Venerdì 15 Dicembre 2017
Accedi Registrati

Accedi al tuo account

Username
Password *
Ricordami

Cassini e il "grande vuoto"

Confronto tra gli spettrogrammi registrati da RPWS durante l'attraversamento del piano degli anelli all'esterno (in alto) e all'interno (in basso)
Confronto tra gli spettrogrammi registrati da RPWS durante l'attraversamento del piano degli anelli all'esterno (in alto) e all'interno (in basso) Credits: NASA/JPL-Caltech/University of Iowa

Ieri sera la sonda ha effettuato il suo secondo passaggio tra Saturno e gli anelli, mentre i dati relativi al primo attraversamento hanno rivelato una sorprendente scarsità di impatti.

 Lo scorso 27 aprile, la sonda Cassini ha inaugurato la fase finale della sua missione, tuffandosi nello spazio a soli 300 km dall'anello C e sorvolando le nubi di Saturno a 3000 km di altezza. E' stata una impresa mai tentata prima e gli scenziati si aspettavano che la sonda incontrasse un numero consistente di particelle o perlomeno grani di polvere, al momento dell'attraversamento del piano degli anelli; del resto, manovre analoghe effettuate all'esterno degli anelli avevano mostrato un incremento del numero di impatti, per fortuna innocui perchè dovuti a particelle minuscole.

 In considerazione del rischio e per evitare danneggiamenti eccessivi, il team di navigazione ha utilizzato la grande antenna-radar (costruita in Italia da Alenia) come scudo protettivo. Questo ha permesso di raccogliere dati solo attraverso due strumenti rismasti direttamente esposti allo spazio, le antenne del magnetometro e del Radio and Plasma Wave Science (RPWS). Ebbene, con grande sorpresa, quest'ultimo strumento che in precedenza aveva registrato un gran numero di urti attraversando il piano degli anelli all'esterno, stavolta ha rivelato pochissimi urti (non più di 5) da parte di particelle non più grandi di 1 micrometro. Tutto questo è evidenziato dalle due immagini in apertura, che riportano la distribuzione in frequenza dei segnali registrati in funzione del tempo (sulle ascisse sono indicati anche l'angolo rispetto al piano degli anelli e la distanza dal centro di Saturno).

 Mentre gli scenziati si interrogano sul perchè di questo inatteso vuoto, potremmo suggerire al team di navigazione di azzardare, almeno in occasione dell'ultimo passaggio attraverso questa regione prima del tuffo nell'atmosfera del pianeta, di rischiare un pò di più e cambiare l'assetto della sonda per fotografare, ad esempio, gli anelli da vicino e di profilo...

 

Riferimenti:
- https://www.nasa.gov/feature/cassini-finds-the-big-empty-close-to-saturn/

Altre info su questo post:

Condividi e resta aggiornato!

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

Sito web: https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58
Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altri articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Newsletter

Immagine del giorno

Log: Missioni e Detriti

Dallo spazio attorno alla Terra

  • NEO News
    NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 14 Dicembre.

Sole

Attività solare - Crediti NASA/ESA/SOHO

STEREO Ahead - Crediti NASA

SOHO LASCO C2 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

SOHO LASCO C3 - Crediti ESA/NASA SOHO/LASCO

 

 

[IT] Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza dei lettori. Per saperne di più o negare il consenso prendete visione dell'Informativa Estesa.
Chiudendo questo banner cliccando su 'Accetto' ed in qualunque altro modo, o proseguendo la navigazione su questo sito web, acconsentite al loro uso.
[EN] This site uses technical and third-party cookies, in order to improve services and experiences of our readers. If you want to know more or deny cookies exchange, please view "Cookie Information".
Closing this banner clicking on 'Agree' and in any other way, or continuing to browse this website, you consent with the cookies usage.