Scritto: Mercoledì, 09 Gennaio 2013 06:35 Ultima modifica: Domenica, 23 Agosto 2015 20:29

C'è del ghiaccio sulla superficie dei laghi e dei mari di Titano


Titano fa continuamente parlare di sé e diventa sempre di più un mondo alieno simile alla nostra Terra: grazie ai dati inviati dalla sonda della NASA Cassini, gli scienziati del team ritengono che i laghi della grande luna di Saturno possano essere ricoperti da blocchi di ghiaccio di idrocarburi.

La presenza di aree ghiacciate potrebbe infatti spiegare le letture miste della riflettività delle superfici dei laghi registrate dalla sonda.

Rate this item
(0 votes)

TITANO - laghi e mari ghiacciati

Credit: NASA/JPL-Caltech/USGS

Titano fa continuamente parlare di sé e diventa sempre di più un mondo alieno simile alla nostra Terra: grazie ai dati inviati dalla sonda della NASA Cassini, gli scienziati del team ritengono che i laghi della grande luna di Saturno possano essere ricoperti da blocchi di ghiaccio di idrocarburi.

La presenza di aree ghiacciate potrebbe infatti spiegare le letture miste della riflettività delle superfici dei laghi registrate dalla sonda.

"Una delle questioni più interessanti di questi laghi e mari è che possano ospitare forme di vita esotica", ha detto Jonathan Lunine, co-autore dello studio e scienziato della Cornell University, a Ithaca, New York. "E la formazione di ghiaccio galleggiante di idrocarburi offrirà l'opportunità per una chimica interessante lungo il confine tra liquido e solido, un limite che può essere stato importante per l'origine della vita terrestre".

Titano è l'unico altro corpo del nostro Sistema Solare, oltre alla Terra, ad avere liquido stabile in superficie ma mentre sul nostro pianeta, precipitazioni ed evaporazione da luogo al ciclo dell'acqua, su Titano il ciclo è di idrocarburi. Etano e metano sono molecole organiche e gli scienziati pensano che possano partecipare alla costruzioni di quei blocchi di chimica complessa da cui è originata la vita.

La sonda Cassini ha rilevato una vasta rete di mari nell'emisfero nord di Titano e laghi nell'emisfero sud.

Fino ad oggi si riteneva fosse impossibile la presenza di metano ghiacciato in superficie perché questo elemento se solido, pesa di più che allo stato liquido, quindi eventuali blocchi ghiacciati dovrebbero affondare. Ma il nuovo modello considera l'iterazione tra laghi ed atmosfera: il risultato è che gli scienziati hanno scoperto che il ghiaccio invernale galleggia sui laghi ricchi di metano ed etano se la temperatura è vicina al punto di congelamento del metano ossia 90,4 ° Kelvin (-182.75º Celsius).

Tutte le varietà di ghiaccio in tali condizioni sarebbero in grado di galleggiare se composte da almeno un 5% di aria, che è una composizione media per il giovane ghiaccio marino sulla Terra.

Se la temperatura dovesse scendere di pochi gradi allora il ghiaccio affonderebbe. Mentre temperature prossime al punto di congelamento potrebbero portare la presenza del ghiaccio sia in superficie che in profondità.

Quello che ancora non è chiaro è di che colore sarebbe questo ghiaccio: forse sarebbe incolore, come sulla Terra, tinto di rosso-marrone dall'ambiente e dall'atmosfera di Titano.

La sonda della NASA Cassini sarà in grado di testare e confermare questo modello: il suo radar misurerà il potere riflettente dei liquidi sulla superficie di Titano con i cambiamenti stagionati.
Non ci resta che attendere le nuove emozionanti informazioni che questa sonda sarà in grado di trasmetterci nel corso della sua missione, una delle più belle nel nostro Sistema Solare.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 8350 volta/e Ultima modifica Domenica, 23 Agosto 2015 20:29
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista