Scritto: Domenica, 16 Marzo 2014 11:21 Ultima modifica: Domenica, 16 Marzo 2014 12:16

NASA Cassini: due lune all'ombra di Saturno


Venerdì sera sono tornata a casa da lavoro con tanti buoni propositi e la voglia di rilassarmi con le ultime immagini inviate da Marte e da Saturno.
Non appena ho aperto il catalogo della missione Cassini, ho pensato "WOW, quante belle foto! Da dove comincio?". Ho scelto tra tutte la sequenza che mi sembrava più suggestiva ma la stanchezza della settimana si è fatta sentire e sono riuscita solo a mettere insieme una visione a colori.

Rate this item
(0 votes)

 Saturn and Mimas N00221560-61-63

Saturn and Mimas N00221560-61-63
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Venerdì sera sono tornata a casa da lavoro con tanti buoni propositi e la voglia di rilassarmi con le ultime immagini inviate da Marte e da Saturno.
Non appena ho aperto il catalogo della missione Cassini, ho pensato "WOW, quante belle foto! Da dove comincio?". Ho scelto tra tutte la sequenza che mi sembrava più suggestiva ma la stanchezza della settimana si è fatta sentire e sono riuscita solo a mettere insieme una visione a colori.

L'immagine in apertura è stata quindi la prima che ho elaborato, utilizzando la N00221563.jpg scattata con i filtri CL1 e CB1 come rosso, la N00221561.jpg ripresa in CL1 e GRN come verde e la N00221560.jpg con i filtri CL2 e BL1 come blu. Naturalmente ho dovuto applicare un po' di imaging processing alla luna in controluce che assume posizioni molto diverse tra uno scatto e l'altro. Ma che cosa stavo guardando?
Una prima verifica con il NASA Solar System Simulator, mi aveva portata a pensare che quella piccola palla scusa fosse Dione che, più o meno alle 14:00 UTC, poteva esser stata avvistata dalla Cassini transitare proprio in corrispondenza della sottile falce illuminata di Saturno.

NASA Solar System Simulator - Cassini 11 marzo

Ma il giorno seguente ho ricontrollato l'intera sequenza della quale mi era sfuggito un indizio fondamentale: nella prima immagine c'era anche un'altra luna avvolta nell'oscurità, appena al limite del campo visivo della Cassini.

Ecco l'immagine raw originale (N00221560.jpg) e la mia elaborazione, mirata a svelare l'identità dell'intrusa!

Cassini N00221560.jpg

 Credit: NASA/JPL/Space Science Institute

 Cassini - Satutn Mimas and Enceladus N00221560

Satutn Mimas and Enceladus N00221560
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Avrete già notato che l'immagine processata è stata ruotata di 180 gradi rispetto all'originale.
In effetti, controllando meglio la danza delle lune intorno a Saturno dell'11 marzo 2014, giorno dello scatto, si trova un altro momento ancora più scenografico del passaggio di Dione.

Intorno alle 18:00 UTC Enceladus e Mimas si sono trovate a transitare, in questa successione, sul lato destro di Saturno, dove l'anello di luce creato dal Sole andava ad allargarsi verso l'alto.

Cassini - Mimas Eceladus 11 marzo

La Cassini si trovava a circa 1.358.000 chilometri da Saturno quando ha scattato le sette immagini in successione.
Mettendole insieme si ottiene la gif animata dell'interno transito, anche se i toni di grigio dei singoli frame non sono molti uniformi fra loro dato che ognuno è stato ripreso con un filtro diverso.

Saturn Mimas Eceladus gif-movie N00221560-66

Saturn Mimas Eceladus gif-movie N00221560-66
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Enceladus, nell'immagine migliorata, sfoggia una sottile falce illuminata nella parte superiore, proprio come Saturno, ma anche una certa riflessione in basso. Ebbene, in accordo con il NASA Solar System Simulator, quel chiarore arriva dai geyser del polo sud della luna. 

Cassini - Eceladus 11 marzo

Grazie Cassini! :)

Letto: 1625 volta/e Ultima modifica Domenica, 16 Marzo 2014 12:16
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista