Scritto: Lunedì, 27 Maggio 2013 05:54 Ultima modifica: Lunedì, 27 Maggio 2013 06:47

Marte: anche Opportunity scopre un ambiente favorevole alla vita


Dopo oltre nove anni sul Pianeta Rosso, con due strumenti non più operativi, il rover della NASA Opportunity è riuscito in una delle scoperte più importanti della sua carriera, identificando nella zona di Cape York, un segmeneto di 22 chilometri circa sul bordo occidentale del grande cratere Endeavour, un altro ambiente marziano favorevole alla vita.

Le analisi sulla roccia chiamata "Esperance" hanno confermato la presenza di argilla alterata da acqua neutra, uno dei luoghi più ospitali incontrati da Opportunity in questi anni di esplorazione.

Rate this item
(0 votes)

Opportunity sol 3262 Esperance

Credit: NASA/JPL-Caltech/Cornell/Arizona State Univ.

Dopo oltre nove anni sul Pianeta Rosso, con due strumenti non più operativi, il rover della NASA Opportunity è riuscito in una delle scoperte più importanti della sua carriera, identificando nella zona di Cape York, un segmeneto di 22 chilometri circa sul bordo occidentale del grande cratere Endeavour, un altro ambiente marziano favorevole alla vita.

Le analisi sulla roccia chiamata "Esperance" hanno confermato la presenza di argilla alterata da acqua neutra, uno dei luoghi più ospitali incontrati da Opportunity in questi anni di esplorazione: risultati, questi, altrettanto importanti come quelli ottenuti dal più moderno Curiosity al lavoro nel cratere Gale.

Sono circa 20 mesi che il rover si muove intorno al cratere Endeavour, dove le immagini orbitali del NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) avevano segnalato un'alterazione acquosa di olivina e pirosseno e la presenza smectite, un particolare tipo di argilla che, assorbendo acqua si espande e si contrae. Contiene silicio, alluminio, ferro o magnesio e si forma in presenza di acqua non acida. Tale processo potrebbe essersi verificato durante o subito dopo la formazione del cratere.

Si pensa che questo sito sia veramente antico, del periodo periodo Noachiano, più precisamente databile tra i 3700 e 4000 milioni di anni fa.

"Esperance era così importante, ci siamo impegnati diverse settimane per ottenere delle misurazioni anche se sapevamo che l'orologio ticchettava", ha detto Scott McLennan della State University di New York.

In effetti, il rover si sarebbe dovuto spostare verso Solander Point, 2 / 2,5 chilometri più a sud, non più tardi del 9 maggio: qui, il rover trascorrerà al sicuro i prossimi sei mesi dell'inverno marziano. Ma Esperance era un target troppo importante per essere abbandonato: sembrava contenesse così tante tracce di acqua le cui alterazioni potevano essere individuate da Opportunity.

Opportunity mappa Cape York

Credit: NASA / JPL-Caltech / University of Arizona

Esperance è diversa da qualsiasi altra roccia studiata in precedenza dal rover: contiene più alluminio e silicio, indicativi di minerali argillosi, e livelli più bassi di calcio e ferro mentre la maggior parte delle rocce incontrate finora si sono formate in un ambiente di acqua più acida ed aggressiva.

 Opportunity Microscopic Imager sol 3301 - Esperance

Opportunity Microscopic Imager sol 3301 - Esperance
Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Opportunity Microscopic Imager sol 3301 - Esperance anaglyph

Opportunity Microscopic Imager sol 3301 - Esperance anaglyph
Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Piccole quantità di materiali argillosi erano stati individuati dal rover già a Whitewater Lake, dove le vene chiare contenute nelle rocce erano però piuttosto sottili, troppo, affinché il rover riuscisse ad analizzarle.

Solo una settimana fa, il 15 maggio (Sol 3309), Opportunity ha battuto il vecchio record americano fissato 40 anni fa, nel dicembre 1972, dal Lunar Roving Veichle, guidato dagli astronauti dell’Apollo 17 Eugene Cernan e Harrison Schmitt, diventando il primo rover ad aver percorso il maggior numero di chilometri su una superficie extraterrestre: 35,76 chilometri.
Le atttività di questi giorni hanno incrementato ulteriormente la strada fatta, fino a 36,14 chilometri e Opportunity batterà presto il record mondiale del Lunokhod 2 sovietico di 37 chilometri!

Letto: 2379 volta/e Ultima modifica Lunedì, 27 Maggio 2013 06:47
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista