Scritto: Giovedì, 31 Marzo 2022 22:19 Ultima modifica: Venerdì, 01 Aprile 2022 04:41

Tre satelliti di ricerca atmosferica lanciati dalla Cina


La Cina ha lanciato con successo tre satelliti Tianping-2 per la ricerca atmosferica dal Centro Lancio Satelliti di Jiuquan il 30 marzo utilizzando il razzo Chang Zheng 11.

Rate this item
(1 Vote)
Nella foto il lancio del Lunga Marcia 11. Da notare la nube di rilascio dal silos di decollo.
Nella foto il lancio del Lunga Marcia 11. Da notare la nube di rilascio dal silos di decollo.
Credito: Xinhua

 Le informazioni sui satelliti Tianping-2 non sono complete, tuttavia sono fornite dalla China Aerospace Science and Industry Corporation (CASIC). Tre singoli satelliti, Tianping-2 A, Tianping-2 B e Tianping-2 C, sono stati inseriti con successo nell'orbita terrestre ed eseguiranno ricerche atmosferiche, raccolta dati, previsioni e modelli. Il lancio di mercoledì ha segnato il debutto dei satelliti Tianping-2 e, come tale, non è noto se ci saranno aggiunte ai tre ora in orbita.

 Il decollo è avvenuto alle 10:29 ora di Pechino (le 04:29 italiane) presso il Centro Lancio Satelliti Jiuquan (JSLC), situato nel deserto del Gobi a circa 200 chilometri dalla città di Jiuquan. JSLC funge come uno dei principali siti di lancio della Cina, insieme ai centri di Xichang e Taiyuan. Un giorno prima del lancio dei satelliti Tianping-2, il Chang Zheng 6A era stato lanciato con successo da Taiyuan segnando, per la Cina, due voli orbitali in poco più di 24 ore. Il Chang Zheng 11 (in italiano Lunga Marcia 11) è stato utilizzato per il lancio di mercoledì. Questo piccolo lanciatore satellitare a quattro stadi ha acquisito più esperienza di volo negli ultimi anni, ma ha tenuto una lista di voli relativamente bassa con appena 12 missioni dal suo debutto nel 2015.

 Prodotto dalla China Academy of Launch Vehicle Technology (CALT), il segno distintivo del veicolo è la versatilità, progettato per essere lanciato con breve preavviso da una varietà di ambienti, come da terra via veicoli stradali (CZ-11) o offshore su piattaforme navali (CZ-11H). Tale capacità è fortemente legata ai missili balistici intercontinentali (ICBM), da cui si ritiene che il CZ-11 sia stato adattato. Con un'altezza di quasi 21 metri e un diametro di due metri, il veicolo può trasportare fino a 350 kg in orbita solare sincrona (SSO), una destinazione popolare per la piccola classe di satelliti che serve. Il CZ-11 può utilizzare una carenatura del carico utile di 1,6 metri o di 2,0 metri di diametro. Il veicolo è composto da quattro stadi, tutti a propellenti solidi, con il quarto stadio classificato come Reaction Control System (RCS). La scelta per il veicolo di essere completamente a combustibile solido deriva dalle sue origini come missile poiché questo tipo di propulsione è facilmente immagazzinabile rispetto ai propellenti liquidi, che sono rari nei missili a reazione rapida.

cina cz11 launch 30032022

Nella foto il decollo del Lunga Marcia 11 del 30 marzo 2022. Credito: Xinhua

 Il lancio di mercoledì ha mostrato la variante lanciata da terra di Chang Zheng 11, piuttosto che la variante lanciata in mare aperto su una piattaforma di lancio, nota come variante CZ-11H. Il CZ-11H è stato lanciato due volte, nel giugno 2019 e nel settembre 2020, entrambi dal Mar Giallo su piattaforme di lancio marittime conosciute rispettivamente come Tai Rui e De Bo 3. Si ritiene che quest'ultima sia la piattaforma dedicata d'ora in poi con miglioramenti logistici, essendo una nave da trasporto adattata in contrasto con la chiatta adattata Tai Rui. A causa della natura di CZ-11 che necessita di un'infrastruttura relativamente semplice per il lancio, queste piattaforme di lancio richiedono un equipaggiamento minimo a bordo.

 Un altro lancio offshore di CZ-11H è previsto quest'anno, insieme alle operazioni di lancio di CZ-11 dai centri di lancio dei satelliti di Jiuquan e Xichang. Sia nelle impostazioni di lancio a terra che in mare aperto, il veicolo è immagazzinato all'interno di un tubo di lancio in cui può rimanere per lunghi periodi di tempo e viene espulso dal tubo prima che il veicolo accenda il suo primo stadio a propellente solido a mezz'aria.

 Il Chang Zheng 11 di mercoledì ha mostrato aggiornamenti nel "meccanismo servo" della prima fase per facilitare la manutenzione e la prontezza al lancio, insieme a miglioramenti nella produzione che consentiranno a CALT di costruire più razzi in anticipo per soddisfare la domanda dei clienti. Il CZ-11 subirà un aggiornamento generale, con un aumento del diametro dello stadio a 2,65 metri, che a sua volta aumenterà la spinta nel veicolo a propellente solido, nonché un cambio di materiali dall'acciaio ai compositi per la riduzione del peso. Con una nuova carenatura del carico utile di 3,35 metri, l'aggiornamento consentirà al veicolo di sollevare 1.500 kg in orbita solare sincrona (SSO) con un significativo aumento della capacità. Saranno mantenute le capacità di lancio sia su terraferma che in mare.

 Dopo il lancio di mercoledì, la China Academy of Launch Vehicle Technology (CALT) ha annunciato l'intenzione di far volare Chang Zheng 11 da quattro a cinque volte nel 2022, sia da terra che da mare, comprese una o due missioni commerciali. Il veicolo è stato lanciato al massimo fino a tre volte in un anno solare nella sua carriera. Se questo potenziale lista di missioni è valida, questo record verrà battuto dal CZ-11 e costituirà un precedente per l'interesse futuro per il veicolo.

 Il successo del lancio dei satelliti Tianping-2 segna il 413esimo volo della famiglia di razzi Chang Zheng. In totale si è trattato del 32esimo lancio orbitale globale dell'anno, l'ottavo per la Cina.

Letto: 207 volta/e Ultima modifica Venerdì, 01 Aprile 2022 04:41

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 settembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 20 settembre. Statistiche ...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora