Scritto: Martedì, 07 Maggio 2013 13:30 Ultima modifica: Martedì, 07 Maggio 2013 18:04

Da rivedere l'obiettivo della missione MSL: il monte Sharp modellato dall'azione eolica e non dall'acqua


Il monte Sharp, l'enorme tumulo di 5, 5 chilometri che sorge al centro del cratere Gale, dove da agosto dello scorso anno opera il rover della NASA Curiosity, si potrebbe esser formato a seguito dell'azione del vento e non dell'acqua: se il risultato di questo nuovo studio fosse corretto, le aspettative sull'abitabilità passata del cratere Gale, e di Marte, si ridurrebbero notevolmente.

Rate this item
(0 votes)

130507 MonteSharp

Il monte Sharp, l'enorme tumulo di 5, 5 chilometri che sorge al centro del cratere Gale, dove da agosto dello scorso anno opera il rover della NASA Curiosity, si potrebbe esser formato a seguito dell'azione del vento e non dell'acqua: se il risultato di questo nuovo studio fosse corretto, le aspettative sull'abitabilità passata del cratere Gale, e di Marte, si ridurrebbero notevolmente.

I ricercatori della Princeton University e del California Institute of Technology suggeriscono che il monte Sharp sarebbe emerso a seguito dell'azione dei venti all'interno del grande cratere.

L'aria risalirebbe il bordo del cratere durante il giorno, quando il suolo marziano è più caldo, mentre spazzolerebbe le pareti verso il basso di notte. Questo movimento, a lungo andare, avrebbe causato un accumulo al centro del cratere, dove i venti tenderebbero ad arrestarsi, depositando polveri e materiale.

Tali presupposti preannuncerebbero che, quando Curiosity si dirigerà verso il monte Sharp troverà meno indizi del caldo e umido passato di Marte, rispetto a quanto stimato.

Di fronte a questa prospettiva, però, si contrappongono i risultati delle ultime analisi del rover, che avrebbe trovato le evidenze di un ambiente favorevole alla vita nei pressi del sito John Klein, dove è stata effettuata la prima perforazione e le prime analisi del campione di una roccia marziana.

Tuttavia, un tempo, il monte Sharp poteva ergersi al di fuori delle acque che invece invadevano il fondo del cratere Gale, spiega il co-autore dello studio Kevin Lewis. Se così fosse, allora, per cercare gli ambienti abitabili del Marte del passato, sarebbe opportuno dirigere il rover altrove.

"Il nostro lavoro non esclude l'esistenza di laghi nel cratere Gale ma suggerisce che la maggior parte del materiale del Mount Sharp sia stato depositato in gran parte dal vento", spiega Lewis, che ha lavorato con l'autore principale dello studio, Edwin Kite.

"Questi tumuli sedimentari avrebbero comunque inglobato milioni di anni di storia del clima marziano", aggiunge Lewis.

Read 1921 times Ultima modifica Martedì, 07 Maggio 2013 18:04
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 9/7/20 - Sol 574] - Meteo...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista