Scritto: Domenica, 13 Dicembre 2020 05:35 Ultima modifica: Domenica, 13 Dicembre 2020 10:07

Chang'e 5 lascia la Luna e torna sulla Terra


La China National Space Administration (CNSA) ha confermato che all'01:54 UTC del 12 dicembre, la sonda cinese ha effettuato una prima accensione per cambiare l'orbita da circolare ad ellittica. All'1:51 UTC di oggi, ha nuovamente acceso i sui quattro motori da 150N per 22 minuti per lasciare la Luna. Arrivo previsto sulla Terra: 17 dicembre.

Rate this item
(1 Vote)
Capsula di rientro. Capsula di rientro. Crediti: CCTV

Dopo circa sei giorni in orbita lunare, la sonda combinata modulo di servizio - modulo di rientro è entrata in attività portandosi su un'orbita con periastro a 200 chilometri.
Il rientro sulla Terra è atteso per la metà della prossima settimana a Siziwang Banner, nella Mongolia interna della Cina settentrionale.

Chang'e 5 è stata lanciata il 22 novembre scorso. La navicella spaziale è entrata in orbita attorno alla Luna quattro giorni e mezzo più tardi ed è allunata con successo il 1 dicembre 2020. Ha raccolto 2 chilogrammi di campioni lunari, superficiali e profondi, in tempi record ed il 3 dicembre il modulo di risalita della missione Chang'e 5 ha lasciato l'Oceanus Procellarum. Il 5 dicembre ha completato il rendezvous completamente automatizzato con il modulo di servizio in orbita. E, dopo aver consegnato il prezioso carico alla capsula di rientro, ha ricevuto l'ordine di schiantarsi sulla Luna. L'impatto è avvenuto intorno alle 10:30 UTC del 7 dicembre a 0 gradi di longitudine e 30 gradi a sud. Il giornalista Andrew Jones, uno dei maggiori esperti occidentali del programma spaziale cinese, ha condiviso su Twitter una mappa che mostra il sito di atterraggio Chang'e5 ed il luogo di impatto del modulo di risalita.

change5 mappa impatti

Il riquadro giallo-verde indica la zona di atterraggio. Il alto, in arancione il sito di atterraggio di Chang'e 3; a destra, sempre in arancione, il sito di impatto di Chang'e 1 ed il sito di impatto del veicolo di risalita Chang'e 5.
Crediti: CNSA/CLEP

Ora, manca la parte finale di questa incredibile missione: prima, la navicella dovrà mettersi sulla rotta di rientro; poi, a circa 5.000 chilometri dalla Terra, il modulo di rientro si separerà dal modulo di servizio. Come era avvenuto durante il test della sonda Chang'e 5-T1 nel 2014, la navicella sperimenterà una sorta di rimbalzo atmosferico controllato per rallentare e disperdere energia.

 

Nuovi progetti ambizioni

Il grande successo del modulo di risalita, uno dei veri protagonisti della missione Chang'e 5, farà da apripista al ritorno sulla Terra di campioni di Marte nel 2030 e alle missioni con equipaggio sulla Luna. È solo un pezzo di un puzzle molto più complesso che la Cina sta sviluppando praticamente in completa autonomia e con le proprie risorse, quasi in contrasto con il programma Artemis della NASA.

I rapporti dei media cinesi affermavano che il veicolo di risalita aveva anche una considerevole quantità di propellente rimanente per considerare un'eventuale missione estesa. Tuttavia, il CLEP ha affermato che il veicolo è stato deorbitato in modo responsabile, per evitare che diventasse spazzatura spaziale potenzialmente dannosa per le future missioni.

La Cina ha attualmente tre lander operativi sulla Luna: Chang'e-3, che è atterrato sette anni fa a Mare Imbrium,  Chang'e-4 nel cratere Von Kármán sul lato lontano del nostro satellite e Chang'e 5 che continuerà operazioni scientifiche.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 147 volta/e Ultima modifica Domenica, 13 Dicembre 2020 10:07

Guarda il video

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista