Scritto: Sabato, 23 Febbraio 2013 20:59 Ultima modifica: Lunedì, 01 Aprile 2013 14:46

Cassini osserva gli acceleratori di particelle cosmiche


Fruttando un incontro casuale tra un'esplosione insolitamente forte di vento solare e il campo magnetico di Saturno, la sonda della NASA Cassini ha rilevato le particelle accelerate ad altissima energia.

Questo tipo di evento è simile alla accelerazione che avviene intorno a supernove lontane.

Rate this item
(0 votes)

Magnetic Fields and Bow Shocks

Credit: ESA

Fruttando un incontro casuale tra un'esplosione insolitamente forte di vento solare e il campo magnetico di Saturno, la sonda della NASA Cassini ha rilevato le particelle accelerate ad altissima energia.

Questo tipo di evento è simile all'accelerazione che avviene intorno a supernove lontane.

Dal momento in cui per ora non si ha la possibilità di viaggiare verso le esplosioni stellari, l'onda d'urto che si è formata dal flusso del vento solare intorno al campo magnetico di Saturno ha offerto un laboratorio raro per gli scienziati per osservare il fenomeno da vicino.

I risultati, pubblicati questa settimana sulla rivista Nature Physics, confermano che certi tipi di shock possono diventare acceleratori di elettroni molto più efficaci di quanto si pensasse.

Le onde d'urto sono comuni nell'Universo, ad esempio, a seguito di una esplosione stellare o quando il flusso di particelle provenienti dal sole (vento solare) incide sul campo magnetico di un pianeta in modo da formare un arco di shock.

Sotto certi orientamenti particolari del campo magnetico e a seconda della potenza della scossa, le particelle possono essere accelerate fino velocità della luce, diventando così fonte principale di raggi cosmici, le particelle ad alta energia che pervadono la nostra galassia.

Gli scienziati sono particolarmente interessati agli shock "quasi paralleli", in cui il campo magnetico e la direzione della scossa sono quasi allineati perchè è una situazione che può essere riscontrata nei resti delle supernove.

Il nuovo studio condotto da Adam Masters dell'Institute of Space and Astronautical Science, Sagamihara, Japan, descrive il primo rilevamento di forte accelerazione degli elettroni durante un shock quasi-parallelo per Saturno, in coincidenza con quella che potrebbe essere stata la più forte scossa mai incontrata dal pianeta con gli anelli.

"Cassini ha sostanzialmente dato la possibilità di studiare la natura di uno shock da supernova, in situ, nel nostro Sistema Solare, colmando il divario con lontani fenomeni astrofisici ad alta energia che sono di solito studiati a distanza", ha detto Masters.

Letto: 1980 volta/e Ultima modifica Lunedì, 01 Aprile 2013 14:46
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista