Scritto: Lunedì, 26 Settembre 2022 23:27 Ultima modifica: Martedì, 27 Settembre 2022 05:49

Anche l'uragano Ian mette a rischio Artemis 1


Dopo alcuni giorni di incertezza, la NASA ha deciso di riportare all'interno del VAB il razzo SLS per la missione Artemis 1. Il rischio dell'uragano Ian, che colpirà la Florida nei prossimi giorni, farà quindi slittare il lancio di almeno un mese.

Rate this item
(1 Vote)
Nella foto il trasportatore cingolato (crawler) pronto per prendere il razzo SLS e riportarlo al sicura all'interno del VAB.
Nella foto il trasportatore cingolato (crawler) pronto per prendere il razzo SLS e riportarlo al sicura all'interno del VAB.
Credito: NASA/Joel Kowsky.

 La NASA sposterà il razzo Space Launch System dalla sua piattaforma di lancio al (VAB) Vehicle Assembly Building come precauzione per un uragano in avvicinamento, una decisione che potrebbe ritardare la missione Artemis 1 fino a novembre.

 La NASA ha annunciato il 26 settembre che i responsabili della missione hanno deciso, dopo giorni di valutazioni, di riportare l'SLS dal Launch Complex 39B al VAB per precauzione, dato l'avvicinarsi di quello che oggi è l'uragano Ian alla Florida. Si prevede che la tempesta, che è diventata ufficialmente un uragano al mattino presto, si avvicinerà alla costa occidentale della penisola della Florida entro la metà della settimana come un grande uragano, con alcune tracce che la porteranno più vicino al Kennedy Space Center sulla costa orientale della Florida.

 La NASA ha fatto una breve dichiarazione nella quale ha spiegato che i gestori hanno preso la decisione del rollback (ritorno indietro) "sulla base delle ultime previsioni meteorologiche associate all'uragano Ian, dopo che i dati aggiuntivi raccolti durante la notte non hanno mostrato il miglioramento delle condizioni attese per l'area del Kennedy Space Center". In questo modo, ha aggiunto, proteggeremo il razzo e consentiremo ai dipendenti di prepararsi per la tempesta. Il rollback dovrebbe iniziare verso le 23:00 locali del 26 settembre (le ore 5 italiane del 27 settembre) termineranno con il veicolo al sicuro all'interno del VAB entro la mattina del 27 settembre, prima dell'arrivo della tempesta.

 La NASA aveva annunciato il 24 settembre che non avrebbe proceduto con la prossima opportunità di lancio, prevista il 27 settembre, citando la minaccia rappresentata dall'allora tempesta tropicale Ian. Tuttavia, ha ritardato di un giorno la decisione sul rollback al 25 settembre, poi di nuovo al 26 settembre, poiché la tempesta si era diretta a nord più lentamente di quanto previsto in precedenza. La NASA ha ritardato la sua decisione di valutare ulteriormente le previsioni e determinare se fosse necessario un rollback.

 I funzionari dell'agenzia hanno chiarito in un briefing del 23 settembre che il loro "Piano A" era quello di mantenere il razzo sul pad, consentendo opportunità di lancio il 27 settembre e il 2 ottobre. In quel briefing, quando Ian era ancora una depressione tropicale senza nome, hanno sostenuto che le previsioni mostravano venti che non avrebbero superato il picco di 137 chilometri orari per cui il veicolo era valutato al pad. Tuttavia, i responsabili avevano affermato che stavano anche lavorando a un rollback come "Piano B", se necessario, facendo alcuni preparativi parallelamente a quelli per un lancio. Ciò includeva, durante il fine settimana, lo spostamento del trasportatore cingolato utilizzato per trasportare la piattaforma di lancio mobile sul pad per essere in posizione se fosse stato necessario un rollback.

nasa artemis1 sls ian track 26092022

Nell'immagine le previsioni della traiettoria dell'uragano Ian del 26 settembre 2022. Credito: National Hurricane Center.

 La partenza di SLS dal pad esclude un lancio di Artemis 1 durante l'attuale periodo di lancio, che si chiude il 4 ottobre. Il prossimo periodo di lancio si apre il 17 ottobre e durerà fino al 31 ottobre, anche se senza opportunità di lancio dal 24 al 26 ottobre e del 28 ottobre a causa di altri vincoli di missione.

 La NASA non ha fornito una nuova data di lancio per la missione quando ha annunciato il rollback. Tuttavia, il lancio a fine ottobre potrebbe essere difficile a seconda della quantità di tempo trascorso nel VAB, dove è probabile che i tecnici svolgano lavori come la sostituzione delle batterie sul sistema di terminazione del volo SLS. Una volta tornato al pad, l'SLS sarebbe pronto per un altro tentativo di lancio in circa una settimana e mezza. Se Artemis 1 non verrà lanciato ad ottobre, il prossimo periodo di lancio andrà dal 12 al 27 novembre.

 Tornando un attimo indietro, la scorsa settimana la NASA aveva condotto un nuovo test di riempimento di propellente al razzo SLS cercando di capire se i problemi riscontrati nel test precedente fossero stati superati.

 Il test di un giorno presso il Launch Complex 39B del Kennedy Space Center ha comportato il riempimento dello stadio centrale SLS e dello stadio superiore con idrogeno liquido e ossigeno liquido, l'esecuzione del "kickstart bleed" di idrogeno liquido nei motori dello stadio centrale e una "pre-test” di prova del serbatoio di idrogeno liquido. Il test è stato progettato per confermare che modifiche, come la sostituzione delle guarnizioni e una nuova procedura di caricamento, avrebbero impedito le perdite di idrogeno osservate nel precedente tentativo di lancio eseguito il 3 settembre.

 All'inizio del test, tuttavia, i controllori hanno segnalato una perdita di idrogeno liquido nel raccordo ombelicale di servizio di coda, dove l'idrogeno liquido viene trasferito dai sistemi di terra allo stadio centrale, che aveva superato i limiti e ha interrotto temporaneamente il caricamento. Riscaldare la connessione dell'ombelicale allo stadio centrale, quindi raffreddarlo sembrava funzionare, con la perdita che scendeva ben al di sotto del limite del 4% di concentrazione di idrogeno ma non scompariva completamente.

nasa artemis1 sls tanking test 21092022

Nell'immagine, tratta dal webcast, una fase del test di rifornimento di SLS eseguito lo scorso 21 settembre. Credito: NASA.

 Un'altra perdita di idrogeno si è verificata durante il test su una seconda linea di idrogeno liquido, più piccola, con concentrazioni fino al 5%. Gli ingegneri hanno continuato il test e la perdita è diminuita nel tempo. La NASA ha dichiarato alla conclusione del test di aver raggiunto tutti i suoi obiettivi, ma ha evitato di dichiarare di essere pronta a procedere con un lancio alla prossima occasione, il 27 settembre. "Penso che il test sia andato davvero bene," ha affermato Charlie Blackwell-Thompson, direttore del lancio di Artemis 1 della NASA, durante un'intervista televisiva della NASA poco dopo la fine del test di tanking. “Tutti gli obiettivi che ci eravamo prefissati di raggiungere siamo stati in grado di raggiungerli oggi.

 Ha detto, tuttavia, che era prematuro dichiarare il veicolo pronto per un altro tentativo di lancio. "Penso che prenderemo i dati e andremo a vedere cosa ci dicono," ha detto. "Non mi piace anticipare i dati, quindi mi piacerebbe che il team avesse l'opportunità di esaminarli per vedere se ci sono modifiche che dobbiamo apportare alla nostra procedura di caricamento, alle nostre tempistiche o se stiamo bene così com'è.

 Il tanking test non era l'unico fattore che influenzava una decisione di lancio. La NASA stava ancora lavorando con la Eastern Range per garantire una deroga al sistema di terminazione del volo di SLS, la cui certificazione è scaduta alla fine del precedente periodo di lancio all'inizio di settembre. Ora con il rollback, vi sarà il tempo per sostituire le batterie del sistema di terminazione del volo.

Letto: 514 volta/e Ultima modifica Martedì, 27 Settembre 2022 05:49

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 dicembre. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB