Scritto: Giovedì, 25 Maggio 2017 05:35 Ultima modifica: Giovedì, 25 Maggio 2017 09:15

Arriva il solstizio nel sistema di Saturno


A pochi mesi dalla fine programmata della missione, la sonda della NASA Cassini è oggi testimone di un altro grande evento nel sistema di Saturno: il solstizio d'estate nell'emisfero settentrionale del pianeta.
Assistere all'evento era l'obiettivo principale di questa fase del programma chiamata, appunto, Solstice Mission.

Rate this item
(0 votes)
Questo incredibile mosaico, composto da 32 tasselli ciascuno realizzato combinando insieme i filtri rosso, verde e blu, è stato scattato dalla Wide Angle Camera della sonda della NASA Cassini il 13 aprile 2017 e condiviso da Ian Regan sul blig della Planetary Society (planetary.org). Questo è il terzo grande mosaico di Saturno in controluce ripreso dalla Cassini ma, questa volta, la Terra non era visibile perché dietro al pianeta. Questo incredibile mosaico, composto da 32 tasselli ciascuno realizzato combinando insieme i filtri rosso, verde e blu, è stato scattato dalla Wide Angle Camera della sonda della NASA Cassini il 13 aprile 2017 e condiviso da Ian Regan sul blig della Planetary Society (planetary.org). Questo è il terzo grande mosaico di Saturno in controluce ripreso dalla Cassini ma, questa volta, la Terra non era visibile perché dietro al pianeta. Crediti: NASA / JPL-Caltech / SSI / Ian Regan

Il solstizio rappresenta il giorno estivo più lungo e quello invernale più corto per l'emisfero opposto. Su Saturno si verifica ogni 15 anni terrestri.
"Durante la Solstice Mission abbiamo potuto vedere per la prima volta un'intera stagione saturniana", ha dichiarato il project scientist della missione Linda Spilker. "Il sistema di Saturno subisce transizioni drammatiche dall'inverno all'estate e grazie a Cassini, abbiamo avuto un posto in prima fila".

Le immagini inviate a Terra hanno mostrato un evidente cambiamento cromatico durante l'estate, quando le tinte bluastre hanno assunto toni più caldi dovuti ad una diversa chimica nell'atmosfera di Saturno.
Gli scienziati sono rimasti stupiti dalle trasformazioni repentine osservate: hanno, ad esempio, scoperto che alcuni idrocarburi, come l'etano, il propano e l'acetilene, reagiscono più rapidamente di altri sotto una diversa quantità di luce solare.

Due viste in colori naturali dell'esagono al polo nord di Saturno, riprese rispettivamente a giugno 2013 (a sinistra) e ad aprile 2017 (a destra). Il confronto mostra i significativi cambiamenti cromatici e chimici nell'atmosfera del pianeta.

Due viste in colori naturali dell'esagono al polo nord di Saturno, riprese rispettivamente a giugno 2013 (a sinistra) e ad aprile 2017 (a destra). Il confronto mostra i significativi cambiamenti cromatici e chimici nell'atmosfera del pianeta
Crediti: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute/Hampton University

Aumentando l'angolo di incidenza dei raggi del Sole, la luce ha iniziato a penetrare sempre più in profondità negli anelli, illuminandoli dall'alto e creando un innalzamento termico.
Il cambiamento della geometria riguarda anche il pianeta visto dalla Terra, come mostra l'immagine qui sotto (inclusa anche nel mio libro che spero di pubblicare a breve).

Saturno geometria

Crediti: Elisabetta Bonora

Gli anelli, ora, ci appaiono più frontali e di conseguenza, il segnale radio della Cassini che vi passa attraverso prima di raggiungerci, è più pulito ed è in grado di fornire informazioni più precise sulla struttura e composizione degli anelli stessi.

Anche sulla luna maggiore di Saturno, Titano, i cambiamenti stagionali sono eccitanti e si manifestano con diverse attività atmosferiche, nuvole, venti e piogge di idrocarburi.

Aumento delle nuvole di metano nell'emisfero settentrionale nel periodo estivo.

Aumento delle nuvole di metano nell'emisfero settentrionale nel periodo estivo.
Questa immagine è stata ripresa il 7 maggio 2017 e mostra tre fasce nuvolose di metano tra i tra 30 ed i 38 gradi di latitudine nord.
Crediti: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute

Su Encelado, invece, le stagioni si fanno sentire meno ma, grazie al cambiamento di illuminazione, la Cassini ha potuto osservare i terreni del nord ben illuminati per la prima volta, mentre il polo sud è entrato in ombra. Anche se l'imaging delle "tiger stripes", le fessure da cui fuoriescono i geyser, è diventata più difficoltosa, gli scienziati hanno colto l'occasione per monitorare le temperature del terreno senza preoccuparsi dell'influenza della luce del Sole.

Tutto sta cambiando ancora una volta nel sistema di Saturno e la Cassini ne sarà report esclusiva ancora per qualche mese: la sonda sta percorrendo le sue ultime 22 orbite.
Iniziata il 26 aprile, dopo un ultimo fly-by attorno a Titano, questa fase chiamata "Grand Finale" terminerà il 15 settembre con l'ultima immersione nell'atmosfera del pianeta.

Altre informazioni su questo articolo

Read 2044 times Ultima modifica Giovedì, 25 Maggio 2017 09:15
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 15/8/20 - Sol 610] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 agosto [Last update...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 13 agosto [Last update...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 11 Agosto [updated on Aug,11].&...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/8/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista