Scritto: Mercoledì, 31 Maggio 2017 04:38 Ultima modifica: Mercoledì, 31 Maggio 2017 10:46

Encelado? Potrebbe essersi capovolta!


Recenti dati rilevati dalla sonda della NASA Cassini sembrano dimostrare che l'asse di rotazione della luna di Saturno Encelado potrebbe essersi riorientato in un lontano passato, probabilmente a causa della collisione con un corpo più piccolo.

Rate this item
(0 votes)
La mappa di sinistra mostra il possibile orientamento passato di Encelado. La catena di bacini, citata dai ricercatori, sono i bassi topografici in azzurro e viola, localizzati sia attorno all'equatore che al precedente polo sud La mappa di sinistra mostra il possibile orientamento passato di Encelado. La catena di bacini, citata dai ricercatori, sono i bassi topografici in azzurro e viola, localizzati sia attorno all'equatore che al precedente polo sud Crediti: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute/Cornell University

"Abbiamo trovato una catena di basse aree o bacini che tracciano una cintura sulla superficie della luna che riteniamo essere ciò che resta di un precedente equatore. Queste depressioni segnano anche i precedenti poli", ha dichiarato Radwan Tajeddine della Cornell University, autore principale dello studio.

Secondo Tajeddine e colleghi, l'asse di rotazione originale del satellite si sarebbe abbassato di ben 55 gradi (quasi un "rotolamento" completo!), stabilizzandosi nella posizione attuale in un milione di anni.
Di conseguenza, il polo sud, che è attualmente la regione attiva della luna, sarebbe stato localizzato più vicino all'equatore dove, secondo qualche speculazione, sarebbe stato coinvolto in un impatto:
"E' improbabile che l'attività geologica in questo terreno sia stata avviata da processi interni. noi riteniamo che dietro i processi di formazione di questa zona anomala ci sia una collisione".
L'idea potrebbe, in effetti, spiegare come mai i poli della luna sono così diversi tra loro: il polo nord craterizzato e antico, il polo sud giovane e geologicamente attivo.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Icarus.

True polar wander of Enceladus from topographic data [abstract]

Many objects in the solar system are suspected to have experienced reorientation of their spin axes. As their rotation rates are slow and their shapes are nearly spherical, the formation of mass anomalies, by either endogenic or exogenic processes, can change objects’ moments of inertia. Therefore, the objects reorient to align their largest moment of inertia with their spin axis. Such a phenomenon is called True Polar Wander (TPW).
Here we report the discovery of a global series of topographic lows on Saturn's satellite Enceladus that we interpret to show that this synchronously locked moon has undergone TPW by ∼55° about the tidal axis. We use improved topographic data from the spherical harmonic expansion of Cassini limb and stereogrammetric measurements to characterize regional topography over the surface of Enceladus. We identify a group of nearly antipodal basins orthogonal to a basin chain tracing a non-equatorial circumglobal belt across Enceladus' surface. We argue that the belt and the antipodal regions are fossil remnants of earlier equator and poles, respectively. We argue that these lows arise from isostasic compensation and that their pattern reflects spatial variations in internal dynamics of the ice shell. Our hypothesis is consistent with a variety of geological features visible in Cassini images.

 

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1750 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 31 Maggio 2017 10:46
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Una cascata di "propellers" Un ultimo saluto a Teti »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 18 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista