Scritto: Lunedì, 22 Luglio 2013 05:41 Ultima modifica: Lunedì, 22 Luglio 2013 20:21

Marte: Curiosity e gli indizi dell'atmosfera passata


Da quando il rover delle NASA Curiosity è atterrato su Marte quasi un anno fa, i suoi strumenti di bordo hanno continuato ad analizzare campioni di aria marziana.

Grazie agli ultimi dati e agli studi sugli antichi meteoriti, ora sappiamo per certo che il pianeta deve aver perso gran parte della sua atmosfera circa 4 miliardi di anni fa e, la sua atmosfera di allora, non era poi così diversa da quella residua di oggi.

Rate this item
(0 votes)

Curiosity SAM - TLS

Credit: NASA/JPL-Caltech

Da quando il rover delle NASA Curiosity è atterrato su Marte quasi un anno fa, i suoi strumenti di bordo hanno continuato ad analizzare campioni di aria marziana.

Grazie agli ultimi dati e agli studi sugli antichi meteoriti, ora sappiamo per certo che il pianeta deve aver perso gran parte della sua atmosfera circa 4 miliardi di anni fa e, la sua atmosfera di allora, non era poi così diversa da quella residua di oggi.

Attualmente, gli isotopi del carbonio e dell'ossigeno arricchiscono la sottile atmosfera del pianeta, rispetto alle proporzioni che potevano esser presenti alle origini: questo non solo prova che gran parte dell'atmosfera marziana è andata persa ma alimenta i dubbi su come possa esser successo realmente.

"Poiché l'atmosfera è andata persa, la firma del processo è stata incorporata nel rapporto isotopico," spiega Paul Mahaffy del Goddard Space Flight Center della NASA, Greenbelt, Maryland, ricercatore per il SAM e autore principale di uno dei due articoli pubblicati sul numero del 19 luglio della rivista Science.

Il sospetto è che dopo la formazione del pianeta, si deve esser verificato un evento violento che ha causato la perdita improvvisa dell'atmosfera, riducendola a quel che vediamo oggi.
Un grande impatto potrebbe essersi verificato durante la prima storia di Marte, quando anche il resto dei corpi nel Sistema Solare era costantemente sotto attacco di rocce spaziali (tale periodo è noto come Late Heavy Bombardment, ossia intenso bombardamento tardivo).

Il SAM (Sample Analysis at Mars), a bordo di Curiosity, ricalca in un certo senso le misurazioni già effettuate dalle sonde Viking ma con molta più precisione. In effetti, i dati di oltre trent'anni fa sembrano concidere: Curiosity ha solo identificato un po' più argon e un po' meno azoto.

Da quando il rover è atterrato nel cratere Gale, il SAM ha prelevato diversi campioni di aria marziana, misurando i vari gas ed isotopi (varianti dello stesso elemento chimico con differenti pesi atomici).

Il SAM è il più grande dei 10 strumenti scientifici a bordo di Curiosity: pesa circa 40 chilogrammi e a sua volta, è composto da una suite di tre dispositivi che vengono usati dal rover anche per le analisi di campioni solidi di rocce e terreno. Contiene: uno spettrometro di massa costruito dal Goddard (QMS), un gascromatografo costruito in Francia (GC) e uno spettrometro laser costruito al JPL (TLS).

Curiosity SAM - schema

Image credit: NASA/JPL-Caltech

L'immagine di apertura mostra il Tunable Laser Spectrometer (TLS), ossia lo spettrometro laser.
In questa foto dimostrativa è utilizzato un laser visibile, piuttosto che infrarosso effettivamente adoperato per le analisi, per mostrare come il fascio rimbalza tra i vari specchi.
Misurando l'assorbimento della luce a lunghezze d'onda specifiche, lo strumento può misurare le concentrazioni di metano, anidride carbonica e vapore acqueo nell'atmosfera marziana e diversi isotopi di questi gas.

Il SAM ha verificato il rapporto tra gli isotopi più pesanti e quelli più leggeri: questi dati permettono agli scienziati di capire quali elementi devono essere sfuggiti nello spazio quando Marte ha perso la sua atmosfera.

L'arricchimento in isotopi più pesanti dell'atmosfera marziana era già stato misurato attraverso le bolle di gas contenute nei meteoriti ed indicano che una perdita di atmosfera poteva essersi verificata nel corso del primo miliardo di storia del pianeta.

I dati rilasciati da Curiosity la scorsa settimana forniscono delle misurazioni ancora più precise e confermerebbero gli studi sui meteoriti marziani e i modelli di perdita atmosferica. D'altra parte le evidenze dell'acqua liquida che un tempo scorreva in superficie sono a loro volta una prova di un'atmosfera più densa.

Tuttavia, gli strumenti di Curiosity non misurano direttamente l'attuale tasso di fuga atmosferica ma lo farà la prossima missione della NASA Mars Atmosphere and Volatile Evolution Mission (MAVEN).

Read 1949 times Ultima modifica Lunedì, 22 Luglio 2013 20:21
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 4 Aprile

statisticaMENTE

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 4 Aprile sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 4 Aprile [Last update: 04/04/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS