Scritto: Sabato, 02 Maggio 2020 06:51 Ultima modifica: Sabato, 02 Maggio 2020 07:00

Prima scienza per BepiColombo


Gli strumenti scientifici a bordo della sonda ESA / JAXA BepiColombo godono di ottima salute. Il team ha racconto i primi dati durante lo swing-by attorno alla Terra.

Rate this item
(1 Vote)
Una rappresentazione artistica del prossimo swing-by di BepiColombo attorno a Venere. Una rappresentazione artistica del prossimo swing-by di BepiColombo attorno a Venere. Crediti: ESA/ATG medialab

BepiColombo è composta da due veicoli spaziali separati: L'ESA ha sviluppato il Mercury Planetary Orbiter (MPO) mentre la Japan Aerospace Exploration Agency JAXA ha fornito il Mercury Magnetospheric Orbiter (Mio). Il primo studierà la superficie e la composizione interna del pianeta; il secondo, la magnetosfera di Mercurio. I due orbiter sono impilati in cima al Mercury Transfer Module (MTM) realizzato dall'ESA che fornisce la propulsione a ioni ed altri servizi non necessari per la missione vera e propria.

Il gravity assist del 10 aprile 2020, che ha visto BepiColombo sorvolare il nostro pianeta avvicinandosi fino a 12 689 chilometri dalla superficie, ha permesso di testare 6 degli 11 strumenti del payload scientifico.di MPO.

Per esempio, il Mercury Radiometer and Thermal Infrared Spectrometer (MERTIS), un nuovo strumento dedicato allo studio della composizione superficiale degli oggetti celesti, è riuscito a fare una scansione della Luna che, tuttavia, è molto più fredda rispetto alla superficie di Mercurio per cui è stato progettato. Moon observed by BepiColombo MERTIS

Ogni immagine nel video rappresenta un'osservazione. La fascia colorata nel mezzo è il riflesso della Luna nell'infrarosso termico contro lo spazio circostante più freddo.
Le osservazioni sono state eseguite da una distanza di 700 000 km, che è 2000 volte più lontano di quanto sarà l'orbita del Mercury Planetary Orbiter (MPO) dell'ESA, rispetto alla fase operativa attorno a Mercurio..
Inoltre, MERTIS ha effettuato le misurazioni utilizzando la sua porta di calibrazione e non la porta principale, attualmente nascosta dietro il modulo di trasferimento del mercurio (MTM), che trasporta MPO ed il Mercury Magnetospheric Orbiter della JAXA.
Crediti: DLR and Westfälische Wilhelms Universität Münster

"Nessuno aveva osservato la Luna dallo spazio in questo intervallo spettrale fino ad ora", ha dichiarato Jörn Helbert del DLR nella press release,. "È il primo set di dati del suo genere ed è buono come speravamo".

Ora, ci sono grandi aspettative per i prossimi swing-by attorno a Venere, visitato l'ultima volta da una sonda europea nel 2014 con Venus Express.
BepiColombo passerà per la prima volta su Venere il 15 ottobre alla distanza di circa 10 630 chilometri. Il secondo sorvolo del pianeta avverrà nell'agosto 2021, quando la sonda scenderà a circa 550 chilometri sulla superficie venusiana, più vicino dell'orbita a cui sta operando la sonda giapponese Akatsuki, tra mille difficoltà.

"Ci sono strumenti, tra cui MERTIS e lo spettroscopio a ultravioletti PHEBUS, che potranno effettuare misurazioni su Venere che nessuna missione precedente poteva fare", ha affermato Jörn.Saremo in grado di ottenere molti dati sulla densa atmosfera del pianeta, simili a quelli ottenuti dalle missioni sovietiche Venera 15 e 16 negli anni '80. Ciò fornirà un confronto unico". 

Anche il magnetometri MPO-MAG, progettato specificatamente per Mercurio, ha lavorato bene durante lo swing.by attorno alla Terra.
I dati hanno mostrato che il vento solare, il flusso costante di particelle elettricamente cariche che fluiscono dal Sole nello spazio interplanetario, era molto silenzioso il giorno della manovra gravity assist. Hanno anche evidenziato il momento in cui BepiColombo ha incontrato il cosiddetto "bow shock", ossia il confine netto che si forma sul bordo esterno dell'ambiente magnetico terrestre mentre interagisce con il vento solare. Quindi la sonda ha passato la magnetosheath, una regione turbolenta ancora notevolmente influenzata dal plasma interplanetario, e la magnetopausa, Il video è in fondo al post.

"Questo è un momento molto interessante per le indagini sul vento solare", ha affermato Daniel Heyner, ricercatore principale dello strumento. “Ora abbiamo diversi veicoli spaziali recentemente lanciati che viaggiano in direzione del Sole con strumenti simili: c'è il Solar Orbiter dell'ESA e la sonda Parker della NASA. Sono nell'eliosfera a diverse distanze dal Sole e ciò consente, ad esempio, di tracciare le espulsioni di massa coronale e studiare come la loro velocità ed intensità cambiano mentre si propagano lontano dal Sole".

Nonostante il target della missione sia Mercurio, il team MAG-MPO continuerà a misurare il vento solare per la maggior parte del viaggio di sette anni della sonda.
Johannes prevede che lavorare in tandem, in particolare con il Solar Orbiter dell'ESA, consentirà grandi sinergie e un nuovo approccio allo studio dell'ambiente attorno al Sole.

Altre informazioni su questo articolo

Read 154 times Ultima modifica Sabato, 02 Maggio 2020 07:00
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Media

Le misurazioni del campo magnetico terrestre effettuate dal magnetometro MPO-MAG a bordo del Mercury Planetary Orbiter durante lo swing-by aòttorno alla Terra. Non è l'audio realte registrato nello spazio ma una trasposizione sonora di 26 secondi dei dati acquisiti durante 8 ore di sorvolo. Crediti: ESA/BepiColombo/MPO-MAG/IGEP-IWF-IC-ISAS, CC BY-SA 3.0 IGO

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Giugno [Last update...

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista