Scritto: Sabato, 01 Novembre 2014 12:14 Ultima modifica: Martedì, 04 Novembre 2014 07:14

Il romantico riflesso del Sole sui mari Titano


Una fantastica immagine è stata rilasciata un paio di giorni fa dal team della missione della NASA Cassini: ora che il polo nord di Titano, la grande luna di Saturno, si sta lentamente immergendo nella stagione estiva, la luce del Sole inizia a creare scenari davvero particolari.

In questo mosaico nel vicino infrarosso, ripreso dal Visual and Infrared Mapping Spectrometer (VIMS), il 21 agosto 2014, durante il flyby T-104, la luce del Sole riflette sui mari del polo nord della luna.

Rate this item
(0 votes)

Una fantastica immagine è stata rilasciata un paio di giorni fa dal team della missione della NASA Cassini: ora che il polo nord di Titano, la grande luna di Saturno, si sta lentamente immergendo nella stagione estiva, la luce del Sole inizia a creare scenari davvero particolari.

In questo mosaico nel vicino infrarosso, ripreso dal Visual and Infrared Mapping Spectrometer (VIMS), il 21 agosto 2014, durante il flyby T-104, la luce del Sole riflette sui mari del polo nord della luna.

Riflesso sui laghi di TitanoQuesta non è la prima volta in cui la sonda riesce a catturare i riflessi sugli specchi di idrocarburi di Titano.
Ricorderete la storica immagine (qui a fianco, flyby T-59), ripresa l'8 luglio del 2009, o la più recente del 24 luglio 2012 (flyby T-85). Tuttavia, questa è la prima volta in cui un riflesso è visibile in foto dove lo è anche la superficie della regione polare, con gli occhi elettronici della Cassini che sono riusciti a guardare oltre la densa atmosfera e la fitta nebbia.

In uno dei frame del mosaico, in alto a sinistra ad ore 11, è presente una vera e propria "riflessione speculare" del Sole, che brilla a sud nel Kraken Mare. Visto dal Kraken Mare, invece, il Sole era a circa 40° sopra l'orizzonte, l'elevazione maggiore che finora ha prodotto un bagliore visibile dall'orbita.

Questo riflesso era così luminoso da saturare il sensore dello spettrometro della Cassini.

Intorno al Kraken Mare si nota un anello più brillante a forma di "vasca da bagno" il quale indica che il bacino doveva essere più grande ad un certo punto della storia e si sarebbe ridotto a causa dell'evaporazione.

Immediatamente a destra del riflesso solare, un labirinto di canali collega il Kraken ad un altro grande mare di Titano, il Ligeia Mare, parzialmente coperto a settentrione, da un complesso brillante di nuvole a forma di freccia. Queste, formate da goccioline di metano liquido, potrebbero contribuire attivamente a rifornire i mari di Titano con vere e proprie precipitazioni.

L'immagine, anche se a colori, non rappresenta i colori naturali di Titano, ossia quelli che percepirebbe l'occhio umano che, purtroppo, vedrebbe solo nebbia: qui, il rosso corrisponde a 5.0 micron, il verde a 2.0 micron e il blu a 1.3 micron, ossia le finestre atmosferiche attraverso le quali la superficie di Titano è visibile.

Questi sorvoli riservano sempre grandi sorprese su un incredibile mondo per certi versi, così simile alla Terra.

L'ultimo flyby, T-106, è stato il 24 ottobre, il decimo degli undici in programma per il 2014.

La sonda Cassini ha sorvolato la luna di Saturno raggiungendo una distanza minima di 1.013 chilometri: in entrata, Imaging Science Subsystem (ISS) ha osservato il polo sud della luna; in uscita, la falce illuminata del polo nord.

Quelle che seguono solo due immagini riprese da circa 90.000 chilometri il 23 ottobre: la prima quasi in colori naturali, realizzata con i filtri rosso, verde, blu e ultravioletto; la seconda in infrarosso con il filtro CB3.

Titan above the atmosphere on October 23, 2014 (from about 90.000 km) W00090604-07 - red grn bl vio

Titan above the atmosphere on October 23, 2014 (from about 90.000 km) W00090604-07 - red grn bl vio

Titan below the atmosphere on October 23, 2014 (from about 90.000 km) W00090601-03 - cb3 filter stack

Titan below the atmosphere on October 23, 2014 (from about 90.000 km) W00090601-03 - cb3 filter stack
Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Al massimo avvicinamento, il Radio Science Subsystem (RSS) ha rimbalzato un segnale radio dalla superficie di Titano, verso la Terra. Questo esperimento, chiamato scattering bistatico (il radar bistatico è un radar dove trasmettitore, il sistema RSS della Cassini e il ricevitore, il Deep Space Network della NASA sulla Terra, sono separati da una distanza paragonabile alla distanza con il target, distanza Terra - Titano. Lo scatterig, ossia la dispersione, in questo caso è perciò riferito alla posizione), viene utilizzato per misurare la composizione superficiale, la rugosità, lo stato (liquido o solido), la riflettività e la costante dielettrica.

L'immagine seguente riprende il polo nord di Titano poco dopo l'approccio, da una distanza di circa 115.000 chilometri, realizzata con il filtri rosso, verde, blu ed ultravioletto, grazie al quale diventano visibili le bande concentriche proprio sopra al polo, negli strati più alti dell'atmosfera.

Tian on October 24, 2014 (from about 115.000 km) W00090613-6 - red grn bl vio

Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Dopo il massimo avvicinamento, ISS e VIMS hanno mappato il polo nord della luna, mentre il Composite Infrared Spectrometer (CIRS) ha rilevato le temperatura sul lato in ombra.

Titan moving away gif movie (from about 175.000 to about 285.000 km) - cb3 filter

Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Questa sequenza è stata ripresa dalla Cassini in fase di allontanamento, da circa 175.000 chilometri a circa 285.000 chilometri.

Tra il 25 e il 27 ottobre, la sonda ha continuato a guardare in direzione di Titano per monitorare la mezzaluna visibile e le nuvole sulla regione polare.

Nella seguente composizione, ad esempio, uno stack del 25 ottobre delle riprese in infrarosso con filtro IRP0 (polarizzato) e CB3, da circa 615.000 chilometri, sono visibili dei leggeri addensamenti.

Titan soft clouds on October 25, 2014 - N00230801-3 - IRP0 (polarized filter) and CB3 stack 

Credit: NASA/JPL/Space Science Institute - Processing: 2di7 & titanio44

Read 3461 times Ultima modifica Martedì, 04 Novembre 2014 07:14
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 31 Maggio

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 31 Maggio sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 30/5/20 - Sol 535] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 1 Maggio [updated on May,01]

HOT NEWS