Scritto: Giovedì, 26 Maggio 2016 06:57 Ultima modifica: Venerdì, 12 Agosto 2016 18:00

Curiosity: undicesimo foro con selfie


Come preannunciato, il team della missione Curiosity non ha perso tempo e, a pochi sol di distanza dal foro su Lubango, ha utilizzato il trapano una seconda volta per raccogliere campioni da un target chiamato Okoruso. Questo è l'undicesimo foro marziano.

Rate this item
(0 votes)
Curiosity selfie sol 1338 Curiosity selfie sol 1338 Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Okoruso fa parte della cosiddetta unità Stimson, l'arenaria scura alla base del monte Sharp caratterizzata, in alcuni punti, da grandi fratture distanziate contornate da una sorta di alone chiaro. Questi ultimi due fori sono serviti proprio ad analizzare questa peculiarità, così come era stato fatto per i fori su Big Sky e Greenhorn, rispettivamente fuori e dentro l'alone.

Ecco la compilation di fori al completo:
John Klein (sol 182), Cumberland (sol 279), Windjana (sol 621), Confidence Hills (sol 759), Mojave (sol 882), Telegraph Peak (sol 908), Buckskin (sol 1060), Big Sky (sol 1119), Greenhorn (sol 1137), Lubango (sol 1320) e Okoruso (sol 1332, 5 maggio 2016)

Fori su Marte

Fori su Marte

Tavola riepilogativa degli undici fori eseguiti da Curiosity con le immagini scattate dal MAHLI sotto l'illuminazione naturale ed una versione saturata della stessa che mette in risalto analogie e differenze di colori e quindi di materiali

Le attività di analisi sui campioni precedenti prelevati da Lubango, lo scarico del materiale e il nuovo foro su Okoruso sono state pianificate ed attuate piuttosto velocemente. Lauren Edgar, geologo presso l'USGS Astrogeology Science Center e membro del team Curiosity ha commentato: "Sono impressionato di come siamo diventati efficienti nella foratura (abbiamo concluso l'ultimo foro appena un paio di sol fa). A volte ho bisogno di fare una pausa e ricordare a me stesso come è unico ed emozionante tutto questo. In quello che sembra un normale mercoledì, stiamo in realtà praticando un foro su un altro pianeta!".

Scarico del campione prelevato da Lubango

Scarico del campione prelevato da Lubango - anaglifo
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Ovviamente, il rito vuole che dopo una trpanazione Curiosity si scatti un selfie per documentare il sito.
L'ultimo, ripreso durante il sol 1338 (11 maggio 2016), è composto da 60 immagini acquisite nell'arco di un'ora circa. Ma questo ritratto non è proprio uguale agli altri: Curiosity si è fotografato sia con la "testa" verso l'obiettivo che girata, come se stesse guardando l'orizzonte.
In attesa della versione ufficiale, noi abbiamo scelto di assemblare solo questa versione proprio perché ne abbiamo apprezzato la simpatica novità. Il selfie in apertura è disponibile per il download in full-size nella nostra gallery.

Curiosity, che ha da poco festeggiato due anni marziani nel cratere Gale, sta ora tornando verso i margini dell'altopiano Naukluft, in una zona con vista sulle creste frastagliate della "Fracture Town" (per essere costantemente aggiornati seguite i "Mission Log" di Marco Di Lorenzo)

Curiosity route mapd - 23 maggio 2016

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona / Phil Stooke, University of Western Ontario

La pianificazione delle attività ha subito qualche rallentamento negli ultimi giorni a causa di alcuni ritardi nello smistamento dei dati tra il team del Mars Reconnaissance Orbiter (MRO), la sonda che funge da ponte per le comunicazioni con la Terra, e la squadra di Curiosity. Nonostante tutto, il rover ha iniziato a sperimentare l'utilizzo del software AEGIS ((Autonomous Exploration for Gathering Increased Science) che consentirà alla ChemCam di scegliere autonomamente gli obiettivi.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 7559 volta/e Ultima modifica Venerdì, 12 Agosto 2016 18:00
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link leopoldo Giovedì, 26 Maggio 2016 17:41 posted by leopoldo

    a furia di fare buchi, mi chiedo sperano di farne uno nell'acqua?

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 25 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista