Scritto: Sabato, 07 Dicembre 2013 20:47 Ultima modifica: Domenica, 08 Dicembre 2013 12:14

Curiosity: la ChemCam supera i 100.000 colpi di laser


La Chemistry and Camera (CheCam) di Curiosity, lo strumento utilizzato dal rover per analizzare la composizione chimica delle rocce marziane, ha superato i 100.000 colpi di laser sparati su Marte.

Il traguardo è stato raggiunto, su una roccia chiamata "Itaca" a fine ottobre: il centomillesimo zap faceva parte di una raffica di 300 colpi sparati su 10 porzioni diverse del target, da una distanza di 4.04 metri dalla cima di Curiosity dove è montato il laser.

Rate this item
(0 votes)

Curiosity Itaca centomillesimo colpo di laser

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

La Chemistry and Camera (CheCam) di Curiosity, lo strumento utilizzato dal rover per analizzare la composizione chimica delle rocce marziane, ha superato i 100.000 colpi di laser sparati su Marte.

Il traguardo è stato raggiunto, su una roccia chiamata "Itaca" a fine ottobre: il centomillesimo zap faceva parte di una raffica di 300 colpi sparati su 10 porzioni diverse del target, da una distanza di 4.04 metri dalla cima di Curiosity dove è montato il laser.

"Itaca" fa parte della zona di Cooperstown, a Waypoint 2, il secondo punto di interesse individuato dal team di missione lungo il percorso per il Monte Sharp.

Curiosity sol 439 Cooperstown MastCam right mosaic

Curiosity sol 439 Cooperstown MastCam right mosaic
"Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44

Questa roccia ha un aspetto ruvido ma è liscia nella parte superiore: sembra essere una roccia sedimentaria che sporge dal pavimento del cratere Gale.

Curiosity Itaca patch

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Nel mosaico in apertura, realizzato con le immagini del micro-imager della ChemCam, è indicato proprio il centomillesimo zap. Nella foto sono mostrati in totale 10 punti colpiti dal laser, ciascuno dei quali, ha ricevuto 30 impulsi.

Curiosity ha analizzato la roccia partendo dal basso, ossia dalla zona più ruvida, verso l'alto dove il materiale sembra più fine ma, nonostante il diverso aspetto, la composizione è simile.

Lo spettro registrato dalla ChemCam, che misura l'intensità della luce a 6.144 lunghezze d'onda, ultraviolette, visibili ed infrarosse, è tipico di una roccia di origine vulcanica (basalto).
In sostanza, Itaca è una roccia sedimentaria, i cui sedimenti hanno origini ignee.
Gli elementi identificati dallo spettro includono: silicio, magnesio, alluminio, calcio, sodio, potassio, ossigeno e titanio, compresi cromo e manganese, non indicati nel grafico.

Curiosity Itaca Spectrum

Credit: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/IRAP/UNM

Ma come funziona la ChemCam?

La Chemistry and Camera (ChemCam) è uno dei dieci strumenti scientifici a bordo di Curiosity.
E' stata realizzata dall'U.S. Department of Energy del Los Alamos National Laboratory, a Los Alamos, Nuovo Messico, in collaborazione con gli ingegneri finanziati dall'Agenzia Spaziale Francese CNES, l'Università di Tolosa e l'centro di ricerca CNRS.

Utilizza un laser ad infrarossi per eccitare il materiale: l'energia del laser colpisce la roccia e ne eccita gli atomi in superficie, trasformandoli in plasma ionizzato. Quindi, un telescopio riflettore, osserva la luce emessa ed, attraverso una fibra ottica, la invia a tre spettrometri che ne analizzano lo spettro per identificare gli elementi chimici del target.

Curiosity ChemCam

Credit: J-L. Lacour/CEA/French Space Agency (CNES)

La maggior parte dei bersagli vengono colpiti in diversi punti con 30 impulsi laser per ciascuno.
Ogni zap trasporta più di un millione di watt (1 MegaWatt) per millimetro quadrato, per una durata di 5 miliardesimi di secondo.

Un team internazionale di scienziati sta utilizzando tali dati per caratterizzare la superficie marziana:
"Questi materiali includono polvere, terriccio portato dal vento, sedimenti del bordo del cratere trasportati dall'acqua, venature di solfati e rocce ignee che potrebbero essere state espulse da altre parti di Marte", ha detto Horton Newsom della University of New Mexico di Albuquerque.

La tecnica utilizzata dalla ChemCam è chiamata spettroscopia di ripartizione indotta da laser (LIBS), che da il nome anche ad uno dei due strumenti di telerilevamento della ChemCam stessa.
E' stata utilizzata sulla Terra in ambienti estremi, come l'interno dei reattori nucleari o il fondo del mare e, in via sperimentale, in ambito medico nella ricerca sul cancro.

Lo strumento della ChemCam, quindi, si compone di due elementi: il primo, lo abbiamo appena nominato, è il Laser-Induced Breakdown Spectrometer (LIBS), l'altro è il Remote Micro-Imager (RMI).

Curiosity ChemCam schema

La ChemCam, in pratica permette, agli scienziati di ottenere alcune importanti informazioni base su un gran numero di target, compresi quelli in posizioni poco accessibili per altri strumenti del rover. Alcuni di essi, poi, vengono selezionati per ulteriori indagini.
La ChemCam è anche in grado di lavorare in spettroscopia passiva ma in questo modo l'individuazione degli elementi rimane senz'altro più difficile e meno precisa.

LIBS è stato progettato per operare tra i - 30 e i +30 gradi Celsius, fino a 2 milioni di impulsi.
Si concentra su bersagli entro 7 metri dal rover, producendo uno spot tra i 0,3 e i 0,6 mm di diametro.
L' energia che raggiunge il campione è circa il 50% della luce iniziale emessa.

Curiosity è alto 2,2 metri e la ChemCam è proprio in cima: questo, insieme alla distanza a cui viene scelto di utilizzare il laser, permette di ottenere dei fori praticamente perpendicolari anche quando il target è in piano.

La luce del plasma generato viene raccolta da un telescopio di tipo Cassegrain da 110 millimetri di diametro e concentrata su un cavo in fibra ottica lungo 6 metri.
La fibra trasporta la luce a tre spettrometri che registrano gli spettri in un range dai 240 ai 850 nanometri, in 6.144 canali.

Naturalmente, tutte le ottiche devono esser state opportunamente selezionate per lavorare alle gamme richieste.

L'immagine che segue mostra la simulazione di un raggio laser che colpisce un bersaglio metallico, sulla Terra e su Marte. Nel test, condotto presso un laboratorio di prova del Los Alamos National Laboratory, è stata simulata la pressione atmosferica del Pianeta Rosso, che, essendo solo l'un per cento di quella terrestre al livello del mare, consente al plasma di espandersi e diventare più luminoso.

Curiosity laser Earth Mars

Credit: LANL

Curiosity Chemcam positionIl target di calibrazione della ChemCam si trova sul ponte del rover a 1,54 metri dallo strumento e comprende nove campioni di materiali selezionati dagli scienziati per Marte, più una placca di titanio con bordo verniciato.

Nella seguente immagine, dall'alto a sinistra abbiamo:
- quattro campioni di vetro sintetizzato che rappresentano le rocce ignee marziane;
- una grafite naturale che si trova in un fiume del Perù;
- sotto, quattro tipi di ceramiche che rappresentano le rocce sedimentarie;
- la placca di titanio per la calibrazione della lunghezza d'onda e i test diagnostici del laser.

CuriosityChemCam calibration target

Credit: NASA/JPL-Caltech

Il RMI è il sistema visivo del LIBS ma a differenza di quest'ultimo non ha limitazioni di distanza per il target.

La fotocamera ha restituito ad oggi oltre 1.600 immagini riprendendo non solo bersagli mirati ma anche scorci del paesaggio lontano. Il risultato non è certo paragonabile ai panorami della MastCam o alla definizione del MAHLI ma è comunque suggestivo.

Curiosity ChemCam gif-movie sol 475

Curiosity ChemCam gif-movie sol 475
"Courtesy NASA/JPL /Caltech/MSSS" processing 2di7 & titanio44

Il RMI ha un campo visivo di 19 milliradianti e il CCD della fotocamera è un 1024 x 1024 pixel.

La seguente foto, che rappresenta un dollaro fotografato da tre metri di distanza, aiuta a comprendere la modalità di ripresa.

Curiosity ChemCam test dollaro

Credit: NASA/JPL-Caltech/LANL

Su Marte il risultato appare meno nitido: le immagini della ChamCam mostrano una definizione ed illuminazione più elevata al centro mentre sono più scure e sfocate verso l'esterno.
Questo dipende da una capacità di messa a fuoco localizzata (d'altra parte, il principale scopo dello strumento è quello di supporto visivo al LIBS) e dal livello di illuminazione ambientale.
Alla fine, le elaborazioni richiedono non poco lavoro per riuscire ad ottenere risultati soddisfacenti.

Segue un esempio: un'immagine raw del sol 443 ed il nostro mosaico a colori.

Curiosity ChemCam sol 443

 Credit: NASA/JPL-Caltech/LANL

Curiosity sol 443 ChemCam stack

Curiosity sol 443 ChemCam stack
"Courtesy NASA/JPL-MSSS Caltech/LANL" processing 2di7 & titanio44

Alcuni riferimenti:
http://www.msl-chemcam.com/
http://msl-scicorner.jpl.nasa.gov/Instruments/ChemCam/
http://www.jpl.nasa.gov/news/news.php?release=2012-256

Read 2454 times Ultima modifica Domenica, 08 Dicembre 2013 12:14
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 21 Gennaio 

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 20 gennaio)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 19 gennaio [Last update: jan,19]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 9/12/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 19 gennaio [Last update: 19/01].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al20/1/20 - Sol 406

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 12/1/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 18 Gennaio [updated on Jan,18]

HOT NEWS