Scritto: Mercoledì, 28 Aprile 2021 23:05 Ultima modifica: Giovedì, 29 Aprile 2021 04:48

Michael Collins, astronauta di Apollo 11, ci ha lasciato


L'astronauta della missione Apollo 11, il Comandante Michael Collins, ci ha lasciato il 28 aprile 2021, dopo una coraggiosa battaglia contro una grave malattia.

Rate this item
(1 Vote)
Nelle foto ufficiale Michael Collins in posa con la tuta spaziale per la missione Apollo 11. Nelle foto ufficiale Michael Collins in posa con la tuta spaziale per la missione Apollo 11. Credit: NASA

È deceduto uno degli astronauti che ha volato in una delle missioni spaziali più famose di tutti i tempi. Michael Collins, 90 anni, faceva parte dell'equipaggio di Apollo 11, la prima missione di allunaggio, avvenuto nel 1969. A differenza di Neil Armstrong e Buzz Aldrin, egli non ha mai camminato sulla luna. Collins rimase indietro e pilotò il modulo di comando mentre orbitava attorno alla Luna. Per questo motivo, Collins è spesso stato chiamato 'l'astronauta dimenticato'. Collins ha combattuto contro il cancro che, purtroppo ha avuto la meglio. Questa la dichiarazione rilasciata dalla sua famiglia: "Ha trascorso i suoi ultimi giorni pacificamente, con la sua famiglia al suo fianco. Mike ha sempre affrontato le sfide della vita con grazia e umiltà, e ha affrontato questa sua sfida finale allo stesso modo". L'amministratore della NASA pro-tempore, Steve Jurczyk, ha detto che la nazione ha perso un vero pioniere. "La NASA piange la perdita di questo pilota e astronauta esperto, un amico di tutti coloro che cercano di spingere il limite del potenziale umano," ha detto Jurczyk in una nota. "Sia che il suo lavoro fosse dietro le quinte o in piena vista, la sua eredità sarà sempre come uno dei leader che hanno mosso i primi passi dell'America nel cosmo. E il suo spirito ci accompagnerà mentre ci avventureremo verso orizzonti più lontani". Quando Armstrong ha messo piede per la prima volta sulla Luna e ha pronunciato la famosa frase "Houston, qui Base Tranquillità, l'Aquila è atterrata," Collins era in orbita, 96 km più in alto, altrettanto occupato ed altrettanto eccitato, e disse alla squadra di Houston che ascoltava le comunicazioni con i suoi compagni, ed era "fantastico". Aldrin e Armstrong rimasero sulla superficie lunare poco meno di 22 ore. Il mondo era paralizzato, vedendoli saltellare, scattare foto e raccogliere campioni lunari durante una singola, breve passeggiata lunare. Per tutto il tempo, Collins girò intorno alla luna, guardando il paesaggio lunare arido e scrutando la Terra. "La cosa che ricordo di più è la vista del pianeta Terra da una grande distanza," disse in seguito. "Piccolo. Molto brillante. Blu e bianco. Luminoso. Bello. Sereno e fragile." Mentre orbitava, poteva parlare con i controllori la metà del tempo, ma quando si trovava sul lato nascosto della Luna, era completamente tagliato fuori. È stato a causa di questa parte della missione che alcuni lo hanno soprannominato l'uomo più solo dell'umanità. Come ha ricordato in un'intervista alla NPR del 2016, non la pensava in quel modo. Disse: "Il fatto che fossi ... senza comunicazioni, piuttosto che avere paura, è stata una gioia perché ho fatto tacere il Controllo missione per un po '. Ogni tanto."

nasa gemini10 young collins 1966

Nelle foto ufficiale John Young e Michael Collins con le tute prima della missione Gemini 10. Credit: NASA

 "È un peccato che quando alle persone viene chiesto, 'Puoi nominare l'equipaggio dell'Apollo 11?' Mike Collins è normalmente il nome che non viene in mente," ha detto Francis French, storico dello spazio e autore di molti libri sul programma spaziale. "Perché per molti versi fu la chiave di volta della missione. Era quello che sapeva davvero come pilotare il veicolo spaziale da solo (l'unica persona che ha pilotato un veicolo spaziale da solo nell'intera missione) e l'unico che poteva riportare tutti e tre a casa."

"E se qualcosa fosse andato storto con il lander lunare in cui si trovavano Neil Armstrong e Buzz Aldrin," notò French, "Solo Michael Collins aveva la possibilità, con il modulo di comando, di poterli andare a cercare ed incontrare da qualche parte intorno alla Luna e portarli in salvo."

Mike Collins è nato il 31 ottobre 1930 a Roma, dove suo padre era un generale maggiore dell'esercito degli Stati Uniti che lavorava presso l'Ambasciata. Collins tornerà nella sua città Natale a fine estate del 1969, assieme ai tre astronauti dell’Apollo 11 durante un tour mondiale di 38 giorni nel quale visitarono oltre 20 paesi. In Italia incontrarono il presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, il presidente del Consiglio Mariano Rumor ed il Papa Paolo VI. I tre furono intervistati in RAI di fronte ad un nutrito gruppo di giornalisti nazionali per uno speciale organizzato da Sergio Zavoli.

Targa ricordo Michael Collins

Nelle foto la targa ricordo per il luogo di nascita di Michael Collins, a Roma, sulla facciata del palazzo di Via Tevere n.16. Credit: Sergio D’Afflitto

 Il servizio e il dovere hanno fatto parte di Collins per tutta la sua vita. Si è laureato presso l'Accademia Militare degli Stati Uniti a West Point e in seguito è entrato a far parte dell'Air Force ed è diventato un pilota collaudatore. La NASA lo scelse come astronauta nel 1963 e il suo primo volo fu a bordo della Gemini 10, una missione di tre giorni lanciata il 18 luglio 1966. Il volo, comandato da John Young, stabilì un record di altitudine. Il motore a razzo di un veicolo bersaglio Agena, a cui si erano attraccati, li portò a un'altitudine di 766 chilometri. Successivamente i due astronauti eseguirono un rendezvous con una seconda Agena. In quella missione, Collins divenne il quarto essere umano a condurre una passeggiata nello spazio, il terzo astronauta statunitense, quando recupererà un dispositivo di rilevamento di micrometeoriti da quell'Agena. Compresa la missione Apollo 11, Collins ha soggiornato 266 ore nello spazio. Egli ha anche servito come CAPCOM (CAPsule COMmunicator) per l'Apollo 8, trasmettendo le informazioni tra il controllo della missione e l'equipaggio.

nasa apollo11 astronaut post mission

Nelle foto, da sinistra, Neil Armstrong, Michael Collins e Buzz Aldrin il 24 luglio 1969, salutano dall'interno dello speciale veicolo per la quarantena, dopo il rientro dalla missione Apollo 11. Credit: NASA

 Da ragazzo, Collins sognava di andare nello spazio. "Scherzavo sul fatto che la NASA mi ha mandato nel posto sbagliato, sulla Luna," disse, "perché penso che Marte sia un posto più interessante. È un posto di cui leggo sempre fin da quando ero bambino". Marte era anche un luogo di cui ha scritto da adulto. L'Apollo 11 è stato il suo ultimo viaggio nello spazio e non si è mai soffermato ad aver perso l'occasione di camminare sulla Luna. “Come astronauta ho sempre pensato di avere il miglior lavoro del mondo, e lo penso ancora," ha detto, "ma per me quando era finita era finita". Tuttavia, disse, guardando in alto e vedendo la Luna avrebbe pensato: "'Oh mio Dio! Ci sono stato!' Ero lassù, vedi. Questo pensiero mi prende quasi di sorpresa nonostante tutti questi anni." Collins ha definito il suo tempo con la NASA "un capitolo della mia vita - il capitolo più brillante della mia vita - ma non l'unico". Collins ha raggiunto il grado di maggiore generale ed ha lasciato la NASA nel 1970 per entrare nel Dipartimento di Stato. Successivamente è diventato direttore dello Smithsonian National Air and Space Museum di Washington, supervisionandone la costruzione e l'apertura nel 1976. Divenne vicepresidente di LTV Aerospace and Defense Co. Nel 1980, ma lasciò tale incarico nel 1985 per avviare una propria azienda. È stato un consulente indipendente che ha scritto e tenuto conferenze sullo spazio. Nel corso degli anni ha scritto diversi libri: "Carrying the Fire" nel 1974, (considerato il migliore di tutte le autobiografie degli astronauti) "Flying to the Moon and Other Strange Places" nel 1976, "Liftoff: The Story of America's Adventure in Space" nel 1988 e "Mission to Mars" nel 1990.

nasa apollo11 astronaut obama 2009

Nelle foto, da sinistra, Buzz Aldrin, Michael Collins e Neil Armstrong, nel 2009, assieme al Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, per il 40ennale dello sbarco sulla Luna. Credit: NASA/Bill Ingalls

 Collins ha ricevuto lauree honoris causa da sei università. Le decorazioni e i premi ricevuti includono la Presidential Medal for Freedom, il Robert J. Collier Trophy, il Robert H. Goddard Memorial Trophy e l'Harmon International Trophy. Negli ultimi anni, Collins non ha rallentato. Ha gareggiato nel triathlon, amava la pesca e ha persino iniziato a dipingere.

Questa è una perdita dolorosa per l'esplorazione umana dello spazio. Ormai rimangono solo in pochissimi coloro che hanno eseguito quelle storiche missioni. Fra l'altro l’emblema dell’Apollo 11 era stato ideato proprio da Collins, che voleva trasmettere il senso di un allunaggio pacifico da parte degli Stati Uniti: un’aquila con un ramo di ulivo nel becco che raggiunge il suolo lunare, con la Terra in lontananza. Alla NASA pensarono che gli artigli dell’aquila potessero risultare troppo minacciosi, quindi decisero di spostare il ramo d’ulivo dal becco agli artigli. Sull’emblema non c’erano i nomi dei tre astronauti, che vollero in questo modo riconoscere il lavoro di squadra delle migliaia di persone che resero possibile quella missione.

Letto: 73 volta/e Ultima modifica Giovedì, 29 Aprile 2021 04:48

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Massimo Martini

Sono appassionato di astronomia e di astronautica fin da quella notte del luglio 1969 quando, a poco più di sei anni, vidi i primi uomini mettere piede sulla Luna. La passione è cresciuta con gli anni e, sebbene non si sia trasformata in attività lavorativa, sono diventato un grande appassionato. Nel 1992, in pieno viaggio di Nozze, sono riuscito a trascinare persino la mia dolce metà al Kennedy Space Center per vedere il lancio del primo italiano nello spazio. Dal 2000 al 2017 ho realizzato e curato il sito astronautica.us che è stato sempre aggiornato ed il più possibile affidabile nelle informazioni. Purtroppo, per motivi personali sono stato costretto a chiudere il sito nel luglio 2017.
Sono stato, assieme a mia moglie, uno dei responsabili delle prime tre edizioni della convention 'AstronautiCON', che hanno visto anche la presenza di illustri ospiti nel campo astronautico. Al momento collaboro saltuariamente con la rivista del settore 'Spazio Magazine', attivamente con il sito aliveuniverse.today ed ho una rubrica fissa astronomica sul magazine locale 'Quello che c'è'.

www.astronautica.us | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 Maggio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 4/5 - Sol 864] - Meteorol...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Maggio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 Aprile [updated on 04/1...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista