Scritto: Martedì, 04 Febbraio 2014 14:17 Ultima modifica: Martedì, 04 Febbraio 2014 17:11

NASA Curiosity: giù per Dingo Gap


Avevamo lasciato Curiosity intento a studiare un possibile percorso alternativo per raggiugere la sua destinazione finale alle pendici del Monte Sharp.
In una delle foto panoramiche della MastCam, il team di missione aveva individuato un possibile passaggio, chiamato Dingo Gap, una duna di sabbia alta circa 1 metro che unisce due scarpate.

Rate this item
(0 votes)

Curiosity sol 528 Dingo Gap anaglyph

Curiosity sol 528 Dingo Gap anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Avevamo lasciato Curiosity intento a studiare un possibile percorso alternativo per raggiungere la sua destinazione finale alle pendici del Monte Sharp.
In una delle foto panoramiche della MastCam, il team di missione aveva individuato un possibile passaggio, chiamato Dingo Gap, una duna di sabbia alta circa 1 metro che unisce due scarpate.

Tale soluzione alternativa è stata presa in esame dagli scienziati per limitare i danni, già abbastanza significativi, alle ruote del rover ed evitare un terreno aspro e tagliente.

Curiosity traverse sol 528 Dingo Gap

Image Credit: NASA/JPL-Caltech

Gli scienziati, però, hanno valutato con molta cautela la situazione per evitare poi di trovarsi di fronte a preoccupanti sorprese, come accadde al povero Spirit impantanato ad Home Plate, o ad Opportunity, che impiegò diverse settimane per uscire da "Purgatory Dune" scavando tracce di 10 centimetri.

Oltre alla consistente duna di sabbia, anche la profondità ha generato preoccupazione perché le comunicazioni con la Terra potrebbero risentirne.

Curiosity - Dingo Gap

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Curiosity Dingo Gap

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Il rover si è avvicinato progressivamente al passaggio e con sol 528 (30 gennaio) si è posizionato proprio sul bordo, guardando dall'altra parte con la Navigation Camera. Le immagini catturate hanno permesso di realizzare il mosaico - anaglifo in apertura: non c'è che dire, sembra veramente una bella discesa!

Oltre ad essere ripida, taglia le pareti rocciose e credo che ogni geologo vorrebbe essere al posto del rover per poter camminare li in mezzo!
Penso che più Curiosity scenderà in basso e più scoperte farà: proprio alla fine della discesa, c'è una parete completamente erosa.

Curiosity sol 527 MastCam left

Curiosity sol 527 MastCam left
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Non so quanti di voi si soffermano a guardare le immagini a piena risoluzione ma direi che la geologia del posto è veramente interessante.

In questo mosaico del sol 529 (31 gennaio), in cui il rover guardava in direzione sud-sudovest, ci sono rocce in cui deve essere scritta la storia di Marte. Alcune sono caratterizzate da una sorta di banda superiore e un tempo dovevano far parte di un unico blocco, altre sono delle lamine stratificate simili a quelle che Curiosity aveva visto allo Shaler.

Curiosity sol 529 MastCam right

Curiosity sol 529 MastCam right
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Tuttavia, non so quanto Curiosity si soffermerà durante il cammino perché la sua destinazione finale rimane comunque il Monte Sharp ma sappiamo già che farà tappa al punto chiamato KMS-9, designato come nuovo target di perforazione, il terzo dopo John Klein e Cumberland.

"Questa zona è interessante perché possiamo vedere unità di terreno diverse da tutte quelle visitate da Curiosity finora", sottolinea Katie Stack del California Institute of Technology di Pasadena. "Un'unità ha striature tutte orientate in una direzione. L'altra è liscia, senza striature. Non sappiamo ancora che cosa sono. La grande attrazione dell'esplorazione è vedere cose nuove".

Curiosity KMS-9

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Il 3 febbraio ecco la conferma: Curiosity attraverserà Dingo Gap.
Le simulazioni condotte al JPL suggeriscono che il rover può superare la duna, mentre su Marte, sono stati eseguiti test sulle tracce lasciate (mars.jpl.nasa.gov/msl/multimedia/raw/?s=#/?slide=528), procedura che verrà ripetuta a breve, non appena Curiosity metterà la ruota nella sabbia.

In attesa di procedere, una piccola anticipazione.
Tra le immagini della MastCam del sol 529 (31 gennaio) c'è una sorpresa: una foto al tramonto dove potrebbe essere visibile anche la Terra ma per ora è disponibile solo in formato miniatura! Stay tuned!

Curiosity 0529ML2098008000I1 DXXX-br

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Letto: 2782 volta/e Ultima modifica Martedì, 04 Febbraio 2014 17:11
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 22 gennaio [updated on Jan,22]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista