Scritto: Sabato, 16 Settembre 2017 05:43 Ultima modifica: Sabato, 16 Settembre 2017 09:26

Cassini #GrandFinale: fine di una missione epocale


Ieri si è conclusa una missione epocale: alle 13:55 ora italiana, la stazione di Canberra (Australia) del Deep Space Network della NASA ha confermato la perdita di segnale. La sonda Cassini aveva terminato la sua gloriosa avventura nel sistema di Saturno.

Rate this item
(0 votes)
L'ultima immagine inviata a Terra dalla sonda Cassini. La sonda guardava verso il lato buio del pianeta, illuminato dalla luce riflessa dagli anelli. E' stata ripresa dalla Wide Angle Camera il 14 settembre alle 19:59 UTC nel visibile. L'ultima immagine inviata a Terra dalla sonda Cassini. La sonda guardava verso il lato buio del pianeta, illuminato dalla luce riflessa dagli anelli. E' stata ripresa dalla Wide Angle Camera il 14 settembre alle 19:59 UTC nel visibile. Crediti: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute

Questo è l'ultimo capitolo di una missione sorprendente ma anche un nuovo inizio.
I mondi oceanici scoperti da Cassini su Titano ed Encelado hanno cambiato tutto, hanno cambiato i nostri punti di vista su dove cercare la vita oltre la Terra

ha dichiarato Thomas Zurbuchen dello Science Mission Directorate della NASA a Washington.

Camberra DSN: Cassini #GrandFinale

Crediti: @CamberraDSN

Alle 11:55:39 UTC è stato perso il segnale in banda X, alle 11:55:46 quello in banda S, aggiungendo circa 30 secondi in più del previsto sulla durata totale della missione. Difficile al momento valutarne le cause: l'atmosfera di Saturno, le grandi capacità di sopravvivenza della Cassini o quella di ascolto del Deep Space Network... Ma, al di là dei dettagli, il risultato non cambia: ieri è terminata una delle più belle missioni intraprese dall'umanità per esplorare il nostro Sistema Solare. Non nascondo che per me è stato un dispiacere tanto che ho preferito rimandare questo post di qualche ora ed immagino che anche tra il team regnino sentimenti contrastanti: un misto tra emozione, commozione, orgoglio e grande attesa per le ultime scoperte.

Il tuffo nell'atmosfera di Saturno ha chiuso la serie delle 22 orbite del Granf Finale che hanno condotto la sonda a sfiorare le nuvole superiori del pianeta come mai era stato fatto prima.
La Cassini ha portato ha termine il suo lavoro fino in fondo: secondo le prime dichiarazioni tutti i dati rilevati dagli otto strumenti scientifici sono stati trasmessi a Terra. Sembra che l'ultimo pacchetto ricevuto riguardi il magnetometro e contenga quindi informazioni preziose per gli scienziati che ancora stanno cercando di far chiarezza sulla durata del giorno saturniano. Ma dovranno passare diversi mesi prima di conoscere qualche risultato.

Cassini Narrow Angle Camera 21 ottobre 2002

Questa è la prima vista di Saturno e Titano catturati dalla Narrow Angle Camera della Cassini il 21 ottobre 2002 durante un test ingegneristico sul sistema di imagin, mentre la sonda viaggiava verso la sua destinazione.
Cassini si trovava a 285 milioni di chilometri dal pianeta.
Crediti: NASA / JPL / SSI

Il catalogo delle immagini inviate a Terra dalla Cassini termina con la foto pubblicata in apertura in questo post, ripresa nel visibile (filtri CL1 CL2) dalla Wide Angle Camera il 14 settembre alle 19:59 UTC. La sonda guardava verso il lato buio del pianeta, illuminato dalla luce riflessa dagli anelli. Qui sotto l'ultima vista a colori di Saturno, ottenuta sovrapponendo i filtri rosso, verde e blu.

L'ultima vista a colori di Saturno ripresa dalla Cassini. #GrandFinale

Crediti: NASA / JPL-Caltech / SSI

Una ricostruzione approssimativa mostra il punto di ingresso in atmosfera, a 9,4 gradi latitudine nord e 53 gradi di longitudine ovest, ottenuta dalle immagini su una lunghezza d'onda di 5 micron dello spettrometro a bordo della Cassini.
In questo tipo di ripresa lo strumento stava osservando il calore proveniente dall'interno del pianeta sul lato non illuminato, quasi in contemporanea con l'ultimo scatto della Wide Angle Camera.

Cassini #GrandFinale punto di infresso in atmosfera

Crediti: NASA / JPL-Caltech / SSI

"È un dolce ma affascinante addio ad una missione che lascia un'incredibile ricchezza di scoperte che hanno cambiato la nostra visione di Saturno e del nostro Sistema Solare e continueranno a plasmare le future missioni e ricerche", ha dichiarato Michael Watkins, direttore della NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California, che gestisce la missione Cassini per la NASA ed ha anche progettato, sviluppato e assemblato il veicolo spaziale.

Da ieri, gli atomi della Cassini fanno parte di Saturno:
"Le cose non saranno mai più le stesse per noi del team ora che la sonda non è più in volo", ha detto Linda Spilker, scienziato di punta del progetto,

"ma siamo consapevoli che ogni volta che guarderemo Saturno nel cielo notturno ci sarà anche una parte di Cassini".

Encelado dietro a Saturno ripreso dalla Cassini il 13 settembre 2017

Encelado dietro a Saturno ripreso dalla Cassini il 13 settembre 2017
Crediti: NASA / JPL-Caltech / SSI

Altre informazioni su questo articolo

Read 1527 times Ultima modifica Sabato, 16 Settembre 2017 09:26
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 1 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 1 Aprile).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 5/3/20).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Marzo [Last update: 03/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 31/3/20 - Sol 476] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS