Scritto: Domenica, 03 Febbraio 2013 21:46 Ultima modifica: Giovedì, 14 Febbraio 2013 06:29

Un altro fiore marziano tra gli scatti Curiosity


Inutile dire come siamo rimasti sorpresi quando pochi minuti fa, riguardando una porzione di panorama pubblicata oggi stesso sul nostro album di Flickr, abbiamo notato un elemento veramente curioso.

Concedeteci l'onore di presentarvi il vero "Fiore di Marte"!

Rate this item
(0 votes)

CURIOSITY sol 173 detail Fiore di Marte

CURIOSITY sol 173 detail Fiore di Marte
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Inutile dire come siamo rimasti sorpresi quando pochi minuti fa, riguardando una porzione di panorama pubblicata oggi stesso sul nostro album di Flickr, abbiamo notato un elemento veramente curioso.

Concedeteci l'onore di presentarvi il vero "Fiore di Marte"!

Se la singolare formazione ripresa dal MAHLI nel sol 132 era riuscita a scatenare tanto scalpore, questa non può essere da meno. C'è da sottolineare infatti, che in questo caso, non stiamo osservando un piccolo dettaglio su una superficie rocciosa ma una formazione di dimensione ben diversa, ripresa dalla MastCam right di Curiosity.

Purtroppo non conosciamo la distanza del rover dal target e quindi è difficile stimare le sue dimensioni. Tuttavia, questa strana struttura, sull'immagine originale, misura 30/35 pixel e sappiamo che la MastCam right fornisce una risoluzione di 150 micron per pixel a 2 metri di distanza. Così, se si trovasse a 2 metri da Curiosity sarebbe alta circa 0,5 centimetri. Ma indubbiamente è più lontano e crediamo che la sua altezza sia in realtà alcune decine di centimetri (** Aggiornamento).

Nel momento dello scatto (2013-01-30 23:39:36 UTC) il Sole si trovava a circa 240° Az/alt nel cratere Gale e generava un'ombra (apparente) quasi uguale alla sua altezza (nella nostra direzione).

Al momento riusciamo a proporvi solo un dettaglio magnificato poiché l'area di interesse non risulta essere presente in altre immagini (* Aggiornamento).
Nel panorama a 360° del sol 170 il corrisponde sinistro, che ci permetterebbe di ottenere un anaglifo e un 3d è mancante e si trova esattamente nell'area in cui abbiamo utilizzato la patch del sol 137. Quest'ultima posizione tuttavia, aveva un angolo di visuale differente ed era più lontana dal nostro target.

CURIOSITY sol 173 Another Martian flower

CURIOSITY sol 173 Another Martian flower
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Non riusciamo a definire cosa sia esattamente: potrebbe essere ghiaccio ospitato in una forma bizzarra, reale in quanto proietta un'ombra coerente al suolo, oppure potrebbe essere un minerale, in ogni caso l'albedo è sicuramente significativo. Analogamente, la struttara potrebbe essere una roccia più resistente all'erosione rispetto al resto, o qualcosa che è "cresciuto" sulla roccia stessa. In ogni caso, l'albedo ricorda un metallo e come accade alle superfici metalliche su Marte che tendono a pulirsi facilmente, è privo di polveri e lucente sotto i raggi del Sole.

Curiosity forse, dovrebbe fare onore al suo nome ed andare a controllare!

* Aggiornamento
Ieri 6 febbraio 2013, sono state rilasciate le immagini della MasCam left dello stesso sol e questo ci ha permesso di creare un anaglifo della strana formazione. Indossate gli occhialini 3D!

CURIOSITY sol 173 MastCam left and right - Another Martian flower ANAGLYPH

CURIOSITY sol 173 MastCam left and right - Another Martian flower ANAGLYPH
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

** Aggiornamento
Nel nostro post iniziale, non conoscendo la distanza tra Curiosity e il target ma avendola stimata maggiore di 2 metri, avevamo valutato l'altezza della strana formazione in alcune decine di centimetri. Ora, grazie alle due immagini, sinistra e destra, della NavCam di Curiosity del sol 168 in cui, anche se molto piccola, è presente la curiosa formazione e al software AlgorimancerPG, segnalato sul forum www.unmannedspaceflight.com, sappiamo che il target era distante dal rover circa 8 / 9 metri e quindi la sua dimensione, con una buona approssimazione, dovrebbe essere tra i 2 e i 3 centimetri.

Letto: 30259 volta/e Ultima modifica Giovedì, 14 Febbraio 2013 06:29
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

9 commenti

  • Comment Link Livio Mercoledì, 17 Agosto 2016 18:09 posted by Livio

    Somiglia anche ad un piccolo rettile in posizione da Tirannosaurus-Rex :) sembra di distinguere bene (senza gli occhialetti 3D che non ho) un cranio allungato e due zampette frontali su un corpo tozzo e cicciotto, con coda corta, collo e zampe sotto piegate. Certo, su Marte é facile vedere delle cose che non esistono.

  • Comment Link Rocket Ron Sabato, 16 Febbraio 2013 17:55 posted by Rocket Ron

    Navy Vet, eh? Ever removed a dolphin's appendix?

  • Comment Link NewHampshireBoy Sabato, 16 Febbraio 2013 02:28 posted by NewHampshireBoy

    Contrary to popular opinion, NASA has never been a civilian agency. It is directly linked to the Dept. of Defense. I know because I have seen the official document. What this means is that you will hear the same old BS year after year and never the truth. No matter how many of you give me a thumbs down, I have told you the truth! NASA-Never a Straight Answer. US Navy Vet

  • Comment Link Elisabetta Bonora Mercoledì, 13 Febbraio 2013 05:10 posted by Elisabetta Bonora

    Here the update with the scientific explanation http://bit.ly/X1fUt7 (and here on the official NASA's website http://www.nasa.gov/mission_pages/msl/news/msl20130211.html)

  • Comment Link Rocket Ron Lunedì, 11 Febbraio 2013 13:23 posted by Rocket Ron

    Obviously a door-handle. One twist and pull, then the whole rock section will hinge outward giving access to the Martian tunnel complex. Need to find out if access is via stairs or ramps as the rover drivers may need to adapt the programming to cope. An in-and-out autonomous drive will of course be required as orbiter contact could not be maintained through the rock. Would love to be a fly on the wall at JPL now. Those guys must be going wild!

  • Comment Link Martina Lunedì, 11 Febbraio 2013 11:25 posted by Martina

    Obviously: Some parts of an alienspaceship that crashed on mars, now they will head over to planet earth and eat all of our brains :-))
    Maybe its just the effect of direct lighting with some metal/copper/etc. in the rock that reflects incoming light rays perpendicular to its arrival sector (called phong-shading in computer graphics).
    Regards,
    Martin
    http://www.lelala.de

  • Comment Link PJ Lunedì, 11 Febbraio 2013 07:42 posted by PJ

    Yes, lower left hand corner of that pic has many anomalies. It is highly probable they are not natural. The area where the chisel marks are would not simply come into existence with rock that is consistent. The area is "shaped". There is one small area where it appears there are two fossils, but I needed to brighten the pic to get better contrast. I am a rockhound and have seen thousands of rocks and rock settings in nature. That picture from Mars has some very questionable areas, in addition to the metallic "crab". Why is the area in front of it depressed and clean? Why is there a ridge that vaguely resembles the shape of the thing? If it were alive, would the area in front of it, be its sleeping area? I have blown up the image and it appears to have an "eye" on the end, much like crabs on earth. I rarely get excited about stuff, but I believe the "experts" are missing a lot in that photo. Some of the anomalies are right there for all to see !

  • Comment Link achim seiler Lunedì, 11 Febbraio 2013 06:36 posted by achim seiler

    please look at the very bottom of the picture as well. there is something whixh looks like a slot in a stone. out of metal

  • Comment Link Steve Kormondy Lunedì, 11 Febbraio 2013 04:10 posted by Steve Kormondy

    Take a good closeup look at Full panorama ffrom "Rocknest" SOL 64 708773 main and yyou will find artificial relics left by aancient peoples. I have some posted on my ffasebook.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista