Scritto: Sabato, 01 Ottobre 2016 10:41 Ultima modifica: Sabato, 01 Ottobre 2016 17:12

Da Curiosity nuove scoperte sull'evoluzione climatica di Marte


La storia climatica di Marte si rivela sempre più complessa ed interessante. Le analisi condotte da Curiosity con il Sample Analysis at Mars (SAM) su xeno e kripton hanno mostrato che il materiale della crosta del pianeta deve aver contribuito in modo dinamico alla composizione atmosferica nel corso del tempo.

Rate this item
(0 votes)
Riepilogo del processo chimico che coinvolgendo il materiale sulla superficie di Marte, può aver introdotto elementi nell'atmosfera del pianeta. Riepilogo del processo chimico che coinvolgendo il materiale sulla superficie di Marte, può aver introdotto elementi nell'atmosfera del pianeta. Crediti: NASA's Goddard Space Flight Center

Questi due gas sono utilizzati dagli scienziati per studiare l'evoluzione e la perdita dell'atmosfera sul Pianeta Rosso.
Molti dati sono stati recuperati dallo studio dei meteoriti marziani e dalle missioni Viking ma "i precedenti studi su xeno e cripto hanno raccontato solo una parte della storia", ha dichiarato nel report Pamela Conrad, ricercatrice principale dello strumento presso il Goddard Space Flight Center della NASA.
"Il SAM ora ci sta dando il primo punto di riferimento completo in situ con cui confrontare le misurazioni sui meteoriti".

Di interesse per gli scienziati sono alcuni isotopi dei due gas xeno e kripton.
Il team ha utilizzato la spettrometria di massa statica per rilevare anche piccole quantità con i laboratori interni di Curiosity, un metodo appliato per la prima volta sulla superficie di un altro pianeta.
Nel complesso i risultati ottenuti erano in accordo con gli studi precedenti ma alcuni rapporti isotopici erano un po' più alti del previsto. La causa di queste differenze potrebbe dipendere da un processo chiamato cattura neutronica, in base al quale i neutroni potrebbero esere stati trasferiti da un elemento chimico ad un altro all'interno del materiale della superficie del pianeta. In particolare, sembra che alcuni isotopi del bario abbiano perso neutroni a vantaggio dello xeno per formare livelli più elevati degli isotopi xeno-124 e 126. Allo stesso modo, il bromo avrebbe ceduto neutroni per produrre livelli insoliti di kripton-80 e kripton-82.
Questi isotopi sarebbero stati rilasciati nell'atmosfera a causa di impatti sulla superficie o per via del rilascio naturale dei gas dalla regolite marziana.
"Le misure del SAM forniscono la prova di un processo molto interessante in base al quale la roccia ed il materiale non consolidato in superficie hanno contribuito alla composizione isotopica dello xeno e del kripton in atmosfera in modo molto dinamico", ha affermato Conrad.

"La scoperta di queste interazioni nel tempo ci consente di ottenere una maggiore comprensione dell'evoluzione planetaria", ha commentato Michael Meyer, scienziato del Mars Exploration Program della NASA a Washington.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1556 times Ultima modifica Sabato, 01 Ottobre 2016 17:12
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

  • NEO News

    Notizie e aggiornamenti sugli incontri ravvicinati con oggetti potenzialmente pericolosi e sulla loro catalogazione. Ultimo aggiornamento: 19 Ottobre (ore 15)

Log: Missioni e Detriti

  • Rilevazione di Onde Gravitazionali
    Rilevazione di Onde Gravitazionali

    Stato della rivelazione di probabili Onde Gravitazionali da parte di Virgo e Ligo (aggiornato al 6 Ottobre).

  • ISS height
    ISS height

    Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Internazionale.

    Aggiornamento del 18/10 [Last update: Oct,18]

  • Hayabusa 2 operations
    Hayabusa 2 operations

    Le manovre della sonda giapponese intorno a Ryugu (aggiornato il 15/10/19).

  • HST orbit
    HST orbit

    Hubbe Space Telescope orbit monitor.

    Aggiornamento del 18/10 [Last update: Oct,18].

  • Insight statistics
    Insight statistics

    Meteorologia e numero di immagini trasmesse dal lander geologo [aggiornato al 18/10 - Sol 317]

  • OSIRIS REx operations
    OSIRIS REx operations

    Le manovre della sonda americana intorno a Bennu (aggiornato il 13/8/19).

  • Curiosity odometry
    Curiosity odometry

    Statistiche sulla distanza percorsa, posizione, velocità e altezza del rover Curiosity.

    Aggiornato il 16 Ottobre [updated on Oct,16] Hot!

HOT NEWS