Scritto: Mercoledì, 22 Maggio 2013 20:54 Ultima modifica: Giovedì, 23 Maggio 2013 06:35

Previsioni meteo per Titano: possibili cicloni tropicali e mare mosso nell'emisfero nord


Titano, la grande luna di Saturno, potrebbe riservare nuove sorprese nel prossimo futuro: se i modelli sono corretti, le condizioni meteorologiche movimenteranno il paesaggio durante il cambio di stagione, dalla primavera all'estate nell'emisfero nord: i ricercatori ritengono che gli uragani e i cicloni potrebbero iniziare ad imperversare e le onde potrebbero propagarsi attraverso i mari di idrocarburi.

Rate this item
(0 votes)

Titano - Mare Ligeia

Credit: NASA/JPL-Caltech/ASI/Cornell

Titano, la grande luna di Saturno, potrebbe riservare nuove sorprese nel prossimo futuro: se i modelli sono corretti, le condizioni meteorologiche movimenteranno il paesaggio durante il cambio di stagione, dalla primavera all'estate nell'emisfero nord: i ricercatori ritengono che gli uragani e i cicloni potrebbero iniziare ad imperversare e le onde potrebbero propagarsi attraverso i mari di idrocarburi.

Le attuali ipotesi cercano, così, di dare un senso ai dati ottenuti dalla sonda della NASA Cassini in questi anni di osservazioni e di indicare agli scienziati dove e quando cercare eventi atmosferici insoliti.

"Se pensi che fare il meteorologo sulla Terra sia difficile, può esserlo ancora di più su Titano", ha detto Scott Edgington, del progetto Cassini al Jet Propulsion Laboratory della NASA, Pasadena, in California.

"Sappiamo che al lavoro su questo strano mondo ci sono processi meteorologici simili a quelli presenti sulla Terra ma con delle differenze causate della presenza di liquidi non familiari, come il metano. Non vediamo l'ora che la Cassini confermi le nostre previsioni continuando il suo tour attraverso tra la primavera e l'inizio dell'estate nell'emisfero nord di Titano".

Titan - first flash of sunlight reflected off a lakeLa regione del polo nord di Titano, ricca di mari e laghi di idrocarburi, era al buio quando la Cassini arrivò nel sistema di Saturno nel 2004. Ma la luce del Sole iniziò ad essere radente dal 2009 rivelando nuovi fantastici dettagli.
Le stagioni di Titano durano circa sette anni terrestri, così, entro il 2017, proprio verso la fine della missione Cassini, l'emisfero settentrionale di questa luna di Saturno sarà in piena estate.

E' stato già visto che il vento scolpisce le dune su Titano ma gli scienziati erano rimasti perplessi perché invece, non sono mai state osservate onde sui mari.
Così, un team guidato da Alex Hayes, membro del team del radar della sonda Cassini, presso la Cornell University, Ithaca, New York, ha cercato di capire quale forza del vento sarebbe necessaria per generare onde in mari di idrocarburi.
Il nuovo modello, appena pubblicato sulla rivista Icarus, migliora i precedenti, compatibilmente con la gravità di Titano, la viscosità e la tensione superficiale del liquido nei laghi e il rapporto di densità aria-liquido.

"Ora sappiamo che le velocità del vento calcolata durante il periodo osservato dalla Cassini [su Titano], è stato al di sotto della soglia necessaria per generare onde", ha detto Hayes.
"Quello che è emozionante, però, è che la velocità del vento prevista durante la primavera del nord e la prossima estate si avvicina a quella necessaria per generare onde eoliche in liquidi come l'etano e / o il metano. Presto potremmo vedere un'onda in uno dei luoghi più esotici del Sistema Solare".

Il base alla nuova ricerca, ci vorranno venti a 2 o 3 chilometri all'ora per generare onde sui laghi di Titano, una velocità che ancora non è stata raggiunta ma che potrebbe verificarsi proprio con il prossimo cambio di stagione.
A seconda della composizione dei laghi e dei mari, venti con queste velocità o superiori, potrebbero produrre un'onda alta 0,15 metri.

Qualche mese fa, sempre sulla rivista Icaro, era stato pubblicato un altro studio che prevedeva la formazione di cicloni tropicali nell'emisfero nord.
Questi eventi sulla Terra traggono la loro energia dall'accumulo di calore nell'acqua del mare e versioni in miniatura sono state osservate sui laghi terrestri più grandi. Il nuovo modello, redatto da Tetsuya Tokano dell'Università di Colonia, in Germania, dimostra che gli stessi processi potrebbe verificarsi su Titano anche se il liquido in questione è metano e non acqua.
La stagione più probabile per questi uragani sarebbe proprio il solstizio d'estate nell'emisfero settentrionale, quando la superficie del mare diventa più calda e il flusso di aria vicino alla superficie più turbolento.

Affinché questi uragani possano verificarsi, ci deve essere il giusto mix di idrocarburi nei mari ma "c'è grande incertezza, e molti possibili tipi di idrocarburi": se li vedremo allora vorrà dire che c'è abbastanza metano per sostenere questo tipo di attività.

Read 1637 times Ultima modifica Giovedì, 23 Maggio 2013 06:35
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 9/7/20 - Sol 574] - Meteo...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista