Scritto: Venerdì, 08 Maggio 2020 23:46 Ultima modifica: Sabato, 09 Maggio 2020 06:34

Rientro perfetto per la nuova capsula cinese


Dopo un volo orbitale durato tre giorni, la nuova capsula cinese, lanciata con il debuttante razzo Lunga Marcia-5B, è tornata con successo sulla Terra simulando un rientro dalla Luna.

Rate this item
(0 votes)
Nella foto la capsula cinese dopo il suo atterraggio nella regione della Mongolia Interna. Nella foto la capsula cinese dopo il suo atterraggio nella regione della Mongolia Interna. Credit: Xinhua

La capsula di nuova generazione cinese, destinata a trasportare gli astronauti verso la prossima stazione spaziale del gigante asiatico, ed eventualmente anche verso la Luna, ha completato il suo volo senza equipaggio della durata di tre giorni con un perfetto atterraggio nel nordovest della Cina.

Secondo il CASC (China Aerospace Science and Technology Corp.) il prototipo della nuova capsula riutilizzabile cinese è atterrata nella regione autonoma interna della Mongolia alle 13:49 di Pechino (le 7:49 italiane) di venerdì 8 maggio. La capsula è discesa sotto tre paracadute principali e gli airbag gonfiabili per attutire il suo atterraggio nella remota parte della Cina nordoccidentale, dopo un rientro ad alta velocità ideato per simulare le condizioni che il veicolo spaziale potrebbe incontrare durante un ritorno dalla Luna. Sono state rilasciate diverse foto, da parte dell'agenzia di notizie statale cinese, che mostrano il veicolo spaziale con lo scudo termico annerito dall'intenso calore del rientro atmosferico. Le autorità hanno confermato che la struttura della capsula è intatta.

parachute descent ngcs CASC 879x485

Nell'immagine, tratta la capsula scende appesa ai tre paracadute. Credit: CCTV

 Il veicolo era decollato martedì con il razzo pesante cinese Lunga Marcia-5B, una nuova variante del più potente vettore cinese, progettato per portare in orbita i massivi moduli della futura prevista stazione spaziale permanente cinese. Un carico utile secondario era stato lanciato assieme alla capsula per equipaggio per testare uno scudo termico gonfiabile ma si è avuto un malfunzionamento durante il suo ritorno sulla Terra, avvenuto giovedì.

 Dopo essersi separata dal razzo LM-5B, la capsula equipaggio ha innalzato la propria orbita in una serie di sette manovre, raggiungendo infine un'orbita ellittica con il punto più lontano a circa 8.000 km dalla Terra. Il veicolo spaziale aveva esteso i propri pannelli solari, che sono ospitati nel modulo di servizio, per generare l'energia elettrica necessaria a bordo e le antenne per inviare e ricevere i segnali dai controllori di volo. La capsula ha inoltre anche ospitato diversi esperimenti scientifici e tecnologici, compresa una dimostrazione di stampa 3D.

china new capsule print3d

Nell'immagine, tratta da un video, la stampante 3D in funzione sulla capsula cinese in orbita. Credit: CCTV

 Nel comunicato del CASC, il costruttore della capsula, è stato detto che il veicolo ha trascorso più di 2 giorni e 19 ore in orbita. Il veicolo spaziale ha eseguito l'accensione per l'uscita dall'orbita utilizzando i propri motori alle 4:22 GMT di venerdì (le 6:22 italiane) e poi ha sganciato il modulo di servizio 70 minuti dopo che si sarebbe distrutto nel rientro atmosferico. Il modulo equipaggio è entrato nell'atmosfera ad oltre 9 km al secondo, poi ha aperto due paracadute di frenata seguiti dai tre paracadute principale. Poco prima di toccare il suolo la capsula ha gonfiato sei airbag per ammortizzare l'impatto con il terreno. L'obiettivo principale del volo dimostrativo della capsula equipaggio era quello di acquisire dati sulle prestazioni della sua forma aerodinamica durante il rientro. Questo nuovo veicolo spaziale è progettato per sostituire la capsula Shenzhou per trasportare gli astronauti verso la stazione spaziale in orbita terrestre. La nuova capsula è più grande della Shenzhou, e sarà capace di portare gli astronauti fino alla Luna e di ospitare fino a sei o sette persone alla volta, ben più dei soli tre che possono salire a bordo di una Shenzhou. In una configurazione differente la capsula equipaggio potrebbe essere lanciata e rientrare con tre astronauti e 500 kg di cargo. Questa capacità permetterà alla Cina di far rientrare esperimenti e strumentazione dalla stazione spaziale alla Terra.

 La Shenzhou è in grado di portare una quantità limitata di cargo, mentre il veicolo cargo automatico Tianzhou, che servirà per trasportare rifornimenti alla stazione non è progettato per tornare integro sulla Terra. Il nuovo veicolo cinese per equipaggio ha anche un portello che si apre in volo per esporre i sensori di attracco ed il meccanismo di aggancio.

china new capsule landing

Nell'immagine la capsula dopo l'atterraggio. Credit: Weibo

 La copertura si richiude ancora per il rientro, proteggendo le sensibili attrezzatura durante l'atterraggio. La nuova capsula sarà riutilizzabile fino a 10 volte, con uno scudo termico distaccabile in grado di supportare le alte temperature dei rientri nell'atmosfera terrestre, così come quelle che la capsula incontrerà nel ritorno da una missione lunare. Secondo i responsabili cinesi i nuovi materiali utilizzati per la copertura termica della capsula sono del 30% più leggeri di quelli usati finora e hanno una maggiore capacità di protezione dal calore. Inoltre la capsula usa un sistema propulsivo monopropellente non tossico che facilita la riutilizzabilità.

Le autorità cinesi hanno dichiarato che la nuova capsula è anche in grado di operare in autonomia, compresa la capacità di autodiagnosticare i problemi.

Al momento la nuova capsula non ha un nome 'ufficiale' ma è conosciuta dai responsabili del programma spaziale cinese, per questo primo volo, come 'Y1' e non si sa quando potrà debuttare con un equipaggio a bordo. Sembra che il programma cinese preveda di utilizzare sia le vecchie Shenzhou che le nuove capsule a seconda della missione.

 

Fonti:
XinuaNet: http://www.xinhuanet.com/english/2020-05/08/c_139041254.htm
SpaceNews: https://spacenews.com/new-chinese-spacecraft-landing-marks-step-toward-future-crewed-lunar-missions/
SpaceflightNow: https://spaceflightnow.com/2020/05/08/chinas-next-generation-crew-spacecraft-lands-after-unpiloted-test-flight/
NASASpaceflight: https://www.nasaspaceflight.com/2020/05/new-chinese-crew-capsule-returns-earth/

Altre informazioni su questo articolo

Read 177 times Ultima modifica Sabato, 09 Maggio 2020 06:34
Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 3 Giugno

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 2 Giugno sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 2 Giugno [Last update: 06/02/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 30 Maggio [Last update: 05/30/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 1/6/20 - Sol 537] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 29/4/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 3 Giugno [updated on Jun,03]

HOT NEWS