Scritto: Martedì, 02 Giugno 2015 07:09 Ultima modifica: Martedì, 02 Giugno 2015 08:15

Un ultimo sguardo ravvicinato a Hyperion


La sonda della NASA Cassini ha sorvolato la luna di Saturno Hyperion (Iperione), per l'ultima volta, il 31 maggio.
Questo è stato l'incontro migliore dall'agosto 2011.

Rate this item
(0 votes)
Hyperion (Iperione) ripresa dalla sonda della NASA Cassini il 31 maggio 2015. Vista combinata con i filtri ir, red, grn, bl ed uv (N00241185-90) Hyperion (Iperione) ripresa dalla sonda della NASA Cassini il 31 maggio 2015. Vista combinata con i filtri ir, red, grn, bl ed uv (N00241185-90) Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Hyperion N00241232 cl1cl2 - 31 may 2015

Hyperion N00241232 cl1cl2 - 31 may 2015
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

La sonda è passata a circa 34.000 chilometri di distanza dalla superficie del satellite saturniano, simile ad una spugna, raccogliendo immagini fino ad una risoluzione di 205 metri per pixel.

Hyperion 25 settembre 2005 - N00040233La speranza, senza alcuna garanzia, era quella di poter osservare una faccia diversa di Hyperion, rispetto alle riprese dei precedenti flyby. La luna dalla forma irregolare e con un diametro massimo di 270 chilometri, ruota caoticamente e perciò è difficile prevedere quale parte della superficie sarà in direzione delle fotocamere della Cassini. Il caso ha voluto che in tutti gli incontro la sonda ha potuto osservare più o meno sempre lo stesso lato: le ultime immagini sono straordinariamente simili a quelle del 2005!

A sinistra, il raw N00040233.jpg del 25 settembre 2005 ripreso da una distanza di 61.770 chilometri, con i filtri CL1 CL2 (clear).

In apertura, una nostra composizione di cinque frame (disponibile in dimensione intera sul nostro album di Flickr) dei filtri infrarosso, rosso, verde, blu ed ultravioletto dell'ultimo sorvolo.

Gli scienziati ritengono che l'aspetto insolito di questa luna dipenda dalla sua densità insolitamente bassa per un oggetto relativamente grande. Ciò la rende un corpo poroso, con scarsa gravità superficiale: quando viene colpita da altri oggetti, la sua superficie tende a comprimersi e l'impatto, piuttosto che scavare i soliti crateri, stacca il materiale che viene espulso verso lo spazio e perso per sempre.

Hyperion mosaic N00241222-28 - 31 may 2015

Hyperion mosaic N00241222-28 - 31 may 2015
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Hyperion N00241203-04-05 red grn bl - 31 may 2015

Hyperion N00241203-04-05 red grn bl - 31 may 2015

Hyperion N00241202-04-06 ir grn uv - 31 may 2015

Hyperion N00241202-04-06 ir grn uv - 31 may 2015
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

La missione Cassini ormai sta volgendo al termine: il 16 giugno la sonda sorvolerà Dione da una distanza di 516 chilometri per la penultima volta; nel mese di ottobre farà due passaggi ravvicinati su Encelado, per poi tornare, a fine 2015, in orbite sul piano equatoriale di Saturno e prepararsi al gran finale, quando si immergerà negli anelli e nell'atmosfera del pianeta fino all'ultimo respiro.

Maggiori informazioni:
- http://www.ciclops.org/view/8057/Rev216
- http://saturn.jpl.nasa.gov/photos/raw/?start=1

Letto: 1771 volta/e Ultima modifica Martedì, 02 Giugno 2015 08:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista