Scritto: Sabato, 20 Giugno 2015 05:52 Ultima modifica: Lunedì, 03 Agosto 2015 05:00

Penultimo sorvolo su Dione per la sonda della NASA Cassini


La sonda della NASA Cassini ha sorvolato la ghiacciata superficie di Dione per la penultima volta il 16 giugno, passando a 516 chilometri dalla luna di Saturno alle 20:12 UTC. Questo è il quarto flyby su Dione dall'inizio della missione.

Rate this item
(0 votes)
Dione on June 16, 2015 - ir grn uv (file originale https://flic.kr/p/uTiVBN) Dione on June 16, 2015 - ir grn uv (file originale https://flic.kr/p/uTiVBN) Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Titanio44

Le primi immagini mostrano la luna ancora in lontananza con Saturno imponente sullo sfondo ed una intrusa in alto a destra, Encelado.

Dione Santurn and Pandora on June 16, 2015

Dione Santurn and Enceladus on June 16, 2015
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: Elisabetta Bonora & marco Faccin / aliveuniverse.today

Il sorvolo D5 è stato dedicato principalmente alla "gravity science".
Dione è il secondo satellite di Saturno di medie dimensioni per densità, cioè è una luna che contiene quantità rilevanti di materiale roccioso, a differenza di Tethys che è composta quasi interamente di ghiaccio d'acqua. Con queste misurazioni gli scienziati cercheranno di capire come la roccia è distribuita al suo interno, se è concentrata in un nucleo o indifferenziata come Rhea. D'altra parte, alcuni indizi suggeriscono che un tempo Dione fosse come Encelado ed avesse un oceano sotterraneo.
Contemporaneamente, lo Ion and Neutral Mass Spectrometer (INMS) ha tentato di misurare eventuali gas e polveri sottili eventualmente in uscita dalla superficie, a testimonianza di un basso livello di attività geologica.

Durante il sorvolo, fotocamere e gli spettrometri della Cassini hanno ripreso Dione prima e dopo la sessione di gravity science.
Man mano che la luna si è spostata lungo la sua orbita, buona parte della superficie è stata illuminata dal Sole.
Nel mosaico scattato dalla Narrow Angle Camera dell'Imaging Science Subsystem (ISS) spicca la regione Eurotas Chasmata (in basso, nel nostro mosaico qui sotto 2x3 frame, ottenuto combinando i filtri infrarosso, verde ed ultravioletto) che la sonda Voyager aveva osservato già 35 anni.

Dione mosaic on June 16, 2015 (ir grn uv)

Dione mosaic on June 16, 2015 (ir grn uv)
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: Elisabetta Bonora & marco Faccin / aliveuniverse.today

Proprio come sta accadendo per lo Spot5 di Cerere, la "Macchia Bianca" osservata dalla sonda della NASA Dawn sul pianeta nano, dopo le immagini della sonda Voyager, gli scienziati si interrogavano sulla natura di quelle striature luminose, immaginando che potessero essere materiale estruso sulla superficie a seguito di un qualche tipo di attività geologica, come vulcani di ghiaccio.

Voyager 1 - Dione da 160.000 km

Voyager 1 - Dione da 160.000 km. 13 novembre 1980
Credit: NASA

Grazie alla Cassini ora abbiamo a disposizione una vista nitida e dettagliata di Dione e sappiamo che quelle linee sono una rete intricata di canyon con pareti chiare.

Il 17 agosto la sonda effettuerà il suo ultimo flyby sulla luna passando a 474 chilometri dalla superficie.
L'incontro finale sarà anche il secondo più vicino dopo quello di dicembre 2011 avvenuto ad una distanza di 100 chilometri.

 

Riferimenti:
- http://saturn.jpl.nasa.gov/news/newsreleases/newsrelease20150618/
- http://www.ciclops.org/view/8070/Rev217

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 3538 volta/e Ultima modifica Lunedì, 03 Agosto 2015 05:00
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista