Scritto: Martedì, 19 Marzo 2013 05:03 Ultima modifica: Lunedì, 01 Aprile 2013 11:59

Curiosity: il cratere Gale era ricco d'acqua. Altre prove intrappolate nelle rocce


Quale immagine scegliere per rappresentare gli ultimi risultati rilasciati ieri nel corso del Lunar and Planetary Science Conference tenutosi in Texas?
Curiosity ha ottenuto ulteriori prove che l'acqua una volta scorreva copiosa nel cratere Gale e le sue tracce sono rimaste intrappolate nelle vene minerali all'interno delle rocce.

Rate this item
(0 votes)

Curiosity Horizon SOL 3 "before us"

Curiosity Horizon SOL 3 "before us"
Once upon a time, in a faraway place, there was a water mirror....
"Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44 

Quale immagine scegliere per rappresentare gli ultimi risultati rilasciati ieri nel corso del Lunar and Planetary Science Conference tenutosi in Texas?
Curiosity ha ottenuto ulteriori prove che l'acqua una volta scorreva copiosa nel cratere Gale e le sue tracce sono rimaste intrappolate nelle vene minerali all'interno delle rocce.

Il rover dal suo canale di Twitter scrive:

La scorsa settimana il team scientifico del rover ha annunciato i già promettenti risultati delle analisi sul primo campione di polvere prelevato con il trapano dalla roccia John Klein: il Marte del passato aveva ambienti favorevoli alla vita microbica.
Ora, i nuovi risultati confermano che queste condizioni erano estese all'intera area e non sono una peculiarità del sito di perforazione.

D'altra parte i dati orbitali avevano già identificato interessanti caratteristiche nella zona.
La seguente mappa mineralogica del cratere Gale mostra in verde i filosilicati (argille), in blu e magenta i solfati, in rosso l'olivina ed in arancione solfati misti ad argille. La croce gialla, indica il sito di atterraggio di Curiosity, Bradbury Landing.

CRISM map of Gale crater, with Curiosity landing site marked

Credit: NASA / JPL / JHUAPL / Ralph Milliken

L'utilizzo combinato di immagini in infrarosso e lo strumento a bordo del rover che spara neutroni sul terreno marziano per verificare la presenza di idrogeno, il Dynamic Albedo of Neutrons (DAN), ha permesso agli scienziati di identificare minerali idrati anche in altre zone vicino al cuscinetto di argilla ("fango indurito", come spesso è stato definito), John Klein.

"Alcune vene di ferro e altri minerali possono essere rilevati e mappati con la MastCam, vicino l'infrarosso", ha riferito Jim Bell dell'Arizona State University di Tempe.

L'esperimento ha utilizzato la ruota di filtri della MastCam per riprendere i target a diverse lunghezze d'onda, scoprendo così che le riprese in infrarosso possono essere utilizzate per rilevare alcuni tipi di minerali idrati.

Filters for Color Imaging and for Science

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS/ASU

Questa tecnica è stata utilizzata a Yellowknife Bay perché qui diverse rocce presentano venature luminose.
Il primo bersaglio è stata la roccia chiamata "
Knorr".

Rock Target 'Knorr' Near Curiosity in Rover's Self-Portrait

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS 

"Con la Mastcam, vediamo segnali di idratazione elevati nelle vene sottili che tagliano molte delle rocce in questo settore", ha detto Melissa Rice del California Institute of Technology, Pasadena. "Queste vene luminose contengono minerali idrati diversi dai minerali argillosi della matrice circostante".

Veins and Nodules at 'Knorr' Target in 'Yellowknife Bay' of Gale Crater

Veins and Nodules at 'Knorr' Target in 'Yellowknife Bay' of Gale Crater
Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS 

In pratica, la MastCam è stata utilizzata per misurare la quantità di luce riflessa alle varie lunghezze d'onda e questo ha prodotto indicazioni spettrali che possono essere utilizzate per definire la composizione del target.
Il grafico seguente mostra i principali spettri registrati in due diversi punti di Knorr con lunghezze d'onda crescenti dal visibile verso l'infrarosso (da sinistra a destra).

Indication of Hydration in Veins and Nodules of 'Knorr' in 'Yellowknife Bay'

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS/ASU 

La seguente foto è invece una mappa di idratazione minerale del target, ricavata dagli scatti del sol 133 (20 dicembre 2012). L'area ripresa è di circa 25 centimetri.

Hydration Map, Based on Mastcam Spectra, for 'Knorr' Rock Target

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS/ASU 

L'esperimento è stato ripetuto anche su altri target. Ad esempio, su "Tintina", un piccolo frammento di roccia rotto dal passaggio di Curiosity, di appena 3 centimetri per 4 centimetri, ripreso dalla MastCam durante il sol 160 (17 gennaio 2013).

Rock "Tintina" Exposes "Yellowknife Bay" Vein Material

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS 

Hydration Map, Based on Mastcam Spectra, for broken rock 'Tintina'

 Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS/ASU 

Il DAN sembra invece confermare che il cratere Gale oggi è essenzialmente "arido" e l'idrogeno individuato è legato esclusivamente alle molecole d'acqua presenti nei minerali.
Questo strumento spara neutroni sul terreno e i sensori rilevano come vengono riflessi: quando un neutrone si scontra con un atomo di idrogeno, allora rimbalza con una caratteristica diminuzione di energia. il DAN è in grado di lavorare anche in modalità passiva, senza inviare neutroni sul terreno ma sfruttando i raggi cosmici galattici.

Il grafico che segue indica le misurazioni effettuate dal Dynamic Albedo of Neutrons durante il tragitto di Curiosity.

Variations of DAN measurements along Curiosity traverse

Credit: NASA/JPL-Caltech/Russian Space Research Institute

Il DAN rileva anche piccoli quantitativi d'acqua, principalmente legati alle caratteristiche minerali delle rocce.
Il grafico successivo rappresenta la quantità e la profondità di acqua rilevata durante la traversata di Curiosity.

Variation in Water Content in Martian Subsurface Along Curiosity's Traverse

Credit: NASA/JPL-Caltech/Russian Space Research Institute 

I risultati dello spettrometro Alpha Particle X-ray (APXS) a bordo del rover hanno confermato che i processi avvenuti in presenza d'acqua, che hanno prodotto argilla a Yellowkinife Bay, non hanno apportato significative variazioni agli elementi chimici già presenti. Alla fine basta eliminare un po' di polvere superficiale, per avere letture più chiare.

"Con la rimozione della polvere, abbiamo una migliore lettura che spinge verso una classificazione della composizione basaltica", spiega Mariek Schmidt della Brock University, Saint Catharines, Ontario, Canada.
Le rocce sedimentarie di Yellowknife Bay si sono probabilmente formate quando le originali rocce basaltiche sono state suddivise in frammenti, trasportate, ri-depositate come particelle sedimentarie e mineralogicamente alterate da esposizione all'acqua.

"Abbiamo trovato un ambiente abitabile che è così benigno e di supporto per la vita che, probabilmente, se questa acqua era li e noi fossimo stati sul pianeta, avremmo potuto berla", ha dichiarato John Grotzinger, lo scienziato a capo della missione Mars Science Laboratory, presso il California Institute of Technology di Pasadena, in California.

Nel frattempo però, per Curiosity non sono finiti i problemi e nonostante gli ultimi grandi risultati, le attività scientifiche sono ancora bloccate: il 16 marzo il rover è entrato nuovamente in safe mode, dopo i problemi manifestatesi a fine febbraio e in via di risoluzione. Così gli ingegneri avrebbero individuato un nuovo ostacolo: un semplice bug nel software, di facile risoluzione, legato ad un controllo di dimensioni su un file di comando.

Read 3958 times Ultima modifica Lunedì, 01 Aprile 2013 11:59
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

AcquistaLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora

 

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 4 Aprile

Log: Missioni e Detriti

  • COVID-19 update
    COVID-19 update

    Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in Italia, con possibili sviluppi futuri. (aggiornamento del 4 Aprile sera)

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 4 Aprile [Last update: 04/04/2020]

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubble Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 3 Aprile [Last update: 04/03/2020].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 2/4/20 - Sol 478] 

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 25/3/20). 

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 21 Marzo [updated on March,21]

HOT NEWS