Scritto: Martedì, 28 Giugno 2016 15:38 Ultima modifica: Giovedì, 30 Giugno 2016 07:12

La missione lunare cinese Chang'e 4 prende forma


A quanto pare andrà proprio così, i cinesi saranno i primi a sbarcare sul lato lontano della Luna. I dettagli dell'annunciata missione Chang'e 4 stanno prendendo forma quest'anno concretizzando i programmi.

Rate this item
(0 votes)
Immagine del lato opporto della Luna ripresa dal modulo di servizio della missione Chang'e 5-T1. Immagine del lato opporto della Luna ripresa dal modulo di servizio della missione Chang'e 5-T1. Crediti: CNSA

Più volte abbiamo accennato a Chang'e 4, una versione aggiornata del lander e del rover Chang'e 3 allunati con successo a dicembre 2013, che dovrebbero visitare il lato nascosto del nostro satellite.

Punti di Lagrange Terra - LunaIn accordo con una press release del 12 giugno 2016 rilasciata del China National Space Administration (CNSA), tra la fine maggio ed i primi di giugno 2018 un satellite per le comunicazioni (che, strano, ma utilizzerà protocolli internazionali CCSDS!), basato sul design di Chang'e 2, verrà lanciato e raggiungerà il punto di Lagrange L2 del sistema Terra - Luna, da dove sarà in grado di vedere sia il sito di atterraggio che la Terra. L2 non è una novità per i cinesi: nell'ambito di una missione dimostrativa il modulo di servizio Chang'e 5-T1 lo aveva raggiunto il 28 novembre 2014 rimanendovi fino al 4 gennaio 2015.

Il lander ed il rover Chang'e 4 seguiranno il satellite circa sei mesi più tardi.
Tuttavia, sulle date di inizio missione c'è qualche discordanza. Un articolo pubblicato su Acta Astronautica, "A Chang’e-4 mission concept and vision of future Chinese lunar exploration activities", citato da Emily Lakdawalla nel suo blog, sposta la partenza del satellite alla fine del 2018 e quella del lander e rover entro la metà del 2019.

Come si vociferava, ad interessare gli scienziati dovrebbe essere il bacino Polo Sud-Aitken, il più grande cratere meteoritico conosciuto nel Sistema Solare che, con i suoi 2.500 chilometri di larghezza e 13 chilometri di profondità, potrebbe mostrare materiale esposto del mantello e della crosta lunare svelando la storia della sua formazione.
"Per lo sbarco, abbiamo scelto il lato lontano della Luna vicino al bacino Polo Sud-Aitken perché è di interesse internazionale", cita il report.
In particolare, il candidato più probabile sembra il cratere Apollo ma nella carte di Wang e Liu vengono citati anche il mare Moscoviense, Orientale, Ingenii ed Australe.

Possibili siti di atterraggio della missione Chang'e 4

Possibili siti di atterraggio della missione cinese Chang'e 4 (il Bacino Polo Sud-Aitken è la zona scura).
Crediti: Ivica Stošić / Jens Beyer / JAXA / Emily Lakdawalla / Elisabetta Bonora

A grandi linee, secondo la press release CNSA, i media ed il documento di Wang e Liu, la strumentazione scientifica dovrebbe includere:

Satellite per le comunicazioni

Lander

  • una fotocamera di discesa e topografia (come Chang'e 3)
  • un Lunar Dust Analyser (LDA), per le misurare caratteristiche fisiche della polvere lunare
  • un Electric Field Analyser (EFA), per misurare intensità di campo elettrico
  • un Plasma and Magnetic Field Observation Package (PMFOP)
  • un Lunar Seismometer (LS), per la struttura lunare interna e gli impatti
  • un VLF Radio Interferometer (VRI), per osservazioni astronomiche
  • un Lunar Lander Neutron Dosimetry (LND), fornito dalla Germania

Rover

  • una macchina fotografica panoramica, un radar di profondità e uno spettrometro a raggi infrarossi, come il rover Yutu della missione Chang'e 3 ma, a differenza di questo, sarà privo di braccio robotico e quindi di spettrometro alpha-particle X-ray (APXS). Una scelta curiosa per una missione che si pone come obiettivo primario lo "studio della geochimica regionale"!
  • un Active Source Hammer (ASH), per esperimenti sismici
  • un VLF Radio Receiver (VRR)
  • un Advanced Small Analyzer for Neutrals (ASAN), fornito dalla Svezia

In più, due strumenti saranno selezionati a seguito di un concorso pubblico, di cui avevo scritto all'inizio di quest'anno.

Altre informazioni su questo articolo

Read 2713 times Ultima modifica Giovedì, 30 Giugno 2016 07:12
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Giugno [Last update...

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista