Scritto: Mercoledì, 15 Aprile 2015 09:00 Ultima modifica: Mercoledì, 15 Aprile 2015 11:46

I riccioli di Encelado


Lunghi e sinuosi viticci sono stati osservati nei pressi del satellite di Saturno Encelado.
Un nuovo studio, basato sulle immagini scattate dalla sonda della NASA Cassini e simulazioni al computer, mostra che queste strutture dipendono direttamente dalle eruzioni dei geyser dal polo sud della luna. Il risultato è stato pubblicato oggi sulla rivista Astronomical Journal.

Rate this item
(0 votes)
Questo mosaico, formato da due immagini della Cassini e due simulazioni al computer, mostra come le strutture e le particelle che le compongono, possono essere utilizzate per tracciare la traiettoria dei minuscoli grani di ghiaccio espulsi dal geyser polari sud Encelado. Questo mosaico, formato da due immagini della Cassini e due simulazioni al computer, mostra come le strutture e le particelle che le compongono, possono essere utilizzate per tracciare la traiettoria dei minuscoli grani di ghiaccio espulsi dal geyser polari sud Encelado. Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute

"Abbiamo potuto dimostrare che ogni singola struttura può essere riprodotta da particolari gruppi di geyser sulla superficie della luna", ha detto Colin Mitchell, del team di imaging della Cassini, dello Space Science Institute di Boulder (Colorado), autore principale del documento.

Mitchell e colleghi hanno usato simulazioni al computer per seguire la traiettoria dei grani ghiacciati espulsi dai geyser, formati da minuscole particelle di ghiaccio d'acqua, vapore acqueo e composti organici semplici.

In determinate condizioni di luce, le immagini della Cassini mostrano che, il materiale ghiacciato in eruzione dalla superficie, forma deboli caratteristiche simili a riccioli, chiamate "tendrils". Queste raggiungono l'anello E di Saturno, l'anello in cui orbita Encelado, arrivando a decine di migliaia di chilometri dalla luna. Questa è la prima volta in cui sono state utilizzate le loro caratteristiche spettrali per tracciare i geyser sulla superficie.

Grafico dei geyser di Encelado

Questo grafico mostra l'origine dei geyser sui terreni del Polo Sud di Encelado.
I 36 getti più attivi sono cotrassegnati da cerchi dove il colore codifica il comportamento dei grani. Le fonti meno attive sono indicate con dei quadratini neri. Le fonti rosse producono strutture nell'orbita di Encelado; le fonti blu, particelle trascinate dalla luna; le fonti nere entrambi. La dimensione dei cerchi è proporzionale al livello di attività dei geyser. I cerchi neri concentrici indicano la latitudine con intervalli di 5 gradi.
Credit: NASA/JPL-Caltech/Space Science Institute

Quando i ricercatori hanno esaminato le immagini prese in tempi e posizioni diverse intorno a Saturno, hanno scoperto che l'aspetto dei viticci cambia nel tempo.

"Al quel punto è stato chiaro che alcune caratteristiche erano scomparse da un'immagine all'altra", ha dichiarato John Weiss, del team di imaging presso l'Università di San Martino a Lacey, Washington, altro autore del documento.

Gli scienziati sospettano che le modifiche manifestate dai tendrils nel tempo siano dovute al ciclo di sollevamento legato alle forze di marea, lo stretching a cui è sottoposta la luna mentre orbita intorno a Saturno, che controlla anche le larghezze delle fratture da cui fuoriescono i geyser. Più ampia è la frattura e maggiore è l'eruzione di materiale.

Secondo il team, ci sono altri dati che possono essere estratti dalle immagini: "come la modalità con cui viene alimentato l'anello E di Saturno. I viticci sono un modo per verificare quanta massa sta lasciando Encelado e si fa strada nell'orbita di Saturno", ha detto Carolyn Porco, leader del team di imaging e co-autore della ricerca. "Così, un altro passo importante sarà quello di determinare la quantità di massa coinvolta e quindi stimare quanto tempo potrà durare l'oceano sotto la superficie di Encelado". Tale stima è fondamentale anche per comprendere il potenziale dell'abitabilità della luna.

Cassini avrà occasione di osservare ancora Encelado ed i suoi geyser nel corso dei prossimi due anni di missione.

Letto: 1555 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 15 Aprile 2015 11:46
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista