Scritto: Mercoledì, 06 Novembre 2013 05:51 Ultima modifica: Mercoledì, 06 Novembre 2013 06:46

Missione Cassini: l'atmosfera di Titano reagisce all'attività solare


La missione congiunta NASA-ESA-ASI Cassini ha osservato il sistema di Saturno per oltre nove anni.
Ora, un'analisi dettagliata dei dati concentrata sulle osservazioni della grande luna di Saturno, ha confermato che la densità della ionosfera di Titano è direttamente connessa ai cicli dell'attività solare.

Rate this item
(0 votes)

Titan clouds anaglyph (N00156687 88 89)

Titan clouds anaglyph (N00156687 88 89)
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

La missione congiunta NASA-ESA-ASI Cassini ha osservato il sistema di Saturno per oltre nove anni.
Ora, un'analisi dettagliata dei dati concentrata sulle osservazioni della grande luna di Saturno, ha confermato che la densità della ionosfera di Titano è direttamente connessa ai cicli dell'attività solare.

Tutti i pianeti e i satelliti con atmosfere possiedono una ionosfera, ossia una regione nell'atmosfera superiore dominata da particelle ionizzate (elettricamente cariche). In particolare, parliamo della fotoionizzazione che si verifica quando i raggi X e gli ultravioletti estremi (EUV) scindono le molecole atmosferiche in ioni ed elettroni.
Come risultato la densità della ionosfera è maggiore sul lato diurno e minore su quello non illuminato dalla luce del Sole.

La scoperta di una ionosfera su Titano risale ai dati rilevati dala Voyager 1 a novembre 1980 ma la nostra conoscenza maggiore è iniziata proprio con l'arrivo della sonda Cassini nel sistema di Saturno a luglio 2004.

Più grande di Mercurio, Titano è ricoperta con una densa foschia arancione di molecole organiche che nasconde la superficie ghiacciata del satellite.
Come sulla Terra, il gas più abbondante in atmosfera è l'azoto ma, a differenza del nostro pianeta, la ionosfera di Titano è dominato da composti organici piuttosto complessi, più una serie di elementi minori.

La sorgente di ionizzazione primaria per l'atmosfera di Titano è il flusso solare EUV che impatta sulle particelle intrappolate di riflesso dal grande campo magnetico di Saturno e restituisce la ionosfera sul lato diurno della luna.

La struttura della ionosfera è stata ampiamente studiata durante la missione Cassini.
La densità di picco si trova 1.000 - 1.300 chilometri dalla superficie, con un decremento di altitudine dove il Sole è più alto sopra l'orizzonte.
La massima densità di elettroni è in genere di circa 3.000 particelle per centimetro cubo sul lato diurno, a fronte di circa 1.000 particelle per centimetro cubo sul lato in ombra della luna.

Tuttavia, misurazioni più globali hanno rilevato che la densità può variare anche notevolmente con il tempo.

Ora, che abbiamo a disposizione oltre nove anni di dati, più le osservazioni precedenti ed altre che si vanno ad integrare alle analisi della Cassini, un team internazionale di scienziati ha voluto approfondire la variabilità della ionosfera nel corso di un ciclo solare di 11 anni.

Lo studio si basa sulle rilevazioni dello strumento Langmuir a bordo della sonda Cassini, utilizzato per monitorare la densità, la temperatura e la velocità del plasma (elettroni e ioni).

Nell'articolo "Solar cycle modulation of Titan's ionosphere" pubblicato sulla rivista Geophysical Research, gli autori confrontano i dati ottenuti ad inizio missione, quando l'attività solare era moderata, con i dati dei più recenti passaggi ravvicinati durante i quali il Sole ha manifestato un'attività maggiore.
Correggendo le misurazioni in base alla diversa geometria del flyby, la loro analisi mostra una correlazione precisa tra la quantità di ionizzazione nella ionosfera di Titano e il livello di attività solare.

Niklas Edberg, ricercatore post-dottorato presso il Swedish Institute of Space Physics di Uppsala, autore principale dello studio, dichiara:
"Dal primo flyby su Titano della missione Cassini il 26 ottobre 2004, al T71 (settantaduesimo flyby) del 7 luglio 2010, non è stato possibile identificare tutti i grandi cambiamenti nella struttura della ionosfera in risposta ai cicli solari".
"Tuttavia, dopo il 2010, l'attività solare è aumentata rapidamente e la nostra analisi ha dimostrato che, nel corso di sei flyby su Titano, tra maggio 2012 e novembre 2012, la densità di elettroni nella regione di punta della ionosfera, misurata dalla sonda Langmuir sulla Cassini, è aumentata del 15 - 30%, rispetto alla precedente media".

Questo marcato incremento della densità della ionosfera ha coinciso con l'aumento dell'attività solare, anche se Titano ha ricevuto una minore percentuale di radiazione in arrivo dalla nostra stella a causa dell'orbita ellittica di Saturno e all'aumentare della distanza dal Sole (dal 2004 al 2012 Saturno si è spostato verso l'esterno dal Sole di oltre 100 milioni di chilometri).

"La densità di picco durante i più recenti flyby su Titano è significativamente aumentata rispetto alle misurazioni dei flyby precedenti e valori più alti sono stati generalmente trovati anche a quote più basse nella ionosfera rispetto ai valori medi precedenti", ha detto Edberg.

I risultati della squadra sono in ottimo accordo con la teoria esistente, che prevede che il tasso di produzione di ioni ed elettroni dovrebbe essere proporzionale alla radice quadrata della crescita del flusso ionizzante.

E' interessante notare che la maggior parte delle misurazioni della Cassini della ionosfera di Titano si sono verificate nel corso di un periodo molto speciale, il più profondo minimo solare dal XVII secolo.
Come risultato, le densità di picco misurate sono le più basse rispetto ai cicli precedenti.

Calcoli teorici mostrano che il picco di densità di elettroni della ionosfera, durante i periodi di attività solare più intensa, dovrebbe superare i 6.500 particelle per centimetro cubo nel punto subsolare e questo sarebbe il 85-160% in più rispetto a quanto osservato finora.

"Esistono quasi gli stessi meccanismi che si verificano sulla Terra, quando si discutono i possibili effetti a lungo termine dei cicli solari sull'evoluzione del clima del nostro pianeta", ha detto Nicolas Altobelli, scienziato del progetto Cassini dell'ESA.
"Titano è spesso definito come una Terra primitiva in un congelatore, quindi è interessante confrontare i processi fisici che hanno luogo nelle atmosfere superiori di questi due mondi".

Fonte: sci.esa.int/cassini-huygens/53074-the-active-sun-boosts-titan-outer-atmosphere
Traduzione ed adattamento a cura di Elisabetta Bonora

Read 5838 times Ultima modifica Mercoledì, 06 Novembre 2013 06:46
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 4 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 4 Aprile sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 4 Aprile [Last update: 04/04/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS