Scritto: Martedì, 22 Febbraio 2022 12:50 Ultima modifica: Martedì, 22 Febbraio 2022 13:29

Yutu-2 ha scopeto piccole sfere di vetro sul lato opposto della Luna


Il rover cinese Yutu-2 ha scoperto due sferule di vetro durante la sua esplorazione dal lato opposto della Luna.

Rate this item
(2 votes)
Yutu-2 ha scopeto piccole sfere di vetro sul lato opposto della Luna
Crediti: Zhiyong Xiao, et al.

Secondo uno studio recentemente pubblicato, il rover ha catturato le immagini di due globuli traslucidi utilizzando la sua fotocamera panoramica.

Secondo l'agenzia di stampa Xinhua, non sono stati ottenuti dati sulla composizione "ma la loro morfologia unica e il contesto locale suggeriscono che molto probabilmente sono vetri da impatto, prodotti da materiali anortesitici durante le collisioni, piuttosto che essere di origine vulcanica o rilasciati da altri corpi planetari".
L'anortosite è una delle principali rocce che costituiscono gli altopiani lunari, formatasi nell'oceano di magma lunare.


Processi principali

Nel documento, di cui Zhiyong Xiao del Planetary Environmental and Astrobiological Research Laboratory, School of Atmospheric Sciences presso la Sun Yat-sen University è l'autore principale, viene spiegato che questi globuli vetrosi sono diversi dalle perle di vetro campionate dalle missioni Apollo, poiché sono di dimensioni maggiori e mostrano dei colori.

Il vetro è onnipresente nella regolite lunare e il vulcanismo e gli impatti ad alta velocità sono i meccanismi principali di formazione degli vetri lunari. I vetri vulcanici sulla Luna ricoprono le antiche rocce basaltiche o si presentano come sferule di vetro in depositi piroclastici", scrivono gli autori.

Le sferule di vetro vulcanico, in particolare, hanno un diametro inferiore a 1 millimetro e la maggior parte sono inferiori a 300 micron. Mentre, i vetri da impatto si sono formati mediante raffreddamento della massa fusa e/o condensazione del vapore generato dalla collisione. Le relative sferule sono rotonde, lisce e contengono poche o nessuna inclusione. Hanno dimensioni prevalentemente sub-millimetriche e alcune hanno un diametro fino a 8 millimetri.

Secondo Zhiyong e colleghi questi globuli potrebbero essere abbondanti negli altopiani lunari, dove potrebbero quindi essere campionati con più facilità fornendo importanti indizi sulla storia degli impatti lunari.

Yutu-2 è stato rilasciato dal lander Chang'e-4 nel bacino Polo Sud Atkien più di tre anni fa e da allora, il rover ha viaggiato sul fondo del cratere Von Kármán.

Cronologia lunare

Nel mentre, gli scienziati a Terra stanno lavorando sui campioni restituiti dalla missione Chang'e-5 a dicembre 2020 per aggiornare la cronologia lunare.
L'ultimo lavoro, guidato dal professor Yue Zongyu e dal professor Di Kaichang dell'Aerospace Information Research Institute (AIR) dell'Accademia cinese delle scienze (CAS), è stato pubblicato sulla rivista Nature Astronomy.

Lo studio ha stabilito un modello di cronologia lunare aggiornato che fornisce una scala temporale più accurata non solo per la storia lunare ma anche per l'evoluzione dei corpi planetari nel Sistema Solare interno. 
La ricerca si basa sull'età radiometrica di nuovi campioni raccolti da Chang'E-5 insieme al conteggio dei crateri nell'area di atterraggio.

I precedenti campioni lunari prelevati dalle missioni Apollo e Luna tra il 1969 e il 1976 erano stati datati radiometricamente come più vecchi di tre miliardi di anni e meno di un miliardo di anni. Ma il divario di circa 2 miliardi di anni rendeva il modello cronologico discutibile. Colmare questo buco temporale è stato proprio uno degli obiettivi della missione cinese Chang'e-5 che, di fatto, ha restituito campioni di 2,03 miliardi di anni.

Quindi, grazie ai dati Chang'E-5, "l'accuratezza della nuova funzione di cronologia è migliore del modello classico di Neukum (1983) e dovrebbe essere utilizzata in futuro nella datazione delle unità geologiche lunari", dicono gli autori.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 263 volta/e Ultima modifica Martedì, 22 Febbraio 2022 13:29

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Tianwen colpisce ancora I piani spaziali della Cina »
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 giugno 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 giugno. ...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 21 giugno. Statistiche sul...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora