Scritto: Sabato, 01 Novembre 2014 10:49 Ultima modifica: Domenica, 25 Gennaio 2015 07:13

La sonda cinese Chang'E 5-T1 è tornata sana e salva sulla Terra


La missione Chang'E 5-T1 è stata un successo e alle 22:42 UTC di ieri sera ha toccato terra, diventando la prima missione al mondo ad andare e tornare dall'orbita lunare negli ultimi 40 anni.

L'orbiter, che nel frattempo si è anche guadagnato un nome, Xiaofei ("little flyer"), è atterrato a Siziwang Banner nella Regione Autonoma della Mongolia.

Rate this item
(0 votes)
La sonda cinese Chang'E 5-T1 è tornata sana e salva sulla Terra Credit: Xinhua news

Xiaofei era partita 23 ottobre 18:00 UTC con il vettore Long March-3C/G2 dal complesso di lancio LC2 del Xichang Satellite Launch Center nella provincia del Sichuan, per testare la tecnologia necessaria per la futura missione Chang'e-5 che, nel 2017, atterrerà sulla Luna, raccoglierà alcuni campioni di suolo lunare e tornerà sulla Terra.

La missione è durata solo 8 giorni durante i quali la sonda ha raggiunto l'orbita lunare con un'altezza al perigeo di 209 chilometri e all'apogeo di 413.000 chilometri. Nel momento in cui si trovava a sorvolare il lato lontano del nostro satellite, ha anche scattato alcune belle immagini della Terra e della Luna.

Il processo di rientro è iniziato intorno alle 22:13 UTC, con l'orbiter che si avvicinava a Terra ad una velocità di circa 11,2 chilometri al secondo, una velocità molto elevata tanto da aumentare pericolosamente l'attrito e il calore esterno raggiunto dalla capsula durante l'entrata in atmosfera.
Per rallentare e disperdere energia, la sonda ha sperimentato un rimbalzo sul bordo dell'atmosfera terrestre, un po' come i salti di un sasso lanciato a pelo d'acqua in uno stagno.

"Davvero, questo è stato come frenare una macchina", ha detto Zhou Jianliang, ingegnere capo del Beijing Aerospace Command and Control Center, "più veloce si guida, più distanza ci vuole per fermarsi completamente".

Il rimbalzo, quindi, ha praticamente aumentato lo spazio di frenata, un'operazione davvero complessa se si pensa che sarebbe bastato un errore di 0,2 gradi nell'angolo di rientro per far fallire la missione.

Invece, l'orbiter ce l'ha fatta ed ha toccato terra a circa 500 chilometri da Pechino, "gettando solide basi per le future missione", ha dichiarato Wu Yanhua, vice direttore del China's State Administration of Science, Technology and Industry for National Defense.

Xiaofei

Xiaofei

Xiaofei

Xiaofei

Credit: Xinhua news

Una buona notizia per l'eplorazione spaziale che negli ultimi giorni ha collezionato un paio di tragici incidenti, il fallimento del lacio dell'Antares e l'ancora più grave disastro della navetta SpaceShipTwo della Virgin Galattic in cui ha perso la vita il pilota, durante un volo di test nel deserto del Mojave, in California.

Letto: 10246 volta/e Ultima modifica Domenica, 25 Gennaio 2015 07:13
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista