Scritto: Mercoledì, 22 Giugno 2022 14:30 Ultima modifica: Mercoledì, 22 Giugno 2022 14:41

BepiColombo pronta per il secondo assist gravitazionale da Mercurio


La sonda ESA / JAXA si sta preparando per il suo secondo sorvolo ravvicinato di Mercurio che avverrà domani 23 giungo 2022. In tutto, ne serviranno sei per entrare in orbita attorno al pianeta nel 2025.

Rate this item
(2 votes)
BepiColombo pronta per il secondo assist gravitazionale da Mercurio
Crediti: ESA/ATG medialab

Come il suo primo incontro dell'anno scorso, anche il sorvolo di questa settimana porterà la navicella spaziale a circa 200 chilometri di altitudine sopra la superficie del pianeta, con una velocità relativa di 7,5 chilometri al secondo.  In tal modo, la velocità di BepiColombo rispetto al Sole sarà rallentata di 1,3 chilometri al secondo, avvicinando la sonda all'orbita di Mercurio.
Il massimo avvicinamento è previsto per le 09:44 UT.

Lo scopo principale del sorvolo è utilizzare la gravità del pianeta per mettere a punto la traiettoria.
La sonda include due orbiter scientifici che saranno consegnati in orbite complementari attorno al pianeta dal Mercury Transfer Module: il Mercury Planetary Orbiter guidato dall'ESA e il Mercury Magnetospheric Orbiter (Mio), guidato dalla JAXA. Insieme studieranno Mercurio nel suo insieme, dal nucleo ai processi di superficie, campo magnetico ed esosfera, per comprendere meglio l'origine e l'evoluzione di un pianeta vicino alla sua stella madre.

Anche se BepiColombo è in configurazione da crociera, cioè non completamente dispiegata e per cui molti strumenti non possono entrare in funzione, questi incontri ravvicinati sono una ghiotta occasione per fare scienza.

Il team ha predisposto una sequenza di istantanee dalle tre fotocamere di monitoraggio (MCAM) per riprendere la superficie del pianeta. Contemporaneamente, una serie di strumenti di monitoraggio, magnetometro, plasma e particelle, campioneranno l'ambiente sia vicino che lontano al momento di massimo approccio.

BepiColombo s second Mercury flyby


Un selfie come ricordo

Durante i passaggi ravvicinati non è possibile acquisire immagini ad alta risoluzione con la telecamera scientifica principale perché è schermata dal modulo di trasferimento mentre la navicella è in configurazione da crociera. Tuttavia, le tre telecamere di monitoraggio MCAM saranno operative.

Poiché l'approccio più vicino di BepiColombo sarà sul lato notturno del pianeta, le prime immagini in cui sarà Mercurio sarà illuminato saranno riprese circa cinque minuti dopo l'avvicinamento massimo, a una distanza di circa 800 chilometri.

Le MCAM forniscono istantanee in bianco e nero con una risoluzione di 1024 x 1024 pixel e sono posizionate sul Mercury Transfer Module in modo tale da catturare anche i pannelli solari e le antenne del veicolo spaziale. Mentre il veicolo spaziale cambia orientamento durante il sorvolo, si vedrà Mercurio passare dietro gli elementi strutturali del veicolo spaziale. Le prime immagini verranno scaricate entro un paio d'ore e altre nel corso della giornata. Un secondo rilascio, comprendente altre foto inedite, è previsto entro venerdì mattina, ha scritto l'ESA nel comunicato.

Nelle riprese più vicine dovrebbe essere possibile identificare grandi crateri da impatto e altre importanti caratteristiche geologiche legate all'attività tettonica e vulcanica come scarpate, creste e pianure laviche sulla superficie del pianeta.

BepiColombo monitoring cameras

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 150 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 22 Giugno 2022 14:41

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 5 dicembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 1 dicembre. Statistiche su...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB