Scritto: Lunedì, 07 Gennaio 2013 06:17 Ultima modifica: Lunedì, 14 Gennaio 2013 05:49

Il "Fiore di Marte" tra gli scatti di Curiosity a Yellowknife Bay


Dopo il clamore scatenato dalle immagini del misterioso e brillante oggetto del sol 61, successivamente ritenuto una parte del rover, ecco una nuova foto che fa parlare di sé.
Lo scatto risale ai subframe del MAHLI (Mars Hand Lens Imager ) del sol 132 di Curiosity.

Rate this item
(0 votes)

CURIOSITY sol 132 MAHLI - il Fiore di Marte

CURIOSITY sol 132 MAHLI - il Fiore di Marte
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Dopo il clamore scatenato dalle immagini del misterioso e brillante oggetto del sol 61, successivamente ritenuto una parte del rover, ecco una nuova foto che fa parlare di sé.
Lo scatto risale ai subframe del MAHLI (Mars Hand Lens Imager ) del sol 132 di Curiosity.

L'immagine è stata scattata dal rover il 19 dicembre 2012 alle 17:44:33 UTC (disponibile sul sito ufficiale al seguente link http://mars.jpl.nasa.gov/msl/multimedia/raw/?rawid=0132MH0158001000E1_DXXX&s=132) e da noi successivamente elaborata e pubblicata sul nostro canale di Flickr il 23 dicembre 2012. Solo due giorni dopo, il giorno di Natale, la nostra elaborazione è stata diffusa anche sul canale www.lunexit.it.

Il presidente e fondatore di Lunar Explorer Italia/Italian Planetary Foundation Dr. Paolo C. Fienga, presentando l'immagine, aveva scritto:

"Vi suggeriamo di notare l'apparente "sgranatura" ed "apertura secondo linee di frammentazione" delle sue componenti emergenti (una sorta di micro-pistilli - passateci il paragone, please...).

La nostra ipotesi "esotica"? E' un "fiore", oppure il residuo madreperlaceo di una qualche Forma Vitale Indigena."

Oggi, questa foto sta facendo il giro del mondo: forum, blog e testate giornalistiche, nazionali e d'oltreoceano, parlano del "Fiore di Marte": così, l'intuizione del Dr. Fiega di oltre 10 giorni fa, si è trasformata in una notizia da prima pagina.

Curiosity, raggiunta l'interessante area geologica di “Glenelg”, è arrivato sul bordo della zona chiamata "Yellowknife Bay" durante il sol 124 e si è inserito nel bacino nel sol 125 (12 dicembre).

Durante il periodo festivo ha scattato molte foto panoramiche che consentiranno al team di missione di selezionare la roccia da utilizzare per la prima perforazione con il trapano.

CURIOSITY NavCam right sol 133

CURIOSITY NavCam right sol 133
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

L'area in cui si trova il rover non manca di curiose formazioni: nel panorama 360° ripreso con la NavCam di Curiosity la NASA stessa ha segnalato, proprio al centro del mosaico, una roccia a forma di serpente, soprannominata quindi "Snake River". E' una sottile linea curva di roccia scura che si estende sopra la zona più chiara e pianeggiante, sicuramente un obiettivo valido per gli strumenti del rover.
"E' un pezzo del puzzle" ha detto John Grotzinger del California Institute of Technology di Pasadena, in un comunicato. "E' in relazione con la roccia circostante e sembra essersi formato dopo lo strato che lo attraversa".

Il "fiore di Marte", invece, è stato ripreso dal MAHLI, la fotocamera di Curiosity utilizzata per scatti ravvicinati.

Al momento non conosciamo nello specifico la scala di acquisizione ma il dettaglio potrebbe essere veramente piccolo: non dimentichiamo infatti che il MAHLI può arrivare ad una risoluzione di 15 micrometri per pixel.

La strana formazione, sia che si scelga un'interpretazione esotica o meno, è indubbiamente interessante: è un dettaglio assolutamente isolato sulla roccia che lo ospita. Apparentemente trasparente, traslucido, riflettente, sembra in parte incastonato nella superficie ma isolato rispetto ad essa.

Anche se fosse solo un minerale, meriterebbe di certo un approfondimento.

E mentre il web si scatena con interpretazioni varie, arriva una conferma direttamente dalla NASA, tramite il portavoce del JPL, Guy Webster che ha dichiarato a NBCNews.com: "l'oggetto sembra essere parte della roccia e non un detrito del rover".

Letto: 3609 volta/e Ultima modifica Lunedì, 14 Gennaio 2013 05:49
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

3 commenti

  • Comment Link Elisabetta Bonora Mercoledì, 13 Febbraio 2013 07:07 posted by Elisabetta Bonora

    Ciao Raffaele,
    questo articolo come vedi è stato scritto diverso tempo dopo la data dello scatto in questione, di cui su questo sito non avevamo neppure parlato perché ci sembra un evidente anomalia mineralogica (per quanto sicuramente interessante). Ci eravamo limitati a pubblicare la foto elaborata (enfatizzata) sul nostro album di Flickr (quella che trovi nel post). Qui si fa riferimento non al dettaglio di per sé che ovviamente è in una foto originale e chiunque abbia buon occhio, curiosità e tempo può guardare, individuare e segnalare ma si parla dell'appellativo assegnato in rete alla strana formazione, non su queste pagine ma su quelle di http://www.lunexit.it. Chiamarlo esattamente "Fiore di Marte" è stata davvero una bella coincidenza!

  • Comment Link Raffaele Martedì, 12 Febbraio 2013 21:59 posted by Raffaele

    L'oggetto a cui fate riferimento in questa immagine è stato identificato il 21 notte, nonché segnalato il 22 dicembre mattina su ForumAstronautico.it (http://www.forumastronautico.it/index.php?topic=18899.10) e a NASA/JPL/Planetary Society. Un post su UmannedSpaceFlight il 23 mattina è stato (verosimilmente) ripreso da un sito di "complottismo" americano e trasformato nel caso del "fiore marziano". Nessuno vi ha portato via nulla. Eventualmente chiedere a chi per primo ha fatto una analisi circostanziata dell'oggetto e della geologia/geomorfologia dell'area...

  • Comment Link Paolo C. Fienga Lunedì, 07 Gennaio 2013 12:35 posted by Paolo C. Fienga

    Un ottimo articolo, ben scritto, essenziale e soprattutto chiaro. Noi, come Gruppo Lunar Explorer Italia, non chiediamo "onori" e "cronache", ma non siamo neppure pronti nè disposti a farci portar via, per giunta senza nemmeno sentirci dire "Grazie" quello che è il frutto di anni di esperienza e migliaia di ore di lavoro. Un abbraccio a EB ed MF ed a TUTTI gli Amici di AliveUniverseImages!

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 19 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Gennaio [Last ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 gennaio [Last updat...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/1/21 - Sol 762] - Mete...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 gennaio [updated on Jan,10]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista