Scritto: Venerdì, 11 Novembre 2022 05:04 Ultima modifica: Venerdì, 11 Novembre 2022 05:56

Trovati altri resti dello space shuttle Challenger della NASA in fondo all'oceano


La scoperta è avvenuta grazie a un team di History Channel che stava cercando un aereo abbattuto durante la seconda guerra mondiale.

Rate this item
(2 votes)
Trovati altri resti dello space shuttle Challenger della NASA in fondo all'oceano
Crediti: The History Channel)

Si tratta di uno dei pezzi più grandi dello space shuttle Challenger della NASA. Il manufatto, che per ora è stato lasciato lì dove si trova, è stato individuato dalla troupe che sta girando la nuova serie "The Bermuda Triangle: Into Cursed Waters" per il famoso canale televisivo. Sulla base del filmato che dimostra la fattura moderna dell'oggetto e della presenza di 8 piastrelle quadrate di protezione termica da 20 centimetri, l'agenzia spaziale americana ha potuto confermare il ritrovamento.

"Questa scoperta ci dà l'opportunità fermarci, ancora una volta, per rivolgere il nostro pensiero ai sette pionieri che abbiamo perso e per riflettere su come questa tragedia ci ha cambiato", ha affermato l'amministratore della NASA Bill Nelson in una dichiarazione rilasciata giovedì. "Anche se sono passati quasi 37 anni da quando sette audaci e coraggiosi esploratori hanno perso la vita a bordo del Challenger, questa tragedia sarà per sempre impressa nella memoria collettiva del nostro paese. Per milioni di persone in tutto il mondo, me compreso, il 28 gennaio 1986, sembra ieri".

 

Un ritrovamento inatteso

La tragedia avvenne il  28 gennaio 1986, 73 secondi dopo il decollo, durante la 25ª missione del programma STS e il 10º volo del Challenger. L'esplosione causò la morte di tutti i membri dell'equipaggio (sei astronauti e un'insegnante). A seguire, fu organizzato un importante sforzo di ricerca e salvataggio, il più grande mai condotto dalla Marina degli Stati Uniti e dalla Guardia Costiera degli Stati Uniti in quel momento. L'operazione coinvolse migliaia di persone, 16 navi di superficie, un sottomarino nucleare e diversi sommergibili robotici e con equipaggio che ispezionarono sistematicamente più di 1.666 chilometri quadrati di fondale oceanico a profondità comprese tra i 3 e i 365 metri. Dopo sette mesi furono recuperati 167 pezzi della navetta, per un peso totale di 118 tonnellate. Ma la scoperta di History Channel è la prima grande scoperta di relitti del disastro dell'STS-51L in oltre 25 anni.

"Esaminando il filmato fornito dal team, possiamo vedere una sezione di circa 4,5 x 4,5 metri. Tuttavia, abbiamo notato che l'oggetto si estende più in profondità nella sabbia, quindi la dimensione reale è difficile da determinare a questo punto. Ma sono piuttosto fiducioso che sia uno dei pezzi più grandi mai trovati di Challenger", ha affermato Mike Cianelli, program manager del programma Apollo, Challenger e Columbia Lessons Learned della NASA.

Il team di History Channel stava effettuando una serie di immersioni di ricognizione per indagare su diversi relitti al largo della costa della Florida. In particole, su un PBM Martin Mariner scomparso senza lasciare traccia il 5 dicembre 1945, fuori del Triangolo delle Bermuda, al largo di Cape Canaveral.

sts 51l crew photo s85 44253

Crediti: NASA

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 488 volta/e Ultima modifica Venerdì, 11 Novembre 2022 05:56

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Apollo 16, cinquant'anni fa
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 9 dicembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 dicembre. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB