Scritto: Mercoledì, 27 Marzo 2013 05:40 Ultima modifica: Mercoledì, 27 Marzo 2013 07:08

Un nuovo studio sui ricchi geyser di Encelado


geyser di Encelado, i getti che si sprigionano dal polo sud della piccola luna ghiacciata di Saturno, sono stati scoperti in questi nove anni di missione dalla sonda della NASA Cassini: vere e proprie eruzioni di ghiaccio che arrivano da fratture nella crosta, causate probabilmente dalle azioni mareali esercitate dalla forza di attrazione gravitazionale di Saturno.

Rate this item
(0 votes)

Encelado N00165314 13 12

Encelado N00165314 13 12
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

geyser di Encelado, i getti che si sprigionano dal polo sud della piccola luna ghiacciata di Saturno, sono stati scoperti in questi nove anni di missione dalla sonda della NASA Cassini: vere e proprie eruzioni di ghiaccio che arrivano da fratture nella crosta, causate probabilmente dalle azioni mareali esercitate dalla forza di attrazione gravitazionale di Saturno.

Osservati dalla Cassini nel 2005, non si limitano ad essere un'attività circoscritta alla luna ma influenzano l'intero sistema: fini particelle di ghiaccio e a base di carbonio vengono immesse nello spazio ed entrano in orbita intorno a Saturno, alimentando il flebile anello E in cui orbita Encelado stessa.

Dei getti di Encelado se ne è parlato nuovamente in occasione del 44° Lunar and Planetary Science Conference tenutosi a Houston in Texas: queste fontane zampillanti arriverebbero da un mare salato di acqua liquida, situato 10 chilometri sotto il ghiaccio che ricopre la superficie della luna.

Enceladus N00165323 N00165322 N00165321 N00165320 cl1 cl2

Enceladus N00165323 N00165322 N00165321 N00165320 cl1 cl2
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

Provengono da profonde fessure chiamate "tiger stripes", ripetutamente studiate dalla sonda Cassini, la quale non solo ne ha individuato l'intrigante composizione di ghiaccio, sali e composti organici ma ha rilevato anche che queste fessure sono sorprendentemente calde, 180 ° Kelvin (-93,15° Celsius), oltre il doppio rispetto al resto della superficie della luna.

Ma da dove proviene tutto il materiale espulso sparato nello spazio? Questo è stato un dilemma per diverso tempo: potrebbe arrivare dalle sollecitazioni ed attriti che scaldano le tiger stripes oppure da un oceano di acqua liquida sotterraneo.

Enceladus N00161054 - 55

Enceladus N00161054 - 55
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

Gli scienziati sono fiduciosi che quest'ultima ipotesi sia quella corretta.
In un abstract dal titolo "
How the Jets, Heat and Tidal Stresses across the South Polar Terrain of Enceladus Are Related" i ricercatori segnalano che la quantità di riscaldamento causato dalle azioni mareali non è affatto sufficiente a causare le temperature osservate; mentre ritengono che l'energia termica viene spinta verso l'alto, insieme al vapore acqueo in pressione nel mare sottostante, riscaldando le zone intorno a questi camini e, allo stesso tempo, contribuendo a mantenerli aperti.

Enceladus N00182092-162gif-movie

Enceladus N00182092-162 gif-movie
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology." processing 2di7 & titanio44

Con 98 getti singoli osservati finora, la luna di Saturno, non solo potrebbe nascondere un vasto mare, con calore e salinità simile agli oceani terrestri, potenzialmente ospitale per la vita sotto la sua superficie ghiacciata ma immette costantemente questo materiale nello spazio dove può essere facilmente studiato, un potenziale target per le missioni future.

Carolyn Porco, del team della Cassini, ha dichiarato:
"To touch the jets of Enceladus is to touch the most accessible salty, organic-rich, extraterrestrial body of water and, hence, habitable zone, in our solar system"

[Toccare i getti di Encelado significa toccare il corpo extraterrestre di acqua salata, ricca di sostanze organiche,  più accessibile e di conseguenza la zona più abitabile del nostro Sistema Solare]

Read 2354 times Ultima modifica Mercoledì, 27 Marzo 2013 07:08
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 25 Febbraio) Hot!

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 26 Febbraio [Last update: 02/26/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 25/2/20 - Sol 443] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 17/2/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 14 Febbraio [updated on Feb,14]

HOT NEWS