Scritto: Mercoledì, 09 Gennaio 2013 05:32 Ultima modifica: Martedì, 15 Gennaio 2013 06:08

Il rover della NASA Curiosity usa la spazzola per la prima volta


Il 7 gennaio 2013, è stato un altro giorno fondamentale per il rover della NASA Curiosity che, per la prima volta, ha utilizzato la sua spazzola per togliere la polvere che ricopre le rocce marziane.

Rate this item
(0 votes)

CURIOSITY Ekwir_1 - Dust Removal Tool

CURIOSITY Ekwir_1 "Dust Removal Tool" (false color)
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Il 7 gennaio 2013, è stato un altro giorno fondamentale per il rover della NASA Curiosity che, per la prima volta, ha utilizzato la sua spazzola per togliere la polvere che ricopre le rocce marziane.

"La roccia sottostante e la polvere trasportata dal vento su di essa sono di materiale diverso", ha detto Curiosity dal suo canale di Twitter @Mars_Curiosity. "Seguiranno analisi".

Il team di missione ha autorizzato l'operazione dopo un'accurata scelta del target: la roccia selezionata è detta "Ekwir_1" e fa parte del suolo di Yellowknife Bay, il bacino nell'area di Glenelg dove il rover ha trascorso le festività natalizie.

CURIOSITY sol 150 MAHLI Ekwir_1 3D

CURIOSITY sol 150 MAHLI Ekwir_1 3D
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

"Volevamo essere sicuri di avere l'obiettivo otiimale come primo utilizzo" ha detto Diana Trujillo del NASA Jet Propulsion Laboratory, Pasadena, California. "Abbiamo bisogno di collocare lo strumento a meno di un centimetro dal target senza pericolo per l'hardware. Avevamo bisogno di un bersaglio piano, uno che non fosse ruvido, uno che fosse coperto di polvere. Il risultato ha certamente un bell'aspetto".

CURIOSITY sol 150 MAHLI Ekwir_1 details

CURIOSITY sol 150 MAHLI Ekwir_1 details
"Courtesy NASA/JPL-California Institute of Tecnology" processing 2di7 & titanio44

Lo strumento utilizzato dal rover per pulire Ekwir_1 si chiama Dust Removal Tool: è una spazzola motorizzata, posizionata nella torretta alla fine del braccio robotico del rover, insieme al Alpha Particle X-ray Spectrometer (APXS), al Mars Hand Lens Imager (MAHLI) e al trapano. Ha lo scopo di togliere la polvere superficiale sulle rocce marziane per un migliore utilizzo degli altri strumenti scientifici.

Il Dust Removal Tool è stato costruito dalla Honeybee Robotics, di New York, che ha lavorato anche sulle spazzole metalliche di Spirit e Opportunity.

Letto: 2079 volta/e Ultima modifica Martedì, 15 Gennaio 2013 06:08
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 14 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/1/21 - Sol 758] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 12 Gennaio [Last ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 gennaio [Last update...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 10/11/20). Le manovre della so...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista