Scritto: Lunedì, 05 Agosto 2013 18:27 Ultima modifica: Lunedì, 05 Agosto 2013 19:37

Curiosity: primo anno su Marte


Mancano ormai poche ore ai festeggiamenti: lo scorso 6 agosto alle 7:32 ora italiana, Curiosity aveva appena toccato il suolo marziano atterrando con estrema precisione a "Bradbury Landing", l'area prescelta all'interno del cratere Gale, trasformando i "sette minuti" di terrore della discesa, in sette minuti di gloria.

Rate this item
(0 votes)

Mancano ormai poche ore ai festeggiamenti: lo scorso 6 agosto alle 7:32 ora italiana, Curiosity aveva appena toccato il suolo marziano atterrando con estrema precisione a "Bradbury Landing", l'area prescelta all'interno del cratere Gale, trasformando i "sette minuti" di terrore della discesa, in sette minuti di gloria.

Da allora il rover ha inviato a Terra 190 gigabit di dati; più di 36.700 immagini full frame e 35.000 immagini thumbnail; sparato più di 75.000 colpi di laser per studiare la composizione dei target scientifici; raccolto e analizzato il materiale di due campioni di rocce e guidato per oltre 1,6 chilometri.

In un solo anno di missione ha già raggiunto l'obiettivo principale, confermando che alcune zone del cratere Gale potrebbero aver ospitato un ambiente favorevole alla vita.

Ora, dopo aver abbandonato l'area di Yelloknife Bay e di Glenelg, dove ha lavorato per oltre sei mesi, è tornato in direzione del luogo di atterraggio, oltrepassandolo e dirigendosi verso le pendici del monte Sharp, dove studierà gli strati inferiori della montagna.

Curiosity Map

Credit:  NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Ha esaminato da vicino, per la prima volta su Marte, depositi di ghiaia fluviale, chiaro segno che nel cratere Gale scorreva acqua liquida; ha trovato le tracce di un ambiente passato favorevole alla vita microbica in soli otto mesi di missione, studiando i campioni prelevati dalle rocce marziane John Klein e Cumberland (le cui analisi sono tutt'ora in corso).

Il video in apertura, è un nostro omaggio alla missione con il quale abbiamo voluto riassumere i momenti più significativi.

"Ora sappiamo che Marte ha offerto le condizioni favorevoli per la vita microbica miliardi di anni fa", ha detto lo scienziato John Grotzinger del California Institute of Technology di Pasadena.
"E' stato un successo gratificante ma ha anche stuzzicato la nostra curiosità di saperne di più. Speriamo che gli invitanti strati del monte Sharp conservino una vasta diversità di altre condizioni ambientali di abitabilità".

Curiosity ha anche trovato indizi dell'antica atmosfera del pianeta e ha misurato i livelli di radiazioni nel viaggio di andata verso Marte ed ora sta continuando ad acquisire dati in superficie, fondamentali per i progetti futuri, soprattutto nell'ottica di una prima missione umana.

Adesso, il rover, abbandonati i due affioramenti di Point Lake e dello Shaler, sta continuando la sua traversata, con un buon andamento, verso l'alta montagna al centro del cratere Gale.

Ecco le immagini dei ultimi sol.

L'affioramento di circa 3 metri al centro del mosaico è informalmente chiamato "Twin Cairns Island" e si trova a 30 metri dal rover.

Curiosity sol 343 mastCam right

Curiosity sol 343 mastCam right
"Courtesy NASA/JPL /Caltech/MSSS" processing 2di7 & titanio44

Curiosity sol 344 MastCam right detail

Curiosity sol 344 MastCam right detail
"Courtesy NASA/JPL /Caltech/MSSS" processing 2di7 & titanio44

Il panorama che segue è un 360 del sol 351 in cui purtroppo mancava la cima del monte Sharp, da noi ricostruita e posizionata in modo volutamente visibile.

Curiosity sol 351 NavCam  Right B

Curiosity sol 351 NavCam  Right B
"Courtesy NASA/JPL /Caltech/MSSS" processing 2di7 & titanio44

Ma Curiosity non si sta limitando a guidare e a scattare immagini: proprio in questi giorni, è in programma la consegna al SAM del primo campione di roccia prelevato da Cumberland.

Un grande lavoro aspetta ancora Curiosity e il suo team e la missione sicuramente ci regalerà ancora grandi emozioni e scoperte.

Letto: 1398 volta/e Ultima modifica Lunedì, 05 Agosto 2013 19:37
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 20 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista