Scritto: Venerdì, 13 Marzo 2015 05:48 Ultima modifica: Mercoledì, 18 Marzo 2015 19:53

Yutu ha scrutato l'interno della Luna: pubblicati i primi risultati


Arrivano i primi risultati ufficiali dalla missione cinese Chang'E 3.
Il rover Yutu ha rilevato almeno nove strati rocciosi distinti, in profondità sotto le sue ruote, a testimonianza che quella zona deve essere stata geologicamente molto attiva negli ultimi 3,3 miliardi anni.

Rate this item
(0 votes)
Yutu - 16 dicembre 2013 Yutu - 16 dicembre 2013 Credit: CASC/China Ministry of Defense

Yutu, o "Jade Rabbit" era stato lanciato nel 2013 insieme ad un lander, come parte integrante della missione cinese Chang'E 3, la prima che toccò nuovamente il suolo lunare dopo 37 anni. Era atterrato nel Mare Imbrium, uno dei crateri più vasti e piatti, creato da un grande impatto molto tempo fa e riempito da una grande quantità di lava circa 3,8 miliardi di anni fa.

Purtroppo, dopo 14 giorni terrestri, Yutu incontrò alcuni problemi che lo bloccarono prematuramente, tenendo con il fiato sospeso i fan mentre gli scienziati tentarono in ogni modo di recuperarlo. Il rover, però, rimase "vivo", seppur immobile e, nel suo breve zigzagare sul suolo lunare per 100 metri o poco più, era riuscito a scandagliare con il suo radar di bordo, il terreno fino a 400 metri sotto la superficie, trovando le prove di cinque eventi vulcanici distinti.

Yutu - mappa

Credit: Science/AAAS/Xiao et al. 2015

Yutu è dotato di telecamere e tre strumenti scientifici principali: il Lunar Penetrating Radar (LPR), il Visible Near-Infrared Spectrometer (VNIS) e l'Active Particle-Induced X-ray Spectrometer (APXS).

Lo studio, guidato da Long Xiao, un ricercatore della China University of Geosciences a Wuhan, pubblicato ieri sulla rivista Science è basato proprio sui dati del radar LPR.

A young multilayered terrane of the northern Mare Imbrium revealed by Chang’E-3 mission [abstract]

China’s Chang’E-3 (CE-3) spacecraft touched down on the northern Mare Imbrium of the lunar nearside (340.49°E, 44.12°N), a region not directly sampled before. We report preliminary results with data from the CE-3 lander descent camera and from the Yutu rover’s camera and penetrating radar. After the landing at a young 450-meter crater rim, the Yutu rover drove 114 meters on the ejecta blanket and photographed the rough surface and the excavated boulders. The boulder contains a substantial amount of crystals, which are most likely plagioclase and/or other mafic silicate mineral aggregates similar to terrestrial dolerite. The Lunar Penetrating Radar detection and integrated geological interpretation have identified more than nine subsurface layers, suggesting that this region has experienced complex geological processes since the Imbrian and is compositionally distinct from the Apollo and Luna landing sites.

I nuovi dati dipingono un ritratto dettagliato del sito di atterraggio della missione Chang'e 3, mostrando una composizione molto diversa rispetto a quella dei siti delle missioni NASA Apollo o del programma Luna sovietico.
Alcune tracce identificate sembrano provenire da eruzioni vulcaniche esplosive piuttosto che da dolci colate laviche.
Il terzo strato di lava incontrato, profondo circa 240 metri e risalente a 3,3 miliardi di anni fa, ha mostrato una struttura simile a quelle che si trovano sulla Terra quando le eruzioni violente espellono grandi massi, noti come rocce piroclastiche. Fenomeni così rilevanti devono essere stati accompagnati dal rilascio di grandi quantità di gas mentre molte molecole volatili, come l'acqua, potrebbero essere rimaste intrappolate all'interno della Luna.

Xiao ha dichirato: "Due sono le cose più interessanti: una è che gli eventi vulcanici maggiori si sono verificati verso la fine della storia del vulcanesimo lunare; l'altra è che il mare lunare non è solo composto da lave basaltiche ma anche da eruzioni esplosive di rocce piroclastiche"

Anche se non è più completamente operativo, ad oltre un anno di distanza dallo sbarco, Yutu ancora resiste sul suolo lunare e il gruppo di astronomi radioamatori del sito web UHF-Satcom ha recentemente catturato le sue trasmissioni:

Yutu - 3 marzo 2015

Read 3642 times Ultima modifica Mercoledì, 18 Marzo 2015 19:53
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista