Scritto: Sabato, 13 Ottobre 2012 08:09 Ultima modifica: Domenica, 23 Agosto 2015 09:18

La morbida superficie di Titano, ecco come atterrò la Huygens


Il lander Huygens dell'Agenzia Spaziale Esa, lanciato con la missione congiunta NASA/ESA/ASI il 15 ottobre 1997, raggiunse Titano, la grande luna di Saturno a bordo dell'orbiter Cassini; discese verso la superficie dove rimbalzò e scivolò traballante, fermandosi dopo 10 secondi. Era il 14 gennaio 2005.

Da una nuova analisi dei dati ottenuti durante l'atterraggio, emerge che la superficie di Titano è più complessa di quanto si pensasse.

Rate this item
(0 votes)

Come la Huygen atterrò su Titano

Credit: NASA/JPL/ESA

Il lander Huygens dell'Agenzia Spaziale Esa, lanciato con la missione congiunta NASA/ESA/ASI il 15 ottobre 1997, raggiunse Titano, la grande luna di Saturno a bordo dell'orbiter Cassini; discese verso la superficie dove rimbalzò e scivolò traballante, fermandosi dopo 10 secondi. Era il 14 gennaio 2005.

Da una nuova analisi dei dati ottenuti durante l'atterraggio, emerge che la superficie di Titano è più complessa di quanto si pensasse.

Solo qualche giorno fa avevamo parlato della sua forma insolita, forse causata dal complesso ciclo metereologico. Ora, gli scienziati hanno ricostruito la catena degli eventi delle fasi di atterraggio, incrociando i dati di tutti i strumenti attivi della Huygens, valutando in particolare le variazioni di accelerazione. I risultati ottenuti sono stati poi confrontati con le simulazioni al computer utilizzati per replicare l'atterraggio ed hanno fornito nuove indicazioni sulla natura della superficie di Titano.

L'analisi rileva che al primo impatto con il suolo, la Huygens ha creato una depressione profonda 12 centimetri prima di rimbalzare ulteriormente.
La sua massa era di circa 200 chilogrammi ed ha colpito il terreno con una velocità d'urto simile a quella di una palla che cade dall'altezza di un metro, qui sulla Terra. La sonda, inclinata quindi di circa 10 gradi nella direzione del moto dopo l'impatto, è scivolata ancora per circa 30 - 40 centimetri. Ha rallentato poi per attrito, arrivando nella posizione finale. I sensori della Huygens hanno continuato a rilevare vibrazioni per altri 2 secondi e il movimento è cessato quasi del tutto 10 secondi dopo il touchdown.

"Un picco nei dati dell’accelerazione suggerisce che durante la prima oscillazione, la sonda probabilmente ha colpito un sasso sporgente di circa 2 cm dalla superficie di Titano che potrebbe aver spinto nel terreno, suggerendo una consistenza simile alla sabbia morbida ed umida", ha detto Stefan Schröder del Max Planck Institute per la ricerca sul Sistema Solare, autore principale dell'articolo che riporta i risultati dello studio, pubblicato sulla rivista Planetary and Space Science.

"E' come avere la neve con uno strato congelato in superficie", ha detto Erich Karkoschka co-autore della University of Arizona a Tucson. "Se si cammina con attenzione, la superficie si comporta come fosse solida ma se si fa un passo con più forza allora si sprofonda."

Se la sonda avesse colpito una sostanza come il fango, i suoi strumenti avrebbero registrato uno "splat" di arresto: il suolo invece deve essere stato abbastanza morbido per permettere alla sonda di creare una depressione sufficientemente forte da sostenere la sua massa e farla rimbalzare e scivolare ancora.

D'altra parte, durante l'impatto è stato registrato anche un certo movimento di polveri, aerosol di natura organica, che ci suggerisce che la superficie doveva essere secca: probabilmente le piogge di etano e metano erano assenti da un po' di tempo.

Grazie a questa nuova ricerca, dopo tanti anni, l'importanza storica di questo evento torna alla ribalta.

Altre informazioni su questo articolo

Read 9993 times Ultima modifica Domenica, 23 Agosto 2015 09:18
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 2 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 1 Aprile).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 5/3/20).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS