Scritto: Mercoledì, 26 Giugno 2013 20:41 Ultima modifica: Giovedì, 27 Giugno 2013 06:17

Curiosity: rocce ignee o sedimentarie? Il mistero di Point Lake


Curiosity sta ormai studiando lo Shaler da qualche sol, peraltro anche in una posizione un po' scomoda a causa di un'inclinazione del terreno eccessiva per poter estendere in sicurezza il suo braccio robotico. Ma torniamo un po' indietro, al sol 304 quando era ancora a Point Lake.

Rate this item
(0 votes)

Curiosity sol 304 MAHLI

Curiosity sol 304 MAHLI
"Courtesy NASA/JPL /Chaltech/MSSS"processing 2di7 & titanio44

Curiosity sta ormai studiando lo Shaler da qualche sol, peraltro anche in una posizione un po' scomoda a causa di un'inclinazione del terreno eccessiva per poter estendere in sicurezza il suo braccio robotico. Ma torniamo un po' indietro, al sol 304 quando era ancora a Point Lake.

Li il rover ha incontrato un dettaglio veramente interessante di cui avevamo già pubblicato alcune elaborazioni in un nostro post precedente.

L'immagine originale ravvicinata ripresa dal MAHLI è disponibile al seguente link: mars.jpl.nasa.gov/msl/multimedia/raw/?rawid=0304MH0299001000C0_DXXX&s=304

La foto è stata scattata in condizioni di illuminazione diurna, senza alcun led.
La nostra elaborazione è stata enfatizzata per mettere in risalto i diversi colori e materiali.

Se l'affioramento di Point Lake aveva destato interesse osservato da lontano, dopo questo incontro ravvicinato ha suscitato ancora più curiosità.

La roccia è probabilmente di origine magmatica ma presenta molti fori, occupati da materiale diverso da quello principale.

In particolare, il materiale nei fori sembra essere più fine e leggermente più scuro rispetto al resto, ma anche più resistente agli agenti atmosferici. In molto casi, vi è un solco che separa i due elementi, ossia la roccia stessa e il sedimento incluso.

Nella foto in apertura, il buco contiene un inserto molto più scuro e anche abbastanza grande, con una macchia bianca nella parte superiore.

Nelle immagini seguenti potete vedere lo stesso dettaglio in anaglifo (si vede piuttosto bene, vi consiglio di procurarvi un paio di occhialini 3D!) e in 3D:

Curiosity sol 304 MAHLI anaglyph

Curiosity sol 304 MAHLI anaglyph
"Courtesy NASA/JPL /Chaltech/MSSS"processing 2di7 & titanio44

Curiosity sol 304 MAHLI 3D

Curiosity sol 304 MAHLI 3D
"Courtesy NASA/JPL /Chaltech/MSSS"processing 2di7 & titanio44

Queste foto, secondo il team, lasciano ancor più spazio all'interpretazione.

Il materiale osservato nei buchi, ripreso con un'ottima definizione dal MAHLI, potrebbero essere sassolini finiti in fori preesistenti, trasportati ad esempio dal vento. Ma questa ipotesi sembra improbabile per la dimensione della ghiaia.

Oppure potrebbero essere ciottoli che già facevano parte della roccia, come ci si aspetterebbe se Point Lake fosse una pietra arenaria (e quindi sedimentaria).

Oppure, se Point Lake fosse ignea, i materiali nei fori potrebbero essere singoli cristalli più grandi, fenocristalli, che si formano più rapidamente rispetto al resto della roccia ancora calda.

Come ultima ipotesi, il materiale nei fori potrebbe esser stato inglobato in seguito, ad opera di fluidi e gas: in questo caso resterebbero validi entrambi gli scenari, roccia magmatica e sedimentaria.

Certo è che i processi in gioco su Marte sono stati molto complessi!

Letto: 1962 volta/e Ultima modifica Giovedì, 27 Giugno 2013 06:17
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 17 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 17/1/21 - Sol 760] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 gennaio [Last updat...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista