito ciclops.org, da Val Klavans e Ian Regan, che hanno pubblicato il loro lavoro in un post sul sito della Planetary Society

La sonda stava riprendendo l'anello F del pianeta quando ha potuto approfittare di un allineamento propizio.
Urano si trovava a 4,28 miliardi di chilometri da Saturno, sul lato opposto rispetto al Sole.

NASA Cassini: Urano 11 aprile 2014

Credit: Celestia / Ian Regan / Val Klavans

NASA Cassini: Urano 11 aprile 2014

Credit: Celestia / Ian Regan / Val Klavans

Per lo stesso giorno, sono state programmate sia immagini con la Wide Angle che con la Narrow Angle camera.

Quando la Cassini riprende da vicino gli anelli di Saturno, gli allineamenti sono sempre piuttosto complicati, soprattutto nelle immagini della Narrow Angle Camera, a causa della geometria che cambia molto velocemente dal punto di vista della sonda.

Così, per ottenere l'immagine finale (in apertura), il team ha utilizzato tre riprese, fondendole poi selettivamente, scegliendo gli scatti con un'esposizione maggiore per cercare di far risaltare il debole Urano, a discapito però dell'anello F che risulta inevitabilmente sovraesposto.

Ecco le tre foto processate:

NASA Cassini: Urano 11 aprile 2014

Credit: NASA / JPL-Caltech / SSI / Val Klavans
Al seguente link è disponibile una nostra elaborazione della stessa immagine:
Saturn's rings 11, April 2014 W00088236-38 (red, grn, bl1)

NASA Cassini: Urano 11 aprile 2014

Credit: NASA / JPL-Caltech / SSI / Ian Regan

NASA Cassini: Urano 11 aprile 2014

Credit: NASA / JPL-Caltech / SSI / Ian Regan

La sonda della NASA Cassini il 22 febbraio 2014 aveva ripreso un altro Punto Blu, si trattava della stella α Pyx, che sfoggiava il suo colore e la sua luminosità insieme a Titano.

Letto: 4027 volta/e Ultima modifica Giovedì, 01 Maggio 2014 08:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista