Scritto: Venerdì, 19 Giugno 2015 16:51 Ultima modifica: Sabato, 20 Giugno 2015 19:41

Come le doline svaniscono su Titano


Un nuovo studio suggerisce che, dove oggi vediamo laghi di idrocarburi, la superficie sia sprofondata in un processo simile a quello delle doline terrestri.

Rate this item
(0 votes)
Immagine radar della regione polare nord di Titano. "Ligeia Mare", ingrandito a destra, misura circa 420 x 350 km ed è il secondo mare più grande su Titano (dopo Kraken), mentre i numerosi "laghi" visibili sulla sinistra misurano tipicamente meno di 100 km e hanno una forma più tondeggiante, pareti scoscese e senza affluenti. Immagine radar della regione polare nord di Titano. "Ligeia Mare", ingrandito a destra, misura circa 420 x 350 km ed è il secondo mare più grande su Titano (dopo Kraken), mentre i numerosi "laghi" visibili sulla sinistra misurano tipicamente meno di 100 km e hanno una forma più tondeggiante, pareti scoscese e senza affluenti. Centro: NASA/JPL-Caltech/ASI/USGS - ai lati: NASA/ESA. Cortesia di: T.Cornet, ESA

 Titano è la patria di mari e laghi composti di idrocarburi liquidi, ma cosa ha creato le depressioni che ospitano quei bacini?  Oltre alla Terra, la luna di Saturno è l'unico corpo nel Sistema Solare a ospitare laghi e mari in superficie, sebbene di composizione molto particolare: a circa -180° C, la superficie di Titano non può ospitare acqua allo stato liquido mentre il metano e l'etano liquidi dominano il ciclo 'idrologico'. In effetti, depressioni riempite di questi idrocarduri sono le caratteristiche distintive delle regioni polari del satellite.

 Due formazioni distintive sono state individuate da Cassini: ci sono vasti mari con diverse centinaia di chilometri di diametro e fino a centinaia di metri di profondità, alimentati da canali dendritici di tipo fluviale, e poi ci sono numerosi, piccoli, laghi profondi, con bordi arrotondati e le pareti scoscese, generalmente localizzati in aree pianeggianti. Gardando le immagini radar di Cassini, inoltre, si osservano anche molte depressioni vuote (si veda l'immagine sottostante).

Titan s lakes close up node full image 2

Dettaglio di una immagine radar di Cassini che mostra come alcune cavità non sono riempite da idrocarburi liquidi (colorati artificialmente per meglio evidenziarli)

Credit: NASA/ESA. Acknowledgement: T. Cornet, ESA

 I laghi non sono generalmente associati a fiumi e si pensa si riempiano a causa delle precipitazioni dall'alto oppure da falde sotterranee. Alcuni dei laghi si riempiono e poi si seccano durante il ciclo stagionale di 30 anni su Titano, ma il modo in cui queste depressioni che ospitano i laghi si formano è ignoto. Ora, un team di scienziati si è rivolto alla Terra per trovare la risposta e ha scoperto che i laghi di Titano ricordano formazioni "carsiche'' ben note. Si tratta di paesaggi terrestri che derivano da erosione di rocce solubili come il calcare e gesso da parte di acque sotterranee e pioggia che filtra attraverso le rocce. Nel corso del tempo, questo porta alla formazione di doline e grotte nei climi umidi e saline nei climi aridi. Il tasso di erosione dipende da fattori quali la chimica delle rocce, il tasso di precipitazioni e la temperatura superficiale. Mentre tutti questi parametri differiscono drammaticamente tra Titano e la Terra, il processo sottostante può essere sorprendentemente simile. Un team guidato da dell'ESA Thomas Cornet calcolato quanto tempo ci sarebbe voluto per gli appezzamenti di superficie di Titano a sprofondare creando queste formazioni, assumendo che la superficie sia coperta in materiale organico solido e che l'agente di dissoluzione principale siano gli idrocarburi liquidi. Prendendo in considerazione i modelli attuali di clima di Titano, gli scienziati hanno scoperto che ci sarebbero voluti circa 50 milioni di anni per creare una depressione di 100 m di profondità alle latitudini polari di Titano che sono relativamente piovose. Il risultato è in linea con la giovane età stimata per la superficie della luna. "Abbiamo confrontato i tassi di erosione di sostanze organiche in idrocarburi liquidi su Titano con quelli di carbonato e roce evaporitiche in acqua liquida sulla Terra", spiega Thomas. "Abbiamo riscontrato che il processo di dissoluzione avviene su Titano circa 30 volte più lentamente rispetto alla Terra a causa della maggiore lunghezza dell'anno di Titano ed al fatto che piove solo durante il periodo estivo. Tuttavia, crediamo che la dissoluzione sia una delle principali cause di evoluzione del paesaggio su Titano, e potrebbe essere l'origine dei suoi laghi."

 

Riferimenti:
- http://www.esa.int/Our_Activities/Space_Science/Dissolving_Titan

Letto: 1709 volta/e Ultima modifica Sabato, 20 Giugno 2015 19:41
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista