Scritto: Domenica, 07 Novembre 2021 19:50 Ultima modifica: Lunedì, 08 Novembre 2021 04:32

Ancora fortissimamente... Cina


Il dragone asiatico non si ferma ed esegue altri due lanci orbitali negli ultimi due giorni. Inoltre, nelle ultime ore, due astronauti hanno eseguito una passeggiata spaziale dalla Stazione Spaziale Cinese Tiangong.

Rate this item
(2 votes)
Nelle foto, da sinistra, il lancio del CZ-6 con il satellite SDGSAT1, il lancio del CZ-2D con tre Yaogan-35 ed infine l'astronauta Zhai Zhigang durante l'attività extraveicolare dalla Stazione Spaziale Cinese Tiangong.
Nelle foto, da sinistra, il lancio del CZ-6 con il satellite SDGSAT1, il lancio del CZ-2D con tre Yaogan-35 ed infine l'astronauta Zhai Zhigang durante l'attività extraveicolare dalla Stazione Spaziale Cinese Tiangong.
Crediti: Xinhua

Questo 2021 sarà sicuramente ricordato, in ambito spaziale, anche per il crescendo di attività della Cina fra lanci di satelliti, il rover su Marte e l'avvio della Stazione Spaziale Tiangong.

 Ma andiamo con ordine. Un veicolo spaziale per l'osservazione della Terra, sviluppato dall'Accademia cinese delle scienze, è stato lanciato venerdì 5 novembre in cima a un razzo Lunga Marcia 6 (Chang Zheng-6 o CZ-6), iniziando una missione che, secondo i funzionari cinesi, è dedicata a sostenere l'Agenda 2030 delle Nazioni Unite per lo sviluppo sostenibile. La navicella spaziale SDGSAT 1 è stata lanciata alle 10:19 ora di Pechino (le 3:19 italiane) dal Centro Spaziale di Taiyuan nella provincia dello Shanxi, nel nord della Cina. Il lanciatore, alto 29 metri, è decollato su una traiettoria in direzione sud da Taiyuan, puntando a un'orbita polare. I dati di tracciamento dell'esercito americano indicavano che il razzo CZ-6 aveva posizionato il suo carico utile in un'orbita quasi circolare a 508 chilometri sopra la Terra, con un'inclinazione di 97,5 gradi rispetto all'equatore. L'Accademia cinese delle scienze ha dichiarato che la missione SDGSAT 1 è stata "personalizzata" per l'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, che ha fissato 17 obiettivi di sviluppo sostenibile e 169 obiettivi quando gli Stati membri delle Nazioni Unite hanno adottato il programma nel 2015. L'ONU ha descritto l'agenda come un "piano d'azione per le persone, il pianeta e la prosperità". SDGSAT 1 trasporta tre strumenti di visualizzazione della Terra: uno che opera nelle bande dell'infrarosso termico, un sensore di livello di scarsa illuminazione e una telecamera multispettrale a colori. Gli strumenti aiuteranno gli scienziati a monitorare il consumo energetico, i modelli di insediamento umano e gli ambienti costieri, con particolare attenzione all'acquisizione di dati sull'interazione tra uomo e natura. Questi parametri, tutti associati all'attività umana, sono indicatori di sviluppo sostenibile, secondo l'Accademia cinese delle scienze. SDGSAT 1 colmerà le lacune nei dati e migliorerà il monitoraggio degli indicatori di sviluppo sostenibile con una migliore risoluzione e immagini più tempestive, secondo quanto dichiarato da Guo Huadong, direttore dell'International Research Center of Big Data for Sustainable Development Goals della Cina.

cina cz6 sdgsat1 artist

Nell'illustrazione artistica il satellite SDGSAT 1. Crediti:Xinhua

 Gli strumenti della navicella cattureranno immagini con strisce larghe fino a 300 chilometri, dando al satellite un ampio campo visivo che consente una copertura globale ogni 11 giorni. Il lancio del satellite SDGSAT 1 venerdì ha segnato il 107esimo tentativo di lancio orbitale globale dell'anno, il 100esimo eseguito con successo e il 43esimo tentativo di questo tipo per la nazione cinese. Quaranta dei lanci cinesi di quest'anno hanno raggiunto con successo l'orbita, più di qualsiasi altra nazione. È stata anche la terza missione compiuta dal veicolo CZ-6 nel 2021 e l'ottavo volo totale dal debutto del razzo nel settembre 2015. Con un tasso di successo del 100%, il Chang Zheng-6 è uno dei veicoli di lancio più affidabili della Cina. Il CZ-6 è un veicolo di lancio a tre stadi, con il primo e il secondo stadio alimentati da RP-1 e ossigeno liquido. Il terzo stadio utilizza propellenti immagazzinabili, vale a dire il tetrossido di azoto (N2O4) e la dimetilidrazina asimmetrica (UDMH). Quest'ultima miscela propellente è ipergolica, il che significa che si accende al contatto una volta che il carburante e l'ossidante si incontrano nella camera di combustione del motore. Ma è anche una miscela incredibilmente tossica e corrosiva, il che lo rende particolarmente pericoloso per i gestori e i tecnici del propellente. Il programma spaziale cinese sta attualmente sviluppando una variante potenziata del Chang Zheng 6, nota come CZ-6A. Questa versione presenterà quattro booster a razzo a propellente solido e si dice che sia in grado di trasportare 4.000 chilogrammi in un'orbita sincrona solare. Il veicolo dovrebbe debuttare non prima di novembre o dicembre di quest'anno.

 Ma la Cina prosegue la sua inarrestabile marcia ed il giorno seguente, il 6 novembre 2021, dal Centro Lancio Satelliti di Xichang, nella provincia sud-occidentale di Sichuan, esegue il lancio di un razzo Lunga Marcia-2D (Chang Zheng-2D o CZ-2D) con tre satelliti di telerilevamento della famiglia Yaogan-35. Il decollo è avvenuto alle 11:00 ora di Pechino (le 4 italiane) dalla rampa LC-3 del centro spaziale. Yaogan Weixing - che significa "satellite di telerilevamento" e solitamente abbreviato in Yaogan - è un nome che la Cina dà a molti dei suoi satelliti militari, simile alle designazioni "Kosmos" e "USA" utilizzate da Russia e Stati Uniti. I singoli veicoli spaziali sotto l'ombrello di Yaogan svolgono diverse missioni di sorveglianza e sicurezza nazionale per il governo cinese, anche se ufficialmente sono tutti carichi utili di rilevamento gestiti dal Ministero dell'Agricoltura. Pochissimi dettagli delle operazioni dei singoli satelliti sono stati divulgati dal governo cinese, con analisi dei veicoli spaziali in orbita e confronti con missioni occidentali e precedenti satelliti cinesi che aiutano a costruire una comprensione nel tempo. Poiché Yaogan 35 sembra rappresentare un nuovo tipo di carico utile, è probabile che ci vorrà del tempo prima che il suo scopo diventi chiaro. L'annuncio ufficiale del lancio di successo di sabato ha descritto i satelliti come appartenenti alla "famiglia Yaogan 35", il che implica che in futuro potrebbero essere previste ulteriori missioni di questo tipo. Durante i lanci successivi nella serie Yaogan, la Cina ha talvolta assegnato nuovi numeri al veicolo spaziale, come Yaogan 9 e 16. Altre volte hanno ricevuto la stessa designazione dei loro predecessori, come Yaogan 30, che ora ha visto dieci gruppi separati di satelliti lanciati. Se quest'ultimo modello sarà seguito da Yaogan 35, i satelliti lanciati sabato diventeranno noti come Yaogan 35 Group 01 poiché la loro costellazione inizierà a crescere.

cina cz2d yaogan35 fairing

Nella foto l'ogiva protettiva dei Yaogan-35 mentre viene trasportata verso la rampa di lancio. Crediti:Xinhua

 I razzi CZ-2 utilizzano due stadi, sebbene possano anche volare con piccoli stadi superiori opzionali, per missioni prevalentemente in orbita bassa terrestre. Le versioni Chang Zheng 2C, 2D e 2F sono attualmente in servizio. Il lancio di sabato ha segnato il 56esimo volo del Chang Zheng 2D, utilizzando il veicolo con numero di serie Y63. È solo il secondo CZ-2D a essere lanciato dal Centro di Lancio Satelliti di Xichang, con la maggior parte dei suoi lanci precedenti che hanno avuto luogo a Jiuquan e Taiyuan. La Cina utilizza principalmente Xichang per i lanci geosincroni, sebbene il CZ-2D non sia in grado di raggiungere tale orbita. Le restrizioni dello spazio aereo pubblicate prima del lancio indicavano che il razzo avrebbe seguito una rotta sud-orientale dopo il decollo. Anche il CZ-2D è dotato di stadi a propellenti ipergolici e, come i suoi più anziani razzi vettori cinesi verrà gradualmente sostituito dai più sostenibili ambientalmente vettori delle serie 5 – 6 – 7 ed 8. Si è trattato del 108esimo lancio orbitale globale del 2021, il 101esimo a concludersi con successo, il 43esimo della Cina.

cina css shenzhou13 eva4 03

Nell'immagine tratta dalla diretta TV, la prima astronauta cinese ad eseguire un'EVA, Wang Yaping, durante l'uscita. Crediti:Xinhua

 Ma eccoci all'ultima, in ordine di tempo, impresa spaziale cinese. Domenica 7 novembre, i taikonauti Zhai Zhigang e Wang Yaping sono usciti fuori dal modulo centrale Tianhe della Stazione Spaziale Cinese alle 20:28 ora di Pechino (le 11:28 italiane) per iniziare le attività extraveicolari (EVA), lo ha affermato l'Agenzia Spaziale Cinese per le missioni Abitate. Zhai aveva aperto il portello della cabina del nodo di Tianhe alle 18:51. Questa è la seconda volta che Zhai esegue una EVA, avendo completato la prima passeggiata spaziale cinese 13 anni fa, durante la missione Shenzhou-7. Nel frattempo, la passeggiata spaziale di Wang la rendono la prima astronauta donna del paese ad uscire nello spazio. Indossando le tute spaziali Feitian di nuova generazione sviluppate in Cina, la coppia ha condotto una serie di compiti extra-veicolari con l'aiuto del braccio meccanico, ha osservato l'agenzia. Ye Guangfu, il terzo membro della missione spaziale, è rimasto all'interno per aiutare i suoi compagni a completare le operazioni. L'uscita, la quarta EVA per la Cina, la prima per questa missione, si è conclusa alle 18.16 italiane, dopo 6 ore e mezza di lavoro. È stato installato un adattatore ed un “suspension device” sul braccio robotico. Si tratta della prima delle tre EVA in programma per la missione Shenzhou 13. La Cina ha lanciato l'astronave Shenzhou-13 il 16 ottobre scorso, inviando i tre astronauti in una missione di sei mesi per costruire la propria stazione spaziale in orbita bassa terrestre. Intanto i tre astronauti cinesi dell'equipaggio della missione precedente, la Shenzhou-12, il primo lotto inviato in orbita per la costruzione della Stazione Spaziale Cinese, hanno completato la quarantena e il recupero iniziale dopo essere tornati sulla Terra. I tre stanno ancora riposando e recuperando, ha detto sabato la China Manned Space Agency (CMSA). I tre astronauti, Nie Haisheng, Liu Boming e Tang Hongbo, hanno completato la loro missione di tre mesi e sono tornati sani e salvi sulla Terra il 17 settembre. Hanno iniziato la quarantena per un esame medico completo e una valutazione della salute. Il China Astronaut Research and Training Center ha elaborato piani di recupero per ciascun astronauta. Il CMSA ha affermato che tre astronauti si sono riadattati alla gravità e all'ambiente sulla Terra, hanno ripristinato le funzioni corporee come previsto e hanno partecipato a una serie di test ed esperimenti di valutazione. Durante la missione Shenzhou-12 vennero eseguite le prime due EVA della stazione spaziale Tiangong, rispettivamente la seconda e terza attività extra-veicolare per il programma spaziale cinese.

Letto: 459 volta/e Ultima modifica Lunedì, 08 Novembre 2021 04:32

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 novembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 16 novembre. Statistiche s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB