Scritto: Martedì, 24 Agosto 2021 23:53 Ultima modifica: Mercoledì, 25 Agosto 2021 04:28

La Cina non si ferma ed esegue due lanci spaziali a distanza di poche ore


Proseguendo un'estate frenetica, la Cina ha eseguito martedì altri due lanci orbitali nel giro di poche ore. Si è trattato del quinto e sesto lancio spaziale cinese del mese di agosto.

Rate this item
(2 votes)
Nella foto il decollo del Lunga Marcia-2C con la coppia di satelliti sperimentali. Nella foto il decollo del Lunga Marcia-2C con la coppia di satelliti sperimentali. Crediti: Wang Jiangbo/Xinhua

 La prima delle due missioni orbitali ha avuto successo martedì mattina quando tre satelliti sono stati piazzati nell'orbita pianificata. E' stato uno stadio superiore Yuanzheng-1 (Spedizione-1), a bordo di un razzo vettore Cheng Zheng-2C (Lunga Marcia-2C) ad eseguire la missione. Decollato dal Centro Lancio Satellite di Jiuquan, posto nel nord-ovest della Cina, alle 19:15 ora di Pechino (le 13:15 italiane) del 24 agosto 2021, il razzo ha piazzato in orbita polare due, non meglio specificati, satelliti sperimentali governativi (Ronghe Shiyan Weixing – RSX) ed un satellite privato della Aerospace Dongfanghong Satellite Company Limited (DFH), una consociata di CAST (China Aerospace and Technology Corporation (CAST), la società aerospaziale statale cinese che funge da primo contraente per l'Agenzia Spaziale Cinese (CNSA). Al momento non si hanno maggiori notizie sullo scopo di questi tre satelliti inviati nello spazio e le fonti cinesi, come al solito, non hanno aggiunto nessun particolare in merito. Voci occidentali, naturalmente non confermate, riferiscono che gli RSX sarebbero di un paio di satelliti di prova per una costellazione per telecomunicazioni internet tutta cinese. In pratica si tratterebbe di un concorrente asiatico di Starlink e OneWeb. Questo lancio è stato il 385esimo volo di un razzo vettore della famiglia Lunga Marcia. Lo stadio superiore Yuanzheng-1 è spinto da un motore YF-50D, che fornisce allo stadio una spinta di 6,5 kN e consente accensioni multiple durante un periodo di sei ore e mezza. La natura riavviabile dello Yuanzheng-1 significa che lo stadio può essere utilizzato per inserire carichi utili in orbite diverse nella stessa missione, il che consente voli di tipo rideshare con più di un cliente di carico utile, come nel caso del lancio di oggi. Questa funzionalità è desiderabile per la costruzione di costellazioni satellitari e lo Yuanzheng-1 è stato utilizzato per lanciare veicoli spaziali per il sistema di navigazione satellitare cinese BeiDou. Si è trattato anche dell'80esima missione orbitale globale del 2021, la 76esima a concludersi con successo.

cina cz3 g3 liftoff 24082021

Nella foto il decollo del Lunga Marcia-3B con un satellite militare TJSW-7 per l'orbita geostazionariai. Crediti: Weibo

 Ma, poco più di quattro ore dopo, alle 15:41 italiane (le 17:41 italiane) un razzo Lunga Marcia-3B, è decollato dal Centro Lancio Satelliti di Xhichang con a bordo un carico utile di natura classificata, molto probabilmente un satellite militare per l'orbita geostazionaria. Anche in questo caso le fonti ufficiali si sono limitate a dare la notizia del lancio, senza approfondire la natura del satellite. Si ritiene che il veicolo di lancio abbia trasportato il settimo satellite Tongxin Jishu Shiyan Weixing (TJSW-7) nell'orbita di trasferimento geosincrona. La natura dei satelliti TJSW non è completamente confermata; tuttavia, i media ufficiali cinesi delineano il loro scopo come "comunicazioni satellitari, radio e televisione, trasmissione di dati e altri servizi e ... relativa verifica dei test tecnici". Più specificamente, si pensa che la serie TJSW sia utilizzata per scopi militari cinesi, con questo settimo veicolo spaziale della serie indicato pubblicamente dalla Cina come "satellite di prova della tecnologia di comunicazione". TJSW-7 è stato prodotto dalla Shanghai Academy of Spaceflight Technology (SAST). Sebbene ufficialmente per "test di comunicazione", basati su SAST e sulla loro storia TJSW, è probabile che il veicolo spaziale TJSW-7 sia della serie Huoyan-1, satelliti militari che si pensa facciano parte di un sistema di rilevamento missilistico di allerta precoce per la Cina, di natura simile al sistema a infrarossi spaziale degli Stati Uniti (SBIRS).

 Questo lancio è stato il 386esimo volo di un razzo vettore della famiglia Lunga Marcia. Si è trattato anche dell'81esima missione orbitale globale del 2021, la 77esima a concludersi con successo.

Letto: 181 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 25 Agosto 2021 04:28

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte e del s...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 settembre [Last update:&...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 15 settembre [updated on 0...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 15/9 - Sol 994] - Meteoro...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista