Scritto: Domenica, 20 Novembre 2022 21:24 Ultima modifica: Lunedì, 21 Novembre 2022 06:56

Anche il Giappone sul Gateway mentre SpaceX raddoppia


Il Giappone ha firmato un accordo con la NASA per il proseguimento della collaborazione a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) fino al 2030 e il contributo in componenti per la stazione lunare Gateway. Intanto anche Artemis 4 vedrà protagonista una Starship.

Rate this item
(1 Vote)
Nell'immagine artistica il Gateway lunare.
Nell'immagine artistica il Gateway lunare.
Credito: NASA.

 In una cerimonia virtuale tenutasi il 17 novembre scorso, la NASA e i funzionari del governo giapponese hanno firmato un accordo che delinea i ruoli che il Giappone fornirà nel Gateway, compresi i componenti per diversi moduli e una missione di rifornimento del carico. La NASA, a sua volta, porterà un astronauta giapponese al Gateway in una futura missione Artemis.

 Oltre all'accordo Gateway, il ministro giapponese dell'Istruzione, della cultura, dello sport, della scienza e della tecnologia (MEXT) Keiko Nagaoka ha annunciato che il governo giapponese ha confermato la sua intenzione di partecipare alla ISS fino al 2030, unendosi agli Stati Uniti nell'estendere le operazioni della ISS oltre il 2024. "Gli Stati Uniti accolgono con favore l'intenzione del Giappone di estendere il proprio sostegno alle operazioni della Stazione spaziale internazionale (ISS) fino al 2030, in seguito all'annuncio da parte degli Stati Uniti dell'estensione della nostra ISS un anno fa," ha dichiarato il vicepresidente Kamala Harris in una nota. "Inoltre, i nostri due Paesi stanno facendo un passo avanti raggiungendo un accordo di collaborazione sulla piattaforma orbitante Lunar Gateway, che aprirà la strada al ritorno dell'umanità sulla Luna".

 Il nuovo accordo Gateway aggiorna quello annunciato nel gennaio 2021. Come per l'accordo precedente, l'agenzia spaziale giapponese JAXA fornirà il sistema di supporto vitale, i controlli termici, la fotocamera e le batterie per il modulo International Habitation, o I-Hab, in fase di sviluppo in cooperazione con l'Agenzia Spaziale Europea. JAXA fornirà anche batterie per il modulo di rifornimento ESPRIT (European System Pending Refuelling Infrastructure and Telecommunication) dell'ESA e per il modulo Habitation and Logistics Outpost (HALO) della NASA.

 Il Giappone svilupperà una versione del suo veicolo spaziale cargo HTV-X, chiamato HTV-XG, per portare rifornimenti al Gateway. La NASA ha affermato che l'accordo include una singola missione verso il Gateway non oltre il 2030. In cambio, la NASA ha detto che un astronauta JAXA sarà incluso come parte dell'equipaggio di una missione verso il Gateway, ma non ha specificato quando quella persona volerà. Nell'accordo del gennaio 2021, la NASA aveva accettato solo un "intento" di trovare opportunità di volo per gli astronauti giapponesi che sarebbero state finalizzate e documentate in un accordo successivo.

 "L'accordo Gateway di oggi rappresenta l'adempimento degli impegni assunti dall'amministrazione Biden-Harris e consolida la collaborazione delle nostre nazioni, che contribuirà a garantire continue scoperte su Gateway, la Stazione Spaziale Internazionale e oltre," ha affermato l'amministratore della NASA Bill Nelson nella dichiarazione. Nelson ha firmato l'accordo per conto dell'Agenzia dal Kennedy Space Center, mentre Nagaoka ha firmato l'accordo da Tokyo.

nasa artemis gateway japan accord 17112022

Nella foto l'Amministratore NASA Bill Nelson durante la firma virtuale dell'accordo Gateway con il Giappone. Credito: NASA.

 La NASA aveva precedentemente coordinato accordi con il Canada e l'ESA per i loro contributi al Gateway. Il Canada, che fornisce un braccio robotico per il Gateway, farà volare un astronauta sul primo volo Orion con equipaggio, Artemis 2, insieme a una successiva missione Gateway. L'ESA avrà tre posti nelle missioni Artemis, probabilmente comprese le missioni Artemis 4 e 5 che consegneranno i moduli I-Hab ed ESPRIT al Gateway. Sebbene l'accordo Gateway copra solo un singolo volo di astronauta, Nagaoka ha affermato in una dichiarazione MEXT che il paese cercherà ancora di far atterrare un astronauta giapponese sulla luna come primo astronauta non americano "entro la seconda metà degli anni '20".

 La NASA ha affermato che l'annuncio del Giappone della sua estensione delle operazioni della ISS lo rende solo il secondo paese, dopo gli Stati Uniti, ad accettare di partecipare alla ISS oltre il 2024. Sia il Canada che l'ESA hanno indicato la loro volontà di farlo. La Russia, nonostante i commenti di quest'estate secondo cui potrebbe lasciare la partnership con la ISS dopo il 2024, è probabile che ne faccia parte almeno fino alla fine degli anni '20.

 Intanto, un paio di giorni prima la NASA aveva assegnato a SpaceX un contratto da 1,15 miliardi di dollari per sviluppare una versione aggiornata del suo lander lunare Starship e pilotare una seconda missione con equipaggio. La NASA ha annunciato infatti il 15 novembre di aver completato una modifica del contratto per quella che è formalmente nota come Opzione B del suo contratto Human Landing System (HLS) con SpaceX. L'opzione B copre gli aggiornamenti al lander Starship originariamente selezionato per HLS dalla NASA nell'aprile 2021 per 2,9 miliardi di dollari. L'opzione include anche una seconda missione di atterraggio dimostrativo con equipaggio.

spacex starship lunar lander generic

Nell'immagine artistica la Starship Lunare sul suolo selenico. Credito: SpaceX.

 Quando la NASA ha annunciato la sua intenzione di esercitare l'opzione B, non era chiaro quando sarebbe volata quella seconda missione. Tuttavia, i funzionari dell'agenzia hanno dichiarato il mese scorso che la missione Opzione B sarebbe Artemis 4, una missione che la NASA aveva precedentemente pianificato di dedicare al lavoro sul Gateway lunare e non includeva un atterraggio. Il lander selezionato per lo sviluppo sotto SLD effettuerà la sua missione dimostrativa non prima di Artemis 5.

 SpaceX sta continuando i preparativi per un primo tentativo di lancio orbitale di Starship nel suo sito di test di Boca Chica, in Texas. In un test di statico di accensione del 14 novembre, SpaceX ha acceso 14 dei 33 motori Raptor nel booster Super Heavy del veicolo, il numero più grande mai acceso in un singolo test. Elon Musk, amministratore delegato di SpaceX, ha twittato che in seguito che la società avrebbe seguito un test del motore di 20 secondi, "forse un altra accensione statica, quindi un tentativo di lancio orbitale".

 In una riunione del 31 ottobre del Comitato per l'esplorazione umana e le operazioni del Consiglio consultivo della NASA, Mark Kirasich, vice amministratore associato per lo sviluppo della campagna Artemis presso la NASA, ha affermato che il primo tentativo di lancio orbitale di Starship potrebbe avvenire già all'inizio di dicembre. Tale programma dipende sia dai test del veicolo sia dal ricevimento di una licenza di lancio da parte della Federal Aviation Administration. Ha detto che la NASA stava seguendo da vicino quel volo di prova imminente come una delle pietre miliari nello sviluppo della versione del lander lunare di Starship.

Letto: 629 volta/e Ultima modifica Lunedì, 21 Novembre 2022 06:56

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 dicembre. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB